Tucker Carlson: La guerra nucleare significa la fine del mondo

Tucker esprime le sue preoccupazioni sul ricorso all’uso delle armi nucleari nella guerra tra la Russia e l’Ucraina

Questo articolo è adattato dal commento di apertura di Tucker Carlson dell’edizione del 3 ottobre 2022 di “Tucker Carlson Tonight”.

La domanda su chi abbia fatto esplodere i gasdotti energetici russi verso l’Europa, che non è solo una domanda di cronaca, ma è una domanda storica, che abbiamo già affrontato, non è più una domanda vera e propria. Così, in televisione, vi assicurano che ovviamente sono stati i russi. Vladimir Putin ha sabotato i suoi stessi gasdotti.

Con la sua nazione in guerra, Putin ha intenzionalmente distrutto la risorsa nazionale più vitale della Russia. Ora, perché, vi chiederete, Putin avrebbe dovuto farlo? Beh, perché… in realtà nessuno ha spiegato perché Putin avrebbe fatto una cosa del genere. “Le persone cattive fanno cose cattive”. Questa sembra essere l’idea.

L’ex direttore della CIA John Brennan si è presentato alla CNN l’altro giorno per aggiungere la sua versione della storia ed è stato subito chiaro che non si trattava di un normale segmento di notizie via cavo. Brennan stava invece conducendo un esperimento scientifico volto a determinare quanto siano stupidi gli spettatori della CNN. Si tratta di persone che hanno creduto a Joe Biden quando ha detto che il COVID-19 era una pandemia dei non vaccinati. Sono quelli che pensano che gli uomini possano diventare donne semplicemente dicendolo, quindi è chiaro che sono molto creduloni, ma la domanda rimane: quanto sono creduloni? A cosa non vogliono credere? In nome della scienza, John Brennan ha deciso di scoprirlo.

John Brennan

BRIANNA KEILAR, CONDUTTRICE DELLA CNN

Pensa che ci sia la Russia dietro il sabotaggio dei gasdotti?

JOHN BRENNAN

Credo che tutti gli indizi facciano pensare ad un qualche tipo di sabotaggio. Queste condutture si trovano solo a circa 200 piedi sott’acqua e la Russia dispone di una capacità sottomarina per cui potrebbe facilmente piazzare ordigni esplosivi vicino a queste condutture. Penso che questo sia chiaramente un atto di sabotaggio di qualche tipo e la Russia è certamente il sospetto più probabile.

Lei pensa che siano stati i russi?” ha chiesto la conduttrice, “pensa che l’uomo con quattro fori di proiettile in testa si sia suicidato?

Oh, sì” dice John Brennan. “I russi sono certamente il sospetto più probabile“. Beh, certo che lo sono. Ne ha mai dubitato? Dunque, una volta che Vladimir Putin ha finito di far eleggere Donald Trump presidente e di fabbricare il falso portatile di Hunter Biden per consegnarlo ad un’officina di riparazione di computer nel Delaware, Putin si è messo a sabotare i suoi gasdotti, che erano la sua principale fonte di valuta estera e di influenza sull’Europa.

Ecco quanto è astuto Vladimir Putin. Ovviamente, la sua prossima mossa sarà quella di bombardare Mosca, il che fa parte del suo piano diabolico per ottenere il dominio del mondo distruggendo se stesso.

Questo è ciò che John Brennan ha detto agli spettatori della CNN. Gli hanno creduto? Certo che gli hanno creduto. John Brennan era a capo della CIA. Sa quali bugie funzionano. È un esperto.

Anthony Blinken, invece, non è un esperto. È un musicista rock fallito che in qualche modo è diventato Segretario di Stato degli Stati Uniti. Naturalmente è felice di mentire, e lo fa spesso, ma non è particolarmente bravo.

All’inizio della scorsa settimana, Anthony Blinken fingeva di essere sconcertato dal sabotaggio di Nord Stream. “Nessuno ne trae vantaggio”, ha detto. Nemmeno in un milione di anni avrebbe potuto immaginarlo. Chi farebbe una cosa del genere? Era semplicemente insondabile. Questo era martedì. Poi venerdì Blinken ha abbandonato il copione ed ha ammesso che in realtà siamo stati noi. Ora, Anthony Blinken non ha usato proprio quelle parole, ma non c’è dubbio su cosa intendesse.

