L’integrità conta: Lo Speaker Kevin McCarthy esclude i Democratici Schiff e Swalwell dalla Commissione intelligence – Washington Examiner

NOTIZIA

Eric Swalwell ha avuto una relazione con una spia cinese nel 2014 mentre Adam Schiff ha intenzionalmente fuorviato l’opinione pubblica americana mentre conduceva le indagini sul Russiagate

Il Presidente della Camera Kevin McCarthy ha escluso i deputati Democratici Adam Schiff ed Eric Swalwell dalla Commissione per l’Intelligence della Camera sostenendo che i due deputati californiani rappresentino un “rischio per la sicurezza nazionale“.

Kevin McCarthy aveva giurato in precedenza di cacciare Adam Schiff, che la presiedeva, ed Eric Swalwell dalla commissione, oltre a rimuovere la rappresentante Ilhan Omar (Democratica del Minnesota) dalla Commissione per gli Affari esteri della Camera durante l’ultimo Congresso, dopo che i Democratici avevano rimosso a loro volta due rappresentanti repubblicani, Marjorie Taylor Greene della Georgia e Paul Gosar dell’Arizona, dai loro incarichi di commissione dopo una serie di controversie.

Il repubblicano californiano ha citato come motivazione in particolare le accuse secondo cui Eric Swalwell abbia avuto una relazione con una spia cinese nel 2014 ed affermando che Adam Schiff abbia intenzionalmente fuorviato l’opinione pubblica americana mentre conduceva le indagini sul Russiagate sui presunti e mai dimostrati legami dell’ex presidente Donald Trump con la Russia. Entrambi i legislatori hanno respinto le accuse, con Swalwell che ha fatto notare che l’FBI lo abbia scagionato da qualsiasi illecito.

In una lettera inviata martedì al leader della minoranza Hakeem Jeffries (Democratico di New York), McCarthy ha affermato di voler mantenere la sua posizione e di rifiutare la sua selezione su chi dei suoi debba far parte delle commissioni.

“Apprezzo la lealtà che lei ha nei confronti dei suoi colleghi democratici e riconosco i suoi sforzi per far reintegrare due membri del Congresso nel Comitato permanente d’Intelligence della Camera”, ha scritto Kevin McCarthy. “Ma non posso anteporre la lealtà di parte alla sicurezza nazionale e non posso semplicemente riconoscere gli anni di servizio come unico criterio di appartenenza a questo comitato essenziale. L’integrità conta di più“.

McCarthy ha poi continuato: “Per questo motivo, al fine di mantenere uno standard degno delle responsabilità di questa commissione, respingo le nomine del Rappresentante Adam Schiff e del Rappresentante Eric Swalwell come membri della Commissione d’Intelligence“.

Schiff, Omar e Swalwell hanno dichiarato che è “deludente ma non sorprendente che Kevin McCarthy abbia ceduto all’ala destra del suo caucus, minando l’integrità del Congresso e danneggiando la nostra sicurezza nazionale nel processo”.

In una dichiarazione congiunta, il trio ha affermato che McCarthy “ha fatto un patto corrotto nel suo disperato, e quasi fallito, tentativo di conquistare la presidenza, un patto che richiedeva una vendetta politica contro noi tre. Ma nonostante questi sforzi, McCarthy non avrà successo. Continueremo a parlare contro l’estremismo e a difendere con tenacia la nostra democrazia”.

Kevin McCarthy ha respinto le accuse dei Democratici di aver intrapreso un’inutile azione di ritorsione per ottenere dei vantaggi politici. Ha accusato i Democratici di uso impropriodel Comitato d’Intelligence e ha detto che le sue azioni rappresentano un ritorno alla “genuina onestà e credibilità che riconquista la fiducia del popolo americano”.

Kevin McCarthy in quanto Speaker della Camera può respingere unilateralmente i legislatori che vengono proposti per sedere nei comitati parlamentari, mentre l’intera Camera dovrebbe approvare una risoluzione per rimuovere Ilhan Omar dal Comitato per gli Affari esteri.


WashingtonExaminer.com

Seguici sui Social


Notizie e commenti di forte impatto con un taglio decisamente conservatore, il The Washington Examiner continua la sua ascesa nel pantheon dei media conservatori e non mostra segni di rallentamento. Sito di facile navigazione, offre edizioni cartacee e digitali che sono diventate un punto fermo per i lettori conservatori.