Tutti gli occhi sull’Italia – Upward News

Il nuovo governo italiano combatterà il globalismo?

APPROFONDIMENTO | Alle prese con diverse crisi interne, l’Italia ha eletto un governo di destra guidato dalla conservatrice Giorgia Meloni. Il Paese sarà un banco di prova contro il globalismo.

Il nuovo partito di governo italiano: Il futuro presidente del consiglio italiano Giorgia Meloni ha portato il suo partito Fratelli d’Italia ad una vittoria elettorale decisiva. Il partito si basa su “l’Italia e gli italiani prima di tutto”, su una feroce opposizione all’immigrazione ed all’Unione Europea (UE) e su un forte sostegno ai “valori familiari” conservatori ed alle politiche nazionali che danno la priorità agli italiani.

Giorgia Meloni: “Sono Giorgia, sono una donna, sono una madre, sono italiana, sono cristiana. Nessuno mi toglierà questo”, ha detto. La Meloni fatto un’intensa campagna elettorale contro le chiusure e gli obblighi derivanti della pandemia, e in America è stata paragonata sia a Donald Trump che alla deputata Alexandra Ocasio Cortez per il suo stile di comunicazione semplice e diretto.

Il Globalismo

La battaglia contro l’UE: Giorgia Meloni vuole posizionare l’Italia contro la mano forte dell’UE, analogamente a quanto ha fatto di recente l’Ungheria. L’Unione Europea, che ha sede a Bruxelles e che governa la maggior parte delle questioni europee, ha promosso l’immigrazione di massa nel continente, le chiusure per contrastare la diffusione della pandemia e politiche finanziarie che hanno danneggiato i singoli Paesi membri.

L’Italia fa parte di una tendenza politiche che è in ascesa: Solo poche settimane fa, i conservatori svedesi, anch’essi contrari all’immigrazione ed alla UE, hanno conquistato la maggioranza dell’elettorato del Paese. Su scala macro, il movimento è nato con il rifiuto del globalismo da parte dell’America attraverso l’elezione dell’ex presidente Donald Trump e la Brexit (l’uscita definitiva del Regno Unito dall’UE).

Reazioni politiche

Il primo presidente del consiglio donna in Italia: Anche se Giorgia Meloni diventerà il primo presidente del consiglio donna dell’Italia, i progressisti e le femministe non hanno celebrato la vittoria per la loro causa per via dei valori pro-vita, pro-famiglia, pro-patria e pro-Dio della Meloni. Al contrario, i giornali progressisti hanno scritto della sua “agenda anti-donne”.

Richiami al fascismo: I media mainstream si sono affrettati a sostenere che il nuovo partito – che ha una storia di neofascismo – rappresenti un “ritorno alle radici fasciste dell’Italia”. In realtà, Giorgia Meloni ha dichiarato che “il fascismo è storia”, ha sospeso i membri che inneggiavano ai leader fascisti ed ha creato con successo un partito conservatore che è riuscito ad incanalare la sofferenza del Paese per la stagnazione economica e le politiche pandemiche.

Il quadro generale

Il globalismo, attraverso progetti come la creazione dell’UE nel 1993, ha aspirato ad integrare le economie mondiali per conseguire reciprocamente pace e prosperità. A più di tre decenni dall’inizio dell’esperimento, è ormai chiaro che il globalismo porta le singole nazioni a cedere la propria sovranità e, a sua volta, a dare priorità ai bisogni di altri Paesi rispetto a quelli dei propri cittadini.

La recente svolta dell’Italia sarà la più significativa spinta contro il globalismo dopo l’elezione di Donald Trump e la Brexit. Verificherà se i partiti populisti nazionali come quello di Giorgia Meloni potranno funzionare correttamente e soddisfare meglio le richieste dei loro cittadini.


UpwardNews.com

Seguici sui Social