Le elezioni illegali del 2020 – Upward News

Recenti sentenze dei tribunali in due Stati chiave hanno giudicato “illegali” le riforme elettorali dell’ultimo minuto per le elezioni del 2020

APPROFONDIMENTO | Le elezioni del 2020 sono state ufficialmente dichiarate “illegali

Recenti sentenze di tribunali in due Stati chiave per l’oscillazione del voto hanno ritenuto “illegali” le riforme elettorali dell’ultimo minuto per le elezioni del 2020.

Nel caso del Wisconsin, si trattava delle urne. La Corte Suprema del Wisconsin ha recentemente stabilito che la il ricorso da parte dello Stato ad urne per raccogliere le schede per votare anticipatamente ma che non erano presidiate durante le misure per il contenimento della pandemia di COVID-19 del 2020 fosse illegale. I Democratici hanno sostenuto che tali riforme dell’ultimo minuto fossero legali perché non esistevano divieti assoluti. La Corte ha infine deciso che devono essere rimosse in futuro.

Per la Pennsylvania, si è trattato del voto per corrispondenza. La Corte Suprema della Pennsylvania ha confermato la precedente legge elettorale statale ed ha dichiarato illegali le modifiche apportate all’ultimo minuto dal Partito Democratico della Pennsylvania al codice elettorale dello Stato. La Corte ha respinto anche qui il ricorso da parte dei Democratici alle urne non presidiate per raccogliere il voto per corrispondenza, osservando che “la costituzione della Pennsylvania dovrebbe essere modificata per consentire il voto per corrispondenza”.

Inoltre, la legge sul voto per corrispondenza del Delaware ha violato la costituzione dello Stato e non potrà essere utilizzata per le prossime elezioni di novembre, secondo una nuova sentenza di un giudice del Delaware.

Per finanziare molte di queste modifiche illegali al voto è stato utilizzato denaro donato illegalmente. Il tribunale rileva che molte delle riforme sono state finanziate con mezzi illegali, tra cui 100 milioni di dollari provenienti da organizzazioni non profit legate a Mark Zuckerberg. La Thomas More Society rileva che i sindaci delle cinque maggiori città del Wisconsin hanno firmato un “accordo illegale” da 216.500 dollari con organizzazioni non profit per “l’acquisto e l’uso di urne che erano illegali”.

Gruppi medici vogliono censurare e perseguire gli americani che si oppongono al cambio di sesso dei bambini

APPROFONDIMENTO | La richiesta assomiglia alla famigerata lettera sul “terrorismo interno” inviata al governo dai consigli scolastici liberal, che ha portato alle indagini dell’FBI sui genitori che protestavano.

Cosa è successo: L’Accademia Americana di Pediatria, l’Associazione Medica Americana e l’Associazione Ospedaliera dei Bambini hanno inviato una lettera al Procuratore Generale Merrick Garland in cui si mettevano in guardia da “attacchi coordinaticontro le strutture che forniscono cure per l’affermazione del genere“.

La campagna di “disinformazione”: Gruppi conservatori, attivisti ed opinionisti hanno puntato i riflettori a livello nazionale sugli ospedali pediatrici che offrono “cure per l’affermazione del genere” e sulle associazioni mediche che promuovono la transizione di genere ai bambini. I gruppi di medici sostengono che questa “campagna di disinformazione” abbia portato a “e-mail moleste, telefonate e picchetti di manifestanti presso le strutture sanitarie” ed a un allarme bomba. Esortano il Dipartimento della Giustizia ad “indagare e perseguire” i responsabili e le società di social media a censurare questo tipo di contenuti.

Una tattica però familiare: L’anno scorso, mentre i genitori protestavano presso i consigli scolastici per i programmi e le politiche controverse adottate dalle scuole, l’Associazione nazionale dei consigli scolastici inviò una lettera in cui chiedeva a Merrick Garland di indagare sui manifestanti sulla base di una minaccia inventata diterrorismo interno“. Garland ha quindi mobilitato l’FBI, che avrebbe iniziato a monitorare i genitori come possibili minacce di tipo terroristico. Allo stesso modo, queste organizzazioni mediche stanno inquadrando le proteste, per lo più non violente, contro i trattamenti transgender come una “minaccia nazionale” che richiede un giro di vite da parte del governo federale.

Il quadro generale: Le procedure per il cambio di sesso dei minorenni sono molto controverse, nonostante gli sforzi dei media tradizionali per screditare le preoccupazioni. Incapaci di resistere alle persistenti critiche, questi gruppi medici stanno cercando di collaborare con il governo federale e le Big Tech per intimidire e mettere a tacere gli americani.


UpwardNews.com

Seguici sui Social