Gli affari della famiglia Biden – Upward News

L’FBI avrebbe le prove degli affari all’estero della famiglia Biden, dicono gli informatori

APPROFONDIMENTO | Gli informatori dell’FBI continuano a portare avanti le prove secondo cui il Bureau sia a conoscenza degli affari corrotti della famiglia Biden. I membri del Congresso chiedono un’indagine.

Cosa sta succedendo: L’FBI ha le prove delle attività commerciali potenzialmente illegali di Hunter Biden in Ucraina e in Cina, secondo gli informatori che hanno parlato con il senatore Chuck Grassley (Repubblicano dell’Iowa) e i documenti esaminati dal suo ufficio. Gli affari coinvolgono anche il fratello di Joe Biden, James, e forse Joe Biden stesso.

Perché è importante: Durante e dopo la vicepresidenza di Joe Biden, James ed Hunter Biden hanno negoziato un accordo con un’azienda energetica legata al governo cinese, attraverso la quale Joe Biden avrebbe ricevuto il 10%. Hunter è stato anche assunto come dirigente di alto livello per un’azienda energetica ucraina durante il mandato da vicepresidente del padre, quando Joe Biden era il referente per le questioni legate all’Ucraina.

Il coinvolgimento di Joe Biden: L’FBI è anche a conoscenza del fatto che Joe Biden si sia incontrato con i soci d’affari di Hunter Biden a Los Angeles per due giorni nel 2017, confermando i rapporti precedenti. Le prove dell’FBI dimostrano che Joe Biden potrebbe essere stato coinvolto in molteplici rapporti con il figlio, nonostante abbia ripetutamente affermato il contrario.

Il quadro generale: I membri Repubblicani del Congresso hanno esaminato l’FBI negli ultimi mesi, mentre gli informatori hanno descritto un insabbiamento politico e sistematico della corruzione della famiglia Biden. Con ancora più prove in possesso, il senatore Chuck Grassley ha chiesto al Dipartimento della Giustizia e all’FBI di “confessare” se stiano indagando adeguatamente sulla “potenziale condotta criminale” di Hunter Biden.


Sondaggio


UpwardNews.com

Seguici sui Social