Le primarie per la Camera in North Carolina, Oregon e Pennsylvania e le sanguinose battaglie all’interno dei Partiti: Cawthorn, Lee, Schrader dovranno affrontare i loro agguerriti sfidanti – Fox News

In North Carolina, Oregon e Pennsylvania si sono svolte intense primarie per i seggi alla Camera.

Le primarie di martedì in Pennsylvania, North Carolina e Oregon segnano la conclusione di diverse ed accese battaglie interne ai Partiti per le candidature alla Camera in vista delle elezioni di midterm di novembre.

Mentre le primarie repubblicane per il Senato della Pennsylvania hanno assorbito gran parte della copertura mediatica dello Stato, le primarie democratiche per il 12° distretto congressuale dello Stato sono state una dura battaglia tra l’establishment del Partito Democratico e le fazioni progressiste.

Summer Lee, rappresentante statale della Pennsylvania, progressista di estrema sinistra, vuole conquistare il seggio lasciato vacante del rappresentante uscente Mike Doyle (D).

Socialista democratica sostenuto dalla “Squad“, sta affrontando Steve Irwin, un avvocato ed attivista della Pennsylvania occidentale che sostiene un sistema sanitario a pagamento unico ma che si è differenziato rispetto alla Lee per la sua forte posizione pro-Israele.

Lo United Democracy Project, un super PAC pro-Israele affiliato all’AIPAC, ha investito denaro nella corsa per conto di Irwin. Anche altre organizzazioni ebraiche, tra cui Democratic Majority for Israel e Pro-Israel America, hanno sostenuto Irwin.

Summer Lee ha dovuto invece affrontare le critiche dei gruppi ebraici per le sue dichiarazioni sul conflitto israelo-palestinese, tra cui il paragone con l’omicidio di George Floyd.

Dato che il distretto è fortemente orientato verso i Democratici, è probabile che chiunque vincerà le primarie si aggiudicherà il nuovo seggio. Il distretto comprende la sinagoga Tree of Life, che nel 2018 è stata teatro di una sparatoria che ha ucciso 11 fedeli.

Summer Lee non è priva di sostenitori di peso, tra cui i senatori Bernie Sanders ed Elizabeth Warren. Ha anche sposato diversi ideali socialisti – tra cui la redistribuzione della ricchezza – e le politiche progressiste più controverse come l’abolizione del “sistema carcerario”.

“Invece di ‘ringraziare’ le donne nere, gli elettori neri e soprattutto gli organizzatori neri… dateci gli investimenti di cui abbiamo bisogno e che meritiamo, ridistribuite la ricchezza, ponete fine alla violenza della polizia, abolite lo Stato carcerario, impegnatevi a costruire il potere politico diretto dei neri… e i risarcimenti”, ha twittato Lee nel novembre 2020.

In Oregon si sta svolgendo una battaglia simile tra il deputato Kurt Schrader e la sua sfidante Jamie McLeod-Skinner.

Il deputato-cowboy avrebbe ricevuto un potenziale vantaggio per le primarie grazie all’appoggio di Joe Biden, che ha appoggiato comunque il democratico dell’Oregon nonostante il suo voto contro la legge di spesa per gli stimoli economici per contrastare la crisi indotta dalla pandemia di COVID-19 da 1.900 miliardi di dollari a marzo dell’anno scorso.

“Non siamo sempre d’accordo, ma quando è stato più importante, Kurt mi è stato vicino”, ha detto Joe Biden in una dichiarazione rilasciata dalla campagna di Schrader. “E così facendo, ha contribuito a far approvare in legge gran parte del mio programma, facendo un’enorme differenza nella vita degli abitanti dell’Oregon che rappresenta e di tutta l’America”. “Ora abbiamo ancora molto da fare e per farlo dobbiamo mantenere un Congresso democratico”, ha aggiunto Joe Biden.

Jamie McLeod-Skinner ha assunto posizioni fortemente progressiste ed ha fatto della questione dell’aborto un punto centrale della sua campagna, colpendo persino Schrader per aver elogiato “l’emendamento Hyde” dopo aver votato contro – un emendamento che la McLeod-Skinner definisce “odioso”.

L’emendamento Hyde” è una legge federale che impedisce che i fondi federali siano destinati all’aborto, tranne nei casi di incesto, stupro o quando la vita della madre è in pericolo.

La McLeod-Skinner ha ricevuto l’appoggio dei funzionari democratici della contea, mentre Schrader ha ricevuto il sostegno dei Democratici di livello nazionale.

Anche i Repubblicani non sono esenti da un potenziale scossone alle primarie.

Il rappresentante Madison Cawthorn, Repubblicano della Carolina del Nord, sta affrontando un blitz alle primarie in vista della sua candidatura alla rielezione che ha visto un PAC legato al senatore Thom Tillis lanciare centinaia di migliaia di dollari contro la “matricola del Congresso”.

A marzo, Thom Tillis ha appoggiato l’avversario di Cawthorn alle primarie, il senatore repubblicano Chuck Edwards, affermando di ritenere Edwards la “scelta migliore” per il seggio. Tillis ha anche chiesto un’indagine sul presunto insider trading del giovane deputato attraverso le criptovalute.