Kari Lake fa a pezzi Katie Hobbs e dà lezioni su come gestire la stampa – Red State

Kari Lake fa a pezzi Katie Hobbs e dà lezioni su come gestire la stampa

Tratto e tradotto da un articolo di opinione di Bonchie per RedSate.com

A volte arriva un politico che sfiora costantemente le corde giuste, e tutto ciò che si può fare è rispettare le regole del gioco. Questa è Kari Lake, che ha spazzato via tutti i dubbi che esistevano su di lei durante le primarie per condurre una delle migliori campagne di comunicazione di questo ciclo elettorale.

Domenica scorsa, Kari Lake ha messo sotto torchio un giornalista sulla questione dell’aborto, ribaltando la situazione per affermare il valore della vita e per criticare il radicalismo di Katie Hobbs, la sua avversaria democratica. Martedì, però, la repubblicana ha dipinto il suo capolavoro. Mentre parlava a un gruppo di giornalisti ansiosi di farle domande “provocatorie”, Lake si è trasformata in un ninja della retorica, facendo a pezzi la Hobbs e svergognando efficacemente la stampa.

Se siete in grado di farlo, guardate il video per intero. Lo parafraserò, ma vale la pena premere il tasto play.

La prima parte della clip vede Kari Lake menzionare che Katie Hobbs è statacondannata due volte per essere una razzista“. Questa frase fa impazzire i “fact-checkers“, ma l’espediente retorico è ovvio. No, la Hobbs non è stata condannata per un reato, perché essere razzisti non è un reato. Ma è stata una senatrice dello Stato che ha testimoniato contro una donna di colore che alla fine ha vinto un patteggiamento per l’accusa di discriminazione contro il Senato dell’Arizona. In realtà, la Hobbs è stata talmente coinvolta da presentare le proprie scuse per il suo comportamento nel 2021. Alla fine, una giuria ha assegnato 2,75 milioni di dollari di danni, la maggior parte dei quali non è ancora stata pagata, ma lo sarà.

A Kari Lake è stato chiesto perché Katie Hobbs non voglia partecipare al dibattito, e la repubblicana è saltata subito alla gola, notando che questa è la prima volta da quando si tiene il dibattito dei candidati governatori che un altro candidato rifiuta di presentarsi. Come sottolinea la Lake, se la Hobbs pensa di lei che sia una “teorica della cospirazione”, allora dovrebbe presentarsi e chiamarla in causa. Invece, la democratica piagnucola sul fatto che potrebbe essere strigliata a dovere. E questa persona vuole diventare governatore di uno Stato importante?

La parte successiva della clip è particolarmente esilarante. Kari Lake descrive come al forum di Univision della sera prima, Katie Hobbs fosse così terrorizzata da dover far mettere delle tende per tenere separati i due candidati. Peggio ancora, la Hobbs ha anche preteso che i due parcheggiassero su lati diversi dell’edificio per non vedersi arrivare. Come osserva la Lake, il comportamento della Hobbs è “squilibrato”.

Da lì si passa a parlare di come Katie Hobbs non sarebbe assolutamente in grado di combattere per l’Arizona. “Kristi Noem la mangerebbe e la sputerebbe”, afferma Kari Lake. Da lì, la repubblicana torna a decostruire ancora un po’ il punto di vista sul razzismo, concludendo tra gli applausi della folla.

Detto questo, qualcuno può spiegare qual è la strategia di Katie Hobbs? Capisco che sia la Karen più brava, ma, parola mia, la sua strategia elettorale è letteralmente la cosa più idiota che abbia mai visto in politica. Non vuole discutere, finge che il suo avversario sia contagioso, e per tutto il tempo non ha altro messaggio se non dire “aborto” in continuazione come se le difficoltà economiche della nazione non esistessero. La gente mi ha già detto che era una pessima candidata, ma sta superando anche quelle aspettative.


RedState.com

Seguici sui Social


RedState.com è un blog politico conservatore americano. Prima del 2017, organizzava i “RedState gatherings”, una convention estiva per gli attivisti conservatori e l’attivismo politico di base che vedeva la partecipazione di molti personaggi pubblici di spicco della politica conservatrice americana. RedState.com è di proprietà del Salem Media Group, una società di media conservatori.