I “Twitter Files” rivelano l’esistenza dello shadowbanning e di altri strumenti usati per censurare le voci dei conservatori online – Breitbart News

APPROFONDIMENTO | TWITTER FILES

Una nuova indagine sui Twitter Files ha rivelato i numerosi strumenti utilizzati dai dirigenti di Twitter per inserire gli utenti nella “lista nera” e limitare così le voci dei conservatori

Un thread pubblicato sulla piattaforma di Elon Musk rivela che il nome interno usato per indicare lo shadowbanning è “filtro alla visibilità”

Tra le rivelazioni dei c.d. Twitter Files, pubblicate dall’ex giornalista del New York Times, Bari Weiss in un lungo thread su Twitter, è emersa la modalità con la quale diverse voci dei conservatori, anche mainstream, da Charlie Kirk a Dan Bongino, sono state messe a tacere dalla società di social media: questa modalità va sotto il nome di “Visibility Filtering” o “VF”, lett. “filtro alla visibilità“.

Ad un certo punto, Twitter ha persino messo il professore di Stanford, il dottor Jay Bhattacharya, sotto l’etichetta “Trends Blacklist” per aver sostenuto che i lockdown durante la pandemia di coronavirus avrebbero danneggiato i bambini.

Secondo quanto riportato da Bari Weiss:

Twitter un tempo aveva la missione di “dare a tutti il potere di creare e condividere idee e informazioni istantaneamente, senza barriere”. Lungo la strada, tuttavia, sono state effettivamente erette delle barriere.

Prendiamo ad esempio il dottor Jay Bhattacharya di Stanford, che sosteneva che il lockdown contro il Covid avrebbero danneggiato i bambini. Twitter lo ha segretamente inserito in unalista nera dei trend“, che ha impedito ai suoi tweet di diventare virali.

Oppure consideriamo il popolare conduttore di talk show di destra, Dan Bongino, che a un certo punto è stato inserito in una “lista nera” che impediva la ricerca dei suoi tweet.

Twitter ha anche impostato l’account dell’attivista conservatore Charlie Kirk su un’ulteriore “lista nera” che impediva la visibilità agli utenti che non lo seguivano.

Come sottolineato da Bari Weiss e da diversi commentatori conservatori, Twitter ha sempre negato lo shadowbanning imposto segretamente alle loro voci, soprattutto in base a “punti di vista politici o all’ideologia”. Anche se shadowbanning non è il termine utilizzato da Twitter, l’azienda ha comunque eseguito questa pratica censoria sotto il nome di “Visibility Filtering” o “VF“, lett. “filtro alla visibilità“.

Secondo la Weiss, “diverse fonti di alto livello hanno confermato che il “Visibility Filtering” ha avuto luogo“.

“Pensate al filtro alla visibilità come ad un modo per sopprimere ciò che la gente può vedere a diversi livelli. È uno strumento molto potente“, ha dichiarato a Bari Weiss un dipendente di alto livello dell’azienda.

Controlliamo la visibilità in misura notevole. E controlliamo l’amplificazione dei contenuti che pubblicate. E le persone non sanno nemmeno che glie lo stiamo facendo“, ha dichiarato un ingegnere che ha chiesto di rimanere anonimo, la cui dichiarazione è stata confermata da altri due dipendenti di Twitter.

Bari Weiss ha inoltre illustrato gli sforzi compiuti dai dirigenti di Twitter per censurare altri account come Libs of TikTok“.

Recentemente, l’ex dirigente della sicurezza di Twitter ,Yoel Roth, che si è dimesso dopo l’acquisizione della società da parte del miliardario Elon Musk, ha difeso la fatidica decisione della piattaforma di censurare il sito di satira cristiana The Babylon Bee per aver definito “un uomo” l’assistente segretario dell’HHS, il transgender Dr. Rachel Levine.

“Abbiamo visto da diversi account Twitter, tra cui Libs di TikTok, in particolare, che ci sono campagne orchestrate, che prendono di mira in particolare un gruppo che è già particolarmente vulnerabile all’interno della società“, ha detto Yoel Roth alla redattrice del New York Magazine Kara Swisher. “Quindi, non solo non è divertente, ma è pericoloso e contribuisce a creare un ambiente che rende le persone insicure nel mondo“.


BreitbartNews.com

Seguici sui Social