ANTHONY BLINKEN, SEGRETARIO DI STATO

È un’opportunità straordinaria per eliminare, una volta per tutte, la dipendenza dall’energia russa e quindi per togliere a Vladimir Putin la possibilità di usare l’energia come mezzo per portare avanti i suoi progetti imperiali. Questo è molto significativo ed offre un’enorme opportunità strategica per gli anni a venire.

Ora, non godiamo di una soglia di attenzione molto lunga, ma tutto questo è stato compresso nello spazio di quattro giorni. Martedì scorso, il più grande atto di terrorismo industriale della nostra vita è stato un crimine sconcertante, ha detto Anthony Blinken, ma venerdì quello stesso evento è diventatoun’opportunità straordinaria“, anzi, un’opportunità strategica straordinaria per gli anni a venire. È una cosa buona. Questa è un’ammissione. È l’ammissione più chiara che avremo mai. Nessuno potrebbe non accorgersene, tanto meno i russi.

L’amministrazione Biden è responsabile, direttamente o per interposta persona, della distruzione dei gasdotti Nord Stream e della catastrofe ambientale e del collasso economico che certamente ne conseguiranno. Questo è vero. È fatta.

Quindi la domanda è: dove ci porta questo? E questo è il problema. Questo atto lascia a noi, agli Stati Uniti, più nessuna opzione se non la guerra totale con la Russia. Non c’è una via d’uscita ora. Non c’è via d’uscita. Siamo tutti dentro, qualunque cosa significhi, qualunque sia la direzione da prendere.

Siete scioccati da tutto questo? C’è stata una votazione su queste cose? Qualcuno ha chiesto la vostra opinione? No, ma sta accadendo da mesi al rallentatore. È stato nascosto all’opinione pubblica dal blackout quasi totale imposto dai media americani, quindi probabilmente non conoscevate nessuno dei dettagli. Ad esempio, a marzo il governo turco ha cercato di mediare una pace in Ucraina e ci è andato molto, molto vicino. La notizia non è stata diffusa.

L’Ucraina era disposta a garantire la neutralità, cioè a non aderire alla NATO. Questo è ciò che i russi volevano sopra ogni cosa e in cambio il governo russo avrebbe ritirato le sue forze dall’Ucraina e questa avrebbe potuto essere una soluzione ottimale, sicuramente per noi. Non sarebbe stato necessario distruggere l’economia globale. Nessuno sarebbe morto in una guerra nucleare. I negoziati a quel punto sono avanzati al punto che Vladimir Putin si è impegnato ad incontrare Zelenskyy per firmare un trattato di pace ed anche Zelenskyy era pronto per questo, e citiamo: “Sono pronto per un dialogo“, ha annunciato, ma purtroppo Zelenskyy non poteva agire da solo. Nonostante quello che si può sentire su NBC News, Zelenskyy non è il leader indipendente di una nazione democratica. No, nemmeno lontanamente. È una finzione.

Zelenskyy è un vassallo dell’amministrazione Biden, che gestisce il suo Paese, e gli ideologi dell’amministrazione Biden non volevano una pace negoziata in Ucraina. Hanno sempre voluto, ed ora è molto chiaro, un cambio di regime in Russia. Punto.

Ed è quello che stanno ottenendo. Venerdì, Zelenskyy ha annunciato che l’Ucraina farà domanda di adesione alla NATO su base accelerata.

Cosa accadrebbe se l’Ucraina entrasse nella NATO? Per definizione, ci sarebbe un’immediata guerra mondiale in cui saremmo uno dei principali partecipanti. L’articolo 5 della Carta della NATO, la clausola di mutua difesa, garantisce che ciò potrebbe accadere. Non è un’opinione. È un dato di fatto e tutti lo sanno, eppure, incredibilmente, i Democratici al Congresso hanno applaudito e citiamo: “La lotta dell’Ucraina è il motivo per cui abbiamo fondato la NATO”, ha detto il deputato Mike Quigley, dell’Illinois, con la bocca spalancata. “Penso che dobbiamo sostenere questa iniziativa”. Oh, sì, dobbiamo.

