La Commissione sul 6 gennaio cita in giudizio il presidente Donald Trump – Joel B. Pollak, Breitbart News

La Commissione sul 6 gennaio della Camera degli Stati Uniti ha usato la sua prima udienza da mesi giovedì per citare l’ex presidente Donald Trump a testimoniare davanti ad essa – dopo aver fallito nel produrre prove che lo collegano alla rivolta del Campidoglio, e a pochi giorni dalle elezioni di midterm del 2022

Tratto e tradotto da un articolo di Joel B. Pollak per Breitbart News

Il presidente della commissione, Bennie Thompson (Democratico del Mississippi), ha spiegato che Donald Trump è stato al “centro” degli eventi legati alla rivolta in Campidoglio e che la necessità di farlo testimoniare “va oltre la nostra indagine sui fatti” e punta alla “responsabilità” di fronte al popolo americano nel suo complesso.

Il voto per l’approvazione del mandato di comparizione è stato unanime, con la risoluzione per obbligare Donald Trump a testimoniare proposta dalla deputata uscente Liz Cheney, una strenua oppositrice di Trump la cui posizione le ha fatto perdere le primarie per il mantenimento del seggio al Congresso.

Il mandato di comparizione è stato riportato per la prima volta da NBC News, trapelato dalla commissione:

In precedenza, Bennie Thompson – che, come molti altri membri della commissione, si era opposto anch’egli alla certificazione dei risultati delle passate elezioni presidenziali, lo stesso atto descritto dalla commissione come untentativo di rovesciare la democrazia” – aveva affermato che l’indagine della commissione “non riguarda la politica. Non si tratta di partiti. Si tratta di fatti, chiari e semplici”.

La commissione è composta esclusivamente da membri del Congresso che si sono sempre schierati contro Donald Trump e che sono stati scelti dalla presidente della Camera Nancy Pelosi, in spregio alla risoluzione di istituzione della commissione. La sua autorità di emettere mandati di comparizione è quindi contestabile in una corte federale.

Liz Cheney non è un “membro di rango” della commissione, come descritto nella risoluzione di istituzione, ma è indicata come “vicepresidente”. I critici sostengono che senza un membro di rango, come descritto nella risoluzione, la commissione non ha il potere di far rispettare i mandati di comparizione.

I membri della commissione hanno citato il presuntoruolo personale e sostanzialedi Donald Trump nella rivolta, ma non hanno prodotto alcuna prova. Hanno letto da un gobbo in una “audizione” prestabilita, che è stata paragonata ad un processo show piuttosto che ad un’inchiesta del Congresso.

È improbabile che la commissione possa obbligare Donald Trump a testimoniare, dato il privilegio esecutivo. Tuttavia, la commissione ha provocato almeno due procedimenti giudiziari per oltraggio al Congresso contro testimoni che si sono rifiutati di testimoniare e che hanno addotto ragioni legali per non collaborare con essa.


BreitbartNews.com

Seguici sui Social


Joel B. Pollak è Senior Editor-at-Large di Breitbart News e conduttore di “Breitbart News Sunday” su Sirius XM Patriot la domenica sera. È l’autore del recente e-book, “Neither Free nor Fair: The 2020 U.S. Presidential Election”. Il suo recente libro, “RED NOVEMBER”, racconta la storia delle primarie presidenziali democratiche del 2020 da una prospettiva conservatrice. È il vincitore del 2018 Robert Novak Journalism Alumni Fellowship. Seguilo su Twitter a @joelpollak.