La minaccia nucleare – Upward News

I Repubblicani possono vincere a New York?

APPROFONDIMENTO | I sondaggi mostrano che il deputato repubblicano Lee Zeldin avrebbe superato la candidata democratica Kathy Hochul nella corsa alla carica di governatore di New York. Zeldin avrebbe il 46% dei consensi complessivi ed è in testa tra gli elettori ispanici ed indipendenti. La Hochul avrebbe invece il 45% di consensi. Il restante 9% degli elettori è indeciso.

Perché sta accadendo? Le tasse, l’economia e la criminalità sono i temi più sentiti dai newyorkesi. Dall’anno scorso, il tasso di criminalità a New York è aumentato del 30,5% e 7 newyorkesi su 10 temono di diventarne vittime. L’intera campagna elettorale di Zeldin si basa sull’impegno al contrasto alla criminalità.

I Repubblicani possono vincere a New York? Per la vittoria dei Repubblicani, Lee Zeldin avrebbe bisogno di un 30% dei voti a New York City e di un vantaggio nei sobborghi e nell’Upper State di New York. Attualmente si prevede che Zeldin conquisterà il 37% degli elettori a New York City, con un leggero vantaggio nei sobborghi, ed il 52% di consensi nell’Upper State di New York.

Qualcosa di simile sta accadendo anche in Oregon: Nessuno Stato del Paese ha eletto governatori Democratici in modo più affidabile dell’Oregon. Ma il controllo democratico è ora minacciato dalla repubblicana Christine Drazan, che si candida per combattere la criminalità e risolvere il problema dei senzatetto, esattamente come Lee Zeldin.

Altre corse per eleggere il governatore da tenere d’occhio: I numeri più recenti mostrano che i Repubblicani sono in testa nelle gare per eleggere i governatori in tutto il Paese. I Repubblicani vinceranno quasi sicuramente in Florida, Georgia, Texas ed Ohio, tra le altre tredici gare previste. Le gare in Arizona, Nevada e Oregon sono un testa-a-testa.

Il quadro generale: Gli americani sono preoccupati per l’inflazione, per il prezzo della benzina e per la criminalità. I sondaggi mostrano che gli americani si fidano di più dei Repubblicani per affrontare questi problemi, dando ai Repubblicani l’opportunità di vincere nelle elezioni locali come alla Camera ed al Senato a novembre.

I Democratici della Camera esortano Joe Biden a negoziare con la Russia e a porre fine alla guerra in Ucraina con la diplomazia

APPROFONDIMENTO | Con l’incombente minaccia di una guerra nucleare, gli americani di tutti gli schieramenti politici considerano una priorità assoluta la de-escalation.

Cosa sta succedendo: Trenta Democratici della Camera hanno inviato una lettera per consigliare al loro capo Joe Biden di modificare i suoi sforzi per porre fine alla guerra in Ucraina. Pur concordando sul fatto che gli Stati Uniti debbano assolutamente evitare un conflitto diretto con la Russia, chiedono a Biden di impegnarsi in negoziati per un cessate il fuoco, cosa che la sua amministrazione si è rifiutata di fare sostenendo che sia principalmente responsabilità dell’Ucraina chiederlo.

Perché è importante: L’esercito americano ha dichiarato di essere pronto ad intervenire nella guerra, poiché alcuni reparti d’élite si stanno allenando a pochi chilometri dal confine con l’Ucraina. Joe Biden ha avvertito che la minaccia di una guerra nucleare è la più incombente dai tempi della Guerra Fredda. Con una posta in gioco così alta, gli americani di tutti gli schieramenti politici considerano la de-escalation una priorità assoluta.

Pressione degli elettori liberal: Negli ultimi mesi, anche i sostenitori della Sinistra che sono contrari alla guerra si sono rivoltati contro i legislatori Democratici per gli ingenti aiuti all’Ucraina, sostenendo che ciò aggravi il conflitto e dilapidi le risorse economiche americane. Gli elettori li hanno accusati di “votare per iniziare una guerra nucleare”.

Il quadro generale: Anche molti Repubblicani hanno criticato il sostegno di Joe Biden all’Ucraina ritenendolo troppo costoso; in risposta, lui li ha accusati di “non avere il senso della politica estera americana”. La lettera dei Democratici rappresenta un primo dissenso di rilievo all’interno del suo stesso Partito, mentre la guerra sta raggiungendo livelli di una grave minaccia al ricorso al nucleare, per cui le divisioni politiche diventano meno significative.


Sondaggio


UpwardNews.com

Seguici sui Social