“PHASE ONE DEAL”. LA CINA SI ARRENDE!

Il 15 gennaio del 2020 Stati Uniti e la Cina hanno siglato l’accordo commerciale, il “Phase One Deal” che rappresenta la più grande vittoria del mandato di Donald Trump, che si iscrive ufficialmente nell’olimpo dei repubblicani. Con l’entrata in vigore, la Cina acquisterà l’equivalente di $200 miliardi in prodotti ($77miliardi) e servizi (123$miliardi). L’export americano in Cina dovrebbe passare dai 263 miliardi nel 2020 ai … Continua a leggere “PHASE ONE DEAL”. LA CINA SI ARRENDE!

Le dieci stupidaggini più di moda sul conflitto USA-Iran

Dieci cose false che avete letto, detto, scritto o pensato sulla crisi di questa settimana tra Stati Uniti ed Iran. 1. Donald Trump ha violato la legge americana, agendo senza l’autorizzazione del Congresso FALSO. Il War Powers Act dà prerogative al Congresso per interventi che impieghino le forze armate USA per più di 60 giorni continuativi. Attacchi di questi tipo sono ritenuti “Military Operations”, nella … Continua a leggere Le dieci stupidaggini più di moda sul conflitto USA-Iran

Donald Trump aveva bisogno dell’OK del Congresso per colpire Soleimani? FALSO!

Non essere d’accordo con l’attacco ordinato dal Presidente Donald Trump è legittimo, ma farlo opponendo a questa scelta ragioni che sono false è scorretto, oltre che ridicolo! Uno dei grandi mantra di queste ore è “Trump ha violato la Costituzione ordinando l’attacco senza l’autorizzazione del Congresso“. Ma è davvero così? Assolutamente NO, e vediamo perché. Qual è la prerogativa del Congresso degli Stati Uniti rispetto … Continua a leggere Donald Trump aveva bisogno dell’OK del Congresso per colpire Soleimani? FALSO!

Chi erano Qasem Soleimani e Abu Mahdi al-Muhandis, le principali vittime dell’attacco statunitense a Baghdad

Quelli che per la nostra stampa sono degli “eroi martiri del rozzo imperialista Trump”, in realtà erano dei terroristi che da tempo avevano dichiarato guerra all’Occidente e al mondo libero. Questa notte gli Stati Uniti hanno condotto un attacco aereo, con l’utilizzo di droni, presso l’aeroporto di Baghdad. Un attacco nel quale sono stati uccisi Qasem Soleimani, capo dell’unità “Al Quds” (tradotto dal persiano, “Brigata Gerusalemme“) del Corpo delle guardie … Continua a leggere Chi erano Qasem Soleimani e Abu Mahdi al-Muhandis, le principali vittime dell’attacco statunitense a Baghdad

“Brexit means Brexit” e fatevene una ragione!

Le elezioni dello scorso 12 dicembre hanno rappresentato uno spartiacque per la politica britannica, con il popolo britannico chiamato a scegliere tra i Conservatori di Boris Johnson ed un composito e non ben identificato fronte pro-UE, di cui il Partito Laburista di Jeremy Corbyn è stato l’azionista di maggioranza. La vittoria di Boris Johnson è stata dirompente, con un Partito Conservatore che, da senior partner … Continua a leggere “Brexit means Brexit” e fatevene una ragione!

Chi è Robert O’Brien e quali sfide lo attendono?

Robert O’Brien subentra a John Bolton nel ruolo di Consigliere per la Sicurezza Nazionale. Robert O’Brien, partner di uno studio legale di Los Angeles, è già il quarto a rivestire questo incarico durante la presidenza di Donald Trump. Prima di lui vi fu Michael Flynn, costretto alle dimissioni dallo scoppio del “Russiagate”. Fu poi il turno di Herbert McMaster, da subito penalizzato per i suoi cattivi rapporti con “l’allora” Segretario alla difesa James … Continua a leggere Chi è Robert O’Brien e quali sfide lo attendono?

Nuovi F-16 per Taiwan. Continua la modernizzazione delle forze armate mentre la Cina va su tutte le furie

Prosegue la collaborazione e l’assistenza militare americana a Taiwan. La “Repubblica di Cina” grazie a questa amministrazione diventa sempre più forte! La notizia dell’acquisto di 66 nuovi Lockheed-Martin F-16V “Viper” da parte di Taiwan ha mandato su tutte le furie la Repubblica Popolare Cinese. Il governo di Xi Jimping sta sollevando un polverone di polemiche per quanto riguarda la modernizzazione delle forze armate di Taiwan. … Continua a leggere Nuovi F-16 per Taiwan. Continua la modernizzazione delle forze armate mentre la Cina va su tutte le furie

I manifestanti di Hong Kong scendono in piazza con le bandiere americane!

Gruppi di manifestanti di Hong Kong con bandiere americane: non c’è nulla di peggio per i comunisti che vedere i vessilli del nemico storico nelle mani dei manifestanti. Le immagini di Hong Kong che i media hanno trasmesso nel corso delle ultime settimane ricordano quelle di cinque anni fa della “Rivoluzione degli ombrelli”: un fiume di manifestanti ed ombrelli colorati che ci ricordano l’aperta opposizione politica dei giovani di Hong … Continua a leggere I manifestanti di Hong Kong scendono in piazza con le bandiere americane!

Gli Stati Uniti si ritirano dal Trattato sulle armi nucleari a medio raggio INF

Lo storico trattato sul controllo degli armamenti firmato tre decenni fa l’8 dicembre del 1987 dal presidente Ronald Reagan e dal leader sovietico Mikhail Gorbachev è stato dismesso dopo che il Presidente Trump ha deciso di ritirarsi venerdì 2 agosto 2019. La mossa che ha portato ad eliminare il trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF) è dovuta alla “violazione materiale del trattato” da parte della Russia … Continua a leggere Gli Stati Uniti si ritirano dal Trattato sulle armi nucleari a medio raggio INF

“The Art of the Deal”: Come Trump è riuscito a portare la Cina ad aumentare gli acquisti di prodotti agricoli americani

La Cina è pronta ad acquistare più prodotti agricoli americani: lo riporta il direttore del cinese Global Times, che in genere anticipa quanto poi detto da Pechino. Segnali di progressi nei negoziati con gli Usa? Dalla Cina arrivano segnali incoraggianti per gli agricoltori americani e anche per le relazioni commerciali con gli Stati Uniti. A partire dal 19 luglio, gli importatori cinesi hanno iniziato a … Continua a leggere “The Art of the Deal”: Come Trump è riuscito a portare la Cina ad aumentare gli acquisti di prodotti agricoli americani

Trump contro Macron: dazi sui vini francesi in risposta alla Web Tax sui colossi approvata da Parigi

Il Presidente Donald Trump è pronto a colpire con i dazi i vini francesi importati negli Stati Uniti, in risposta alla Web Tax approvata l’11 luglio scorso dal Senato francese.  È nuovamente tensione tra Francia e Stati Uniti. La Francia approva la Web Tax? E gli Stati Uniti rispondono con i dazi sul vino. Donald Trump si è detto contrario all’imposta pari al 3% per sui colossi del Web … Continua a leggere Trump contro Macron: dazi sui vini francesi in risposta alla Web Tax sui colossi approvata da Parigi