È arrivata la resa dei conti sanitaria – Upward News

PayPal cancella la multa di 2.500 dollari per gli utenti che “promuovono la disinformazione” dopo le proteste

APPROFONDIMENTO | L’ex presidente di PayPal ha dichiarato che la politica che era stata proposta “va contro tutto ciò in cui credo“.

Cosa è successo: L’app di pagamenti online PayPal aveva programmato di aggiornare la sua lista di “attività proibite” per includere i discorsi controversi o “disinformazione” a partire dal 3 novembre. Poi ha cancellato la politica in seguito alle proteste dei conservatori e dell’ex presidente dell’azienda.

La politica: PayPal prevedeva di multare gli utenti di 2.500 dollari per l’invio o la pubblicazione di messaggi, contenuti o materialiche promuovono la disinformazione“, che sarebbe stata definita adiscrezione dell’azienda“. Il giorno dopo ha rimosso l’informativa, sostenendo che fosse stata pubblicata “per errore”.

Non è una novità: PayPal ha centinaia di milioni di utenti in tutto il mondo e negli ultimi anni si è sempre più politicizzato, con il marketing per il Mese dell’Orgoglio Gay e le restrizioni su “odio” ed “intolleranza”. Ha anche deplorato gli account di gruppi di attivisti senza alcuna spiegazione, come Moms for Liberty, Gays Against Groomers e Free Speech Union. Anche l‘ex presidente di PayPal ha definito la proposta politica sulla disinformazioneuna follia“, sostenendo che un’azienda privata non dovrebbe essere in grado di “prendere i vostri soldi se dite qualcosa con cui non è d’accordo”.

Il quadro generale: I conservatori sospettano da tempo che le banche e le società finanziarie pratichino discriminazioni politiche nei confronti degli utenti per il loro pensiero o per altre attività lecite, come l’acquisto e la vendita di armi da fuoco. I Repubblicani a livello statale e federale hanno promesso una legislazione per garantire a tutti gli americani un accesso paritario a questi servizi.

La resa dei conti sanitaria è arrivata. La Florida raccomanda di non fare il vaccino a base di mRNA

APPROFONDIMENTO | In forte dissenso rispetto al resto della comunità scientifico-politica liberal, la Florida è ora il primo Stato a sconsigliare di fare il vaccino mRNA ai maschi adulti.

La notizia bomba: Sotto la guida del Surgeon general della Florida Joseph Ladapo, M.D., il Sunshine State raccomanda ora di non fare il vaccino mRNA contro il COVID-19 e le successive dosi di richiamo ai maschi di età compresa tra i 18 e i 39 anni. L’amministrazione cita una nuova analisi della Florida che mostra un aumento dell’84% dell’incidenza di morte per cause cardiache entro 28 giorni dalla vaccinazione per quella fascia di età.

Questo non è sorprendente:

  • Un’analisi ha dimostrato che i vaccini a base di mRNA hanno causato un drammatico aumento delle miocarditi (infiammazioni cardiache) nei giovani maschi.
  • Paesi europei come la Danimarca e la Norvegia hanno vietato la somministrazione del vaccino Moderna a tutti tranne che agli anziani.
  • La Finlandia ha sospeso il vaccino Moderna a base di mRNA per i maschi adulti di età non superiore ai 30 anni.
  • La Svezia ha smesso di raccomandare i vaccini a chi ha tra i 12 e i 17 anni.
  • L’Australia ha limitato in modo significativo la disponibilità del vaccino per i soggetti tra i 16 e i 30 anni.

L’apparato della censura colpisce ancora: Durante la pandemia, i governi hanno sviluppato un forte apparato di censura per mettere a tacere lo scetticismo sui vaccini. La struttura è ancora intatta, con Twitter che ha rapidamente censurato la notizia del Surgeon general della Florida, ma l’ha ripristinata dopo le reazioni.

Inoltre, l’establishment scientifico liberal – in particolare i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC), i politici Democratici e le Big Tech sono ancora fermamente a favore dei vaccini, nonostante la consapevolezza ampiamente accettata che questi vaccini non siano necessari ed abbia un’efficacia negativa.

Il quadro generale: Le linee di demarcazione tra politica e scienza si sono confuse durante la pandemia, dando luogo a vaccini obbligatori e ad una coercizione di massa, dato che milioni di persone hanno dovuto decidere tra il rifiuto dei farmaci sperimentali e potenzialmente pericolosi ed il loro diritto al sostentamento. L’analisi scientifica emergente sta portando alla resa dei conti, dimostrando che le preoccupazioni taciute sui vaccini obbligatori siano sempre state fondate.


Sondaggio


UpwardNews.com

Seguici sui Social