Addio a TikTok? – Upward News

Addio a TikTok?

APPROFONDIMENTO | Cresce l’impegno bipartisan per vietare la popolare app cinese di social media.

Cosa sta succedendo: Il senatore repubblicano Marco Rubio ha annunciato una legge bipartisan che vieterebbe TikTok in America, citando i problemi di sicurezza dell’app cinese. Si tratta della prima vera opportunità di vietare la piattaforma social dopo gli sforzi falliti dell’ex presidente Donald Trump nel 2020.

Perché è importante: Il mese scorso, il direttore dell’FBI Christopher Wray ha avvertito i governi statali che la Cina utilizza TikTok per raccogliere dati sugli americani e potrebbe manipolare l’algoritmo dei contenuti per condurre operazioni di influenza o propaganda sul pubblico americano. TikTok ha promosso le proteste di Black Lives Matter nel 2020 ed ha aiutato i Democratici nelle elezioni di metà mandato.

Algoritmo venefico per i bambini: Il 25% dei 65 milioni di americani che utilizzano TikTok ha un’età compresa tra i 10 e i 19 anni. In America, l’algoritmo di TikTok, controllato dai cinesi, promuove contenuti sessuali, droghe e alcol ai bambini. In Cina, l’uso di TikTok per i bambini è limitato a soli 40 minuti al giorno e mostra ai bambini esperimenti scientifici, video educativi e contenuti patriottici.

Alcuni Stati hanno già agito: Anche prima che questa proposta di legislazione bipartisan arrivasse al Congresso, molti Stati avevano iniziato a vietare l’uso di TikTok sui dispositivi e sui computer del governo statale, tra cui Texas, Maryland, South Dakota, Alabama e Utah. L’India ha già vietato TikTok due anni fa, adducendo preoccupazioni simili.

Cosa succederà ora? Sebbene molte istituzioni federali, come la Federal Communications Commission e il Pentagono, sostengano il divieto di TikTok, non possono fare molto. Nemmeno un ordine esecutivo del Presidente sarebbe sufficiente. Il Congresso dovrebbe approvare una legge ma alcuni analisti ritengono che si tratti di una battaglia tutta in salita.

Gli esperti della Salute che rifiutano la narrazione sulla necessità del cambio di sesso dei bambini

APPROFONDIMENTO | Anche i medici che non sono del tutto contrari alla transizione di genere dei bambini cercano alternative all’attuale propaganda del movimento radicale.

Cosa sta succedendo: Medici e professionisti della salute mentale di diversi Paesi hanno pubblicato una “Guida clinica per i terapeuti che lavorano con i giovani che hanno problemi di genere” che rifiuta la narrativa progressista sulla transizione dei bambini.

La narrazione sui suicidi è “esagerata ed isterica”: La guida si concentra sullo smantellamento della narrazione diffusa dai media di Sinistra, dagli attivisti e dall’amministrazione Biden, secondo cui la “cura per l’affermazione del genere” è necessaria per prevenire i suicidi diffusi tra i giovani LGBTQ. Il documento cita le ricerche di numerosi studi che dimostrano come i trattamenti ormonali e gli interventi chirurgici per la transizione di genere non riescano a ridurre le tendenze suicide a lungo termine.

Rifiutare l’approccio “affermativo”: Il documento sostiene inoltre che un bambino può sentirsi a disagio con il proprio genere per una serie di motivi, come malattie mentali, sessualità, ambiente sociale o una storia di traumi o abusi. Rifiutano l’approccio mainstream di “affermare” ciecamente la disforia di genere e suggeriscono invece di esplorare tutte le soluzioni terapeutiche per questi bambini prima di ricorrere a trattamenti che rimuovono in modo permanente gli organi sessuali “molto prima che siano abbastanza maturi da comprenderne l’importanza”.

Perché è importante: Gli standard medici esistenti per il trattamento dei giovani che soffrono della disforia di genere sono stati modellati da istituzioni che promuovono radicalmente i cambiamenti di sesso. Questi gruppi spesso si avvalgono di ricerche errate e ignorano le prove che dimostrano che i bambini guariscono da soli dalla disforia di genere con il tempo. Questa nuova serie di linee guida dimostra che anche coloro che non sono del tutto contrari alla transizione di genere per i bambini stanno cercando alternative alla propaganda del movimento radicale.


Sondaggio


UpwardNews.com

Seguici sui Social