Merrick Garland ha aspettato settimane per approvare il mandato di perquisizione di Mar-a-Lago – Breitbart News

Il procuratore generale Merrick Garland avrebbe atteso settimane per approvare il mandato di perquisizione della residenza privata dell’ex presidente Donald Trump a Mar-a-Lago

Mentre i media hanno suggerito che “documenti classificati relativi ad armi nucleari erano tra gli oggetti che l’FBI” cercava nel raid di Mar-a-Lago, ci sono volute settimane perché Merrick Garland decidesse se approvare il mandato, ha riferito martedì il Wall Street Journal.

La decisione è stata oggetto di settimane di incontri tra alti funzionari del Dipartimento di Giustizia e dell’FBI“, ha riferito il WSJ. “Il mandato ha permesso agli agenti di sequestrare lunedì scorso informazioni riservate ed altro materiale presidenziale da Mar-a-Lago”.

Dopo il raid e le notevoli pressioni dell’opinione pubblica, il Dipartimento di Giustizia ha presentato una mozione in tribunale per rilasciare il verbale dell’FBI relativo ai 28 oggetti dell’inventario sequestrati dagli agenti federali. Il giudice Bruce Reinhart ha accettato di rendere pubblico il mandato di perquisizione il giorno successivo.

Lunedì, Donald Trump ha dichiarato che l’FBI ha rubato i suoi passaporti durante il raid.

Il mandato, firmato dal giudice Reinhart ed approvato da Merrick Garland, non autorizzava gli agenti a requisire il passaporto di Donald Trump. Di solito, il governo ha bisogno di un’ordinanza specifica del tribunale per sequestrare il passaporto di qualcuno, anche se solo temporaneamente.

Norah O’Donnell di CBS News ha successivamente contraddetto la dichiarazione di Donald Trump ed ha affermato che “secondo un funzionario del Dipartimento di Giustizia, l’FBI NON è in possesso dei passaporti dell’ex presidente“.

Dopo la notizia, il team di Trump ha pubblicato un’e-mail di Jay Bratt, il più alto funzionario del controspionaggio nella divisione di sicurezza nazionale del Dipartimento di Giustizia, che confermava che i passaporti di Donald Trump erano stati sequestrati durante l’irruzione a Mar-a-Lago. L’e-mail diceva anche che i passaporti sarebbero stati restituiti a Trump.

Secondo il Wall Street Journal, “il Dipartimento della Giustizia ha chiesto lunedì ad un giudice di non rendere pubblico l’affidavit su cui si basa il mandato di perquisizione, come avevano chiesto alcuni media, scrivendo in un documento del tribunale che il documento contiene “fatti investigativi di importanza critica”.

I procuratori hanno spiegato di non volere che l’affidavit sia reso pubblico perché “probabilmente ostacolerebbe la futura collaborazione dei testimoni la cui assistenza potrebbe essere richiesta nel corso dell’indagine”.


BreitbartNews.com

Seguici sui Social