I candidati al Senato sostenuti da Donald Trump sono usciti tutti vincitori dalle primarie del 2022 – Breitbart News

Il bilancio complessivo degli endorsement del 45° presidente è di 146 vittorie contro 10 sconfitte. Ma come ha notato Breitbart News, i candidati sostenuti da Donald Trump al Senato risultano tutti imbattuti nelle primarie che si sono tenute finora in 22 Stati

Tutti e i 13 candidati al Senato degli Stati Uniti appoggiati dall’ex presidente Donald Trump hanno prevalso nelle primarie repubblicane.

Ecco i 13 candidati al Senato degli Stati Uniti che sono stati sostenuti da Donald Trump e che hanno ottenuto la nomination alle elezioni generali di novembre:

1 J.D. Vance – candidato per il seggio al Senato degli Stati Uniti d’America dell’Ohio
2 Mike Crapo – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti dell’Idaho
3 Rand Paul – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti del Kentucky
4 Ted Budd – candidato per il seggio al Senato degli Stati Uniti della Carolina del Nord
5 Dr. Mehmet Oz – candidato per il seggio al Senato degli Stati Uniti della Pennsylvania
6 John Boozman – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti dell’Arkansas
7 Herschel Walker – candidato per il seggio al Senato degli Stati Uniti della Georgia
8 Chuck Grassley – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti dell’Iowa
9 Adam Laxalt – candidato per il seggio al Senato degli Stati Uniti del Nevada
10 John Hoeven – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti del Nord Dakota
11 Tim Scott – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti della Carolina del Sud
12 Katie Britt – candidata per il seggio al Senato degli Stati Uniti dell’Alabama
13 Mike Lee – senatore da riconfermare per il seggio al Senato degli Stati Uniti dello Utah

La serie di successi dei candidati al Senato sostenuti da Donald Trump è iniziata con J.D. Vance in Ohio, che ha ottenuto la nomination alle primarie il 3 maggio. J.D. Vance, l’autore di “Hillbillly Elegy“, ha ricevuto un endorsement dell’ultimo minuto da parte di Donald Trump nella sua corsa e si è imposto come vittorioso in un campo affollato di candidati alle primarie, conquistando il 32,3% dei voti. Il Team di Trump ha dichiarato a Breitbart News che il candidato dell’Ohio era al quinto posto, con i sondaggi che lo davano a circa il 10%, quando il 15 aprile si è assicurato l’appoggio del 45° Presidente.

Lo slancio dei candidati al Senato degli Stati Uniti è proseguito nelle primarie del 17 maggio, quando quattro candidati sono passati alle elezioni generali. Il senatore Mike Crapo dell’Idaho ha battuto quattro sfidanti alle primarie repubblicane e si è assicurato la ricandidatura per un quinto mandato. In Kentucky, il senatore Rand Paul ha battuto i suoi cinque avversari, ottenendo l’86,3% dei voti, mentre il rappresentante Ted Budd è diventato il candidato repubblicano in Carolina del Nord, sconfiggendo l’ex governatore Pat McCrory e l’ex rappresentante Mark Walker tra gli altri candidati. Infine, il Dr. Mehemet Oz ha battuto l’uomo d’affari David McCormick nelle primarie repubblicane per il Senato degli Stati Uniti in Pennsylvania. L’elezione primaria della Pennsylvania è stata molto combattuta ed ha richiesto si tenesse un riconteggio, ma alla fine McCormick ha concesso la vittoria al Dr. Oz il 3 giugno, quando gran parte del riconteggio era stato completato.

Altri due candidati al Senato sostenuti da Donald Trump hanno prevalso anche alle primarie del 24 maggio. L’ex giocatore di football e vincitore dell’Heisman Trophy Herschel Walker ha ottenuto la vittoria nelle primarie repubblicane della Georgia per il seggio al Senato degli Stati Uniti, mentre il senatore John Boozman del’Arkansas ha tenuto a bada gli sfidanti Jake Bequette, ex giocatore di football dei New England Patriots, e il commentatore conservatore Jan Morgan mettendo in salvo la ricandidatura per la riconferma al Senato.

Dopo una pausa nelle primarie per il Senato, il senatore Chuck Grassley dell’Iowa è passato alle elezioni generali del 7 giugno. L’anziano senatore detiene il seggio dal 1981 ed è in lizza per il suo ottavo mandato consecutivo alle elezioni generali di novembre.

Altri tre candidati al Senato degli Stati Uniti sostenuti da Donald Trump hanno prevalso nelle elezioni del 14 giugno. L’ex procuratore generale del Nevada Adam Laxalt si è assicurato la nomination repubblicana per il seggio al Senato del Nevada, mentre il senatore John Hoeven del North Dakota ha sconfitto con facilità lo sfidante alle primarie Riley Kuntz. Anche il senatore Tim Scott della Carolina del Sud è uscito vincitore alle primarie repubblicane per il Senato degli Stati Uniti.

Infine, la candidata sostenuta da Donald Trump, Katie Britt, ex capo del Business Council of Alabama, ha ottenuto una vittoria schiacciante sul senatore in carica Mo Brooks nel ballottaggio per il seggio al Senato degli Stati Uniti in Alabama il 21 giugno. La Britt ha ottenuto il 63% dei voti, battendo l’uscente Mo Brooks di oltre 100.000 voti. Il 28 giugno, il senatore Mike Lee dello Utah ha vinto la candidatura per la rielezione alle elezioni generali di novembre.

Il bilancio complessivo degli endorsement del 45° presidente è di 146 vittorie contro 10 sconfitte. Ma come ha notato Breitbart News, i candidati sostenuti da Donald Trump al Senato degli Stati Uniti risultano imbattuti


BreitbartNews.com

Seguici sui Social