I Biden e la questione Ucraina: un affare di famiglia?

Articolo di Luca Maragna de “l’Osservatore Repubblicano” pubblicato su Termometro Politico il 24/11/2019 Il Vicepresidente Joseph R. Biden Jr., durante la presidenza Obama si è occupato della questione Ucraina e il suo mandato consisteva nel fare pressione sul Governo Ucraino affinché combattesse in modo più efficace la corruzione dilagante e contrastasse il potere degli oligarchi. Durante il viaggio in Ucraina, nel marzo 2016, Biden ha minacciato di trattenere … Continua a leggere I Biden e la questione Ucraina: un affare di famiglia?

Thanksgiving Day: il Giorno del Ringraziamento

Festa religiosa tipicamente americana, simbolo di unione familiare, di fede e di patria. Il Thanksgiving Day o Giorno del Ringraziamento è una festa tradizionale americana che si celebra il quarto giovedì di novembre quando i terreni hanno ormai esaurito il raccolto e ci si prepara per la rigida stagione invernale. I Padri Pellegrini della Mayflower La ricorrenza risale al 1621 e ha origine dai Padri … Continua a leggere Thanksgiving Day: il Giorno del Ringraziamento

Q3: L’economia Usa non è morta

Sebbene si stia parlando solamente di impeachment ultimamente, non bisogna dimenticarsi che buona parte della politica e delle elezioni americani ruoti intorno all’economia. Nel terzo trimestre del 2019 l’aumento del PIL inizialmente stimato all’1,9%,è stato del +2,1%. A spingere la crescita è stata la domanda di beni strumentali (escluso il settore dell’aviazione) cresciuta dell’1,2% dopo mesi di contrazione, anche le spedizioni sono aumentate di circa … Continua a leggere Q3: L’economia Usa non è morta

SILICON VALLEY E CITY SEMPRE PIU’ VICINI, INVESTIMENTI FINTECH USA DA RECORD A LONDRA

Le società di venture capital americane non temono la Brexit. Anzi. Secondo una ricerca di Pitchbook & London Partners nel 2019 hanno già investito 4,4 miliardi di dollari a Londra per contratti con società inglesi nell’ambito del fintech. La società londinese Monzo ha fatto la parte del leone, ricevendo 144 milioni di dollari dalla società di investimenti della Silicon Valley, Y Combinator. Proprio il rapporto … Continua a leggere SILICON VALLEY E CITY SEMPRE PIU’ VICINI, INVESTIMENTI FINTECH USA DA RECORD A LONDRA

Chi è John Bel Edwards?

Il governatore democratico è appena stato rieletto nello stato della Louisiana, uno dei più conservatori di tutta la federazione. Il giubilo nelle redazioni progressiste, non è ovviamente mancato,urge dunque ricordare il motivo per il quale è stato fondato questo blog; raccontare la politica americana da un punto di vista conservatore, dato che tutte le testate giornalistiche “indipendenti” non fanno altro che propagandare per i liberals, … Continua a leggere Chi è John Bel Edwards?

Il ceto medio vola grazie a Trump

Grazie al quarantacinquesimo presidente, il reddito medio familiare statunitense è passato in soli 3 anni da 61,000$ a 66,000$ l’anno, circa 4 volte tanto rispetto alla presidenza Obama, quando la crescita fu solo di 1200$ in sette anni effettivi di presidenza. Il confronto è impressionante anche con i due mandati di Bush, con un aumento di soli 400$. A questo si deve aggiungere il fatto … Continua a leggere Il ceto medio vola grazie a Trump

Legislatore repubblicano della Georgia: “La transizione di genere dei minori è un crimine”

Un legislatore della Contea di Cobb vuole rendere reato, per i medici, effettuare operazioni su un minore per il cambio di sesso. Un legislatore della Contea di Cobb vuole rendere reato, per i medici, effettuare operazioni su un minore per il cambio di sesso. La rappresentante Ginny Ehrhart, (R) di Powder Springs, ha affermato che la legislazione mira a proteggere i bambini dall’esecuzione di procedure … Continua a leggere Legislatore repubblicano della Georgia: “La transizione di genere dei minori è un crimine”

L’urlo della Silent Majority

Il mondo appariva silenzioso, ma potevo sentire le esultanti urla dalla Trump Tower, e le lacrime scorrere sui volti di chi Hillary l’aveva sostenuta, credendosi perfino moralmente superiore. Era l’8 novembre 2016. Una data che rimarrà negli annali della politica, perché è stato il giorno in cui l’America – quella stanca di Obama, disillusa dalla sua politica – diede un prepotente schiaffo al suo proseguo, … Continua a leggere L’urlo della Silent Majority

Due importanti successi repubblicani nelle elezioni del 5 novembre

Nella notte fra il 5 e il 6 di novembre in Italia, l’America è andata al voto per numerose cariche legislative in diversi stati americani. Nessuna particolare sorpresa, ma anzi, qualche conferma nell’ala repubblicana, in particolare per due prestigiosi seggi. Rispettivamente, quello di procuratore generale del Mississippi e procuratore generale del Kentucky. In Mississippi è stata eletta Lynn Fitch, precedentemente tesoriere dello stato, con una … Continua a leggere Due importanti successi repubblicani nelle elezioni del 5 novembre

L’ex speaker della Camera Paul Ryan fonda la no-profit American Idea Foundation

Lunedì 28 ottobre l’ex speaker della Camera, Paul Ryan, ha ufficialmente lanciato la sua no-profit, di cui è anche presidente: l’American Idea Foundation. La fondazione avrà sede a Janesville, Wisconsin, casa natale dell’ex speaker, e si basa sulla stessa idea sulla quale sono nati gli Stati Uniti, ossia che ogni uomo ha diritto a una vita dignitosa e all’opportunità di realizzare se stesso. L’obiettivo della … Continua a leggere L’ex speaker della Camera Paul Ryan fonda la no-profit American Idea Foundation

Impeachment. Inquietante, l’informatore sarebbe una vecchia conoscenza, già implicato nel Russiagate.

Il sito di inchieste RealClearInvestigations ha rivelato il presunto nome del whistleblower, il funzionario della CIA Eric Ciaramella. Oltre alle informazioni scoperte in questi 2 mesi (lavora alla CIA, ha lavorato alla Casa Bianca, ha lavorato per un candidato democratico alle presidenziali del 2020, cioè Joe Biden e che è un democratico registrato) si è scoperto in modo inquietante che: è stato cacciato dalla Casa … Continua a leggere Impeachment. Inquietante, l’informatore sarebbe una vecchia conoscenza, già implicato nel Russiagate.