Nancy Pelosi, scrutando attraverso la nebbia della sua senilità, si è detta d’accordo. “Sarei favorevole ad una garanzia di sicurezza per l’Ucraina”, ha detto. Oh, nessun problema e naturalmente, poiché non ha scelta, qualunque cosa si pensi di lui, Zelenskyy, che è il burattino del Partito Democratico degli Stati Uniti, ha letto dallo stesso copione. Venerdì Zelenskyy ha dichiarato che non accetterà niente di meno che la rimozione di Vladimir Putin come presidente della Russia.

VOLODYMYR ZELENSKYY

L’Ucraina era e rimane il leader degli sforzi negoziali. È il nostro Paese che ha sempre proposto alla Russia di concordare la coesistenza, a condizioni eque, oneste, dignitose e corrette. È chiaro che con questo presidente russo è impossibile. Non sa cosa siano la dignità e l’onestà. Pertanto, siamo pronti a dialogare con la Russia, ma con un altro presidente russo.

Questa è la richiesta. Putin deve essere rimosso dall’incarico. Putin, ovviamente, non ha intenzione di andarsene. Bisognerebbe farlo fuori. Ora, non è necessario che Vladimir Putin vi piaccia. Non deve piacervi nulla di Vladimir Putin. Si può odiare Vladimir Putin, e la maggior parte della gente lo fa, ma si può comunque capire quanto siano totalmente folli discorsi come questo. È la definizione di sconsideratezza. Considerate le loro stesse dichiarazioni. Per anni, i Democratici e l’establishment della difesa che controllano ci hanno detto che Vladimir Putin è pazzo e malvagio, e può darsi che lo sia. Supponiamo che sia vero. L’hanno detto. È questo l’uomo che volete minacciare pubblicamente di uccidere? È l’uomo che controlla più di 6.000 testate nucleari. Quindi, se lo si spinge abbastanza forte, perché non dovrebbe usare quelle armi nucleari? Beh, secondo la loro stessa descrizione di lui, lo farebbe.

Avremmo una guerra nucleare, ma supponiamo che, nel migliore dei casi, riusciate a uccidere Vladimir Putin prima che possa lanciare quei 6.000 missili contro gli Stati Uniti o qualsiasi altro Paese. Che ne sarebbe della Russia, il Paese che egli controlla? La Russia non è l’Iraq. La Russia rappresenta un ottavo della superficie totale del mondo. È un Paese enorme, in un Paese molto frammentato, con una numerosa popolazione musulmana e molto più agitata. Quindi, questo è vero. Solo per un secondo, quali sono le possibilità che nel caos che ne conseguirebbe e che stiamo imponendo alla Russia, quali sono le possibilità che una di quelle 6.200 armi nucleari finisca nelle mani di qualcuno che è veramente pazzo e pericoloso per noi e per il mondo? Vediamo.

Cosa è successo alle scorte di armi convenzionali di Saddam Hussein dopo che le forze americane lo hanno catturato a Tikrit nel dicembre 2003 ed hanno cambiato il regime? Beh, molti americani sono morti e il Paese si è spaccato. Quindi, moltiplicate questo risultato per l’infinito e capirete cosa stanno proponendo i nostri leader e quanto siano squilibrati; dovrebbero saperlo bene perché l’hanno già fatto in passato, ma non hanno imparato nulla.

Non sono mai stati chiamati a risponderne e non hanno mai imparato. Se non si viene puniti, non si impara e quindi sono pronti a commettere gli stessi errori, ma su scala esponenziale, e non solo i pazzi, non solo quelli oramai screditati come Victoria Nuland o i buffoni come il nostro Segretario di Stato, ma quelli seri. Ecco l’ex direttore della CIA David Petraeus alla ABC News, che spiega con calma che se la Russia vuole usare le armi nucleari, nessun problema, beh, si elimina la sua flotta nel Mar Nero.

DAVID PETRAEUS

Le cose possono ancora peggiorare per Putin e per la Russia e anche l’uso di armi nucleari tattiche sul campo di battaglia non cambierà affatto la situazione. Jake Sullivan ha dichiarato pubblicamente che gli Stati Uniti hanno comunicato alla Russia cosa succederebbe in risposta a questo

CONDUTTORE ABC NEWS

E cosa accadrebbe?

DAVID PETRAEUS

Beh, di nuovo, non ne ho deliberatamente parlato con Jake. Per fare un’ipotesi, risponderemmo guidando uno sforzo collettivo della NATO che eliminerebbe ogni forza convenzionale russa che possiamo vedere ed identificare sul campo di battaglia in Ucraina e anche in Crimea ed ogni nave nel Mar Nero.

Oh, questo è rassicurante. Quindi, la Russia lancia armi nucleari. Affonderemo le loro navi. Davvero? David Petraeus pensa davvero che finirà lì? Sarebbe il primo uso di un’arma nucleare in quasi 80 anni dal 1945, ma pensano di poter contenere l’inevitabile reazione a catena con la risposta convenzionale. Affonderemo le loro navi. Non c’è alcun problema. A quanto pare, David Petraeus la pensa così e tenete presente che a Washington David Petraeus è considerato un genio e, per gli standard del posto, lo è sicuramente.

Improvvisamente, tutti coloro che hanno autorità, tutti coloro che hanno un megafono, tutti coloro che hanno un potere effettivo pensano e parlano proprio come David Petraeus. “Non c’è alcun problema“. Il Daily Beast, che è il foglio di informazione dei nani che gestiscono il nostro governo, ha pubblicato questo pezzo. “Putin non ha lasciato al mondo altra opzione che un cambio di regime”.

Nessun accenno alle inevitabili conseguenze di un cambio di regime. Un pazzo con armi nucleari e tu gli dici in pubblico che lo ucciderai e speri per il meglio, e se lancia armi nucleari, cosa che a quanto pare hai accettato come possibilità, facciamo fuori due navi e apposto, fine. Beh, bagnategli i piedi e poi passate al prossimo dittatore cattivo. Gliela faremo vedere noi.

Questa è la profondità dell’analisi della catastrofe incombente che stiamo affrontando. A “60 Minutes“, Scott Pelley (una persona che si dice sia intelligente, rispettata, probabilmente lo è) ha avuto l’opportunità di intervistare la moglie di Zelenskyy, che a quanto pare era un partner a tutti gli effetti nella gestione del Paese, ma non ha detto nulla su dove potrebbe andare a parare questa guerra, ovvero la guerra nucleare. Invece, Scott Pelley ha sfruttato l’occasione per fare il lecchino, parlando di come gli adesivi con la bandiera ucraina siano ovunque a New York. Signora Zelenskyy.

SCOTT PELLEY

Sei più forte di quanto pensavi?

OLENA ZELENSKA

Tutti sono diventati più forti. Non sono unica.

SCOTT PELLEY

Signora First Lady, posso mostrarle alcune fotografie dagli Stati Uniti? Questa è una foto che ho scattato sulla Fifth Avenue a New York. Questo è un adesivo per paraurti dove faccio la spesa. L’ho scattata nella zona est di Manhattan. Cosa dice al popolo americano?

La First Lady dell’Ucraina, Olena Zelenska

Ci scusiamo se avete appena vomitato. Questo è “60 Minutes, il notiziario serio che va al cuore di tutto. Siete mai stanchi di essere così coraggiosi e meravigliosi? Questo è il livello di analisi che stiamo ottenendo, mostrando alla moglie del presidente dell’Ucraina un adesivo per paraurti con la bandiera ucraina. “Siamo dalla vostra parte“. “Vi amiamo“. “Vi amiamo, davvero“.

Questa è vera follia. Un intero Paese ignorato dai suoi leader, leader specializzati nell’ignorare le cose che contano, come una catastrofe imminente. Non è un’esagerazione. Non si tratta del tasso di inflazione che sale di due punti o di una perdita del 15% del vostro fondo pensione, ma di una guerra nucleare.

Sotto sotto, le persone che stanno lanciando i dadi capiscono esattamente qual è la posta in gioco, anche se l’opinione pubblica americana non ne ha idea, e lo sappiamo da un recente messaggio pubblicitario della città di New York che vi dice cosa fare quando i russi lanceranno davvero delle bombe atomiche in centro città. Eccolo qui.

C’è stato un attacco nucleare. Non chiedetemi come o perché. Sappiate solo che ha colpito. OK. Allora, cosa facciamo? Primo passo: Rientrare a casa in fretta. Voi, i vostri amici, la vostra famiglia. Entrate in casa. Rimanete dentro. Chiudete tutte le porte e le finestre. Avete un seminterrato? Dirigetevi lì. Se vi trovavate all’esterno dopo l’esplosione, pulitevi immediatamente. Togliete e imbustate tutti gli indumenti che avete usato all’esterno per tenere la polvere o la cenere radioattiva lontana dal corpo.

Oh, . Tenete lontane le polveri e le ceneri radioattive. Proprio come una di quelle cose. Pulire le grondaie. Giusto? Assicurarsi di mettere il prato finto in primavera ed ovviamente tenete lontana la polvere radioattiva. Basta fare una doccia e rientrare in casa, nessun problema.

Gli autobus del New Jersey avranno ora dei cartelli che avvertiranno dell’avvelenamento da radiazioni? “Settembre è il mese della prevenzione nazionale. Sapete cosa fare in caso di emergenza da radiazioni?“. No, non lo sapete. Ma non importa.

È tutta una finzione. È tutta una recita. Se vivete in una grande area metropolitana, non c’è niente che possiate fare durante un bombardamento nucleare perché sarete morti insieme alla maggior parte degli altri. La stragrande maggioranza degli americani morirà e quelli che sopravvivranno moriranno di fame perché tutta l’agricoltura verrà distrutta, insieme a miliardi di persone in tutto il pianeta.

È quindi giunto il momento di aggiornare le vostre conoscenze sulla tecnologia. Queste non sono le bombe che hanno distrutto Nagasaki. Sono incalcolabilmente più potenti. Se colpisce New York, elimina anche Miami.

Quindi, una guerra nucleare non significa che possiamo eliminare la flotta russa nel Mar Nero. Significa la fine del mondo e le persone che lavorano su queste cose lo capiscono e hanno molta paura, ma nessun altro sembra averne idea. Perché?

Tucker Carlson Tonight” è il programma televisivo di punta della rete conservatrice americana Fox News, nemico giurato delle bugie, della superbia, dell’autocompiacimento e del pensiero unico. “Noi facciamo le domande che voi fareste – ed esigiamo delle risposte”. Tucker Carlson è fondatore e caporedattore del “The Daily Caller”, un sito di notizie politiche che ha lanciato nel 2010.


FoxNews.com

Seguici sui Social


Tucker Carlson Tonight” è un talk show americano e programma di attualità condotto dal commentatore paleoconservatore Tucker Carlson. Lo show viene trasmesso in diretta da Washington, D.C., su Fox News Channel alle 8:00 P.M. ET nei giorni feriali. Lo show include tipicamente commenti politici, monologhi, interviste e analisi. Ha debuttato come programma nella lineup di Fox News Channel il 14 novembre del 2016. Nel luglio 2020, “Tucker Carlson Tonight” ha battuto il record di programma con il più alto indice di gradimento nella storia delle notizie via cavo degli Stati Uniti, raccogliendo un’audience media di 4,33 milioni di spettatori.

Tucker Carlson è un conduttore di Fox News. Si è unito alla rete nel 2009 come collaboratore. Sostenitore dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, si dice anche che abbia influenzato alcune decisioni politiche chiave di Trump stesso. Le sue controverse dichiarazioni su razzismo, immigrazione e femminismo hanno portato al boicottaggio degli inserzionisti contro lo show. Fiero oppositore del progressismo politico, è stato definito un “nazionalista” ed un “paleoconservatore”. È un critico dell’immigrazione. Originariamente sostenitore della politica economica libertaria, ha poi criticato l’ideologia come “controllata dalle banche” ed è diventato un “protezionista”. È anche uno scettico sugli interventi militari all’estero degli Stati Uniti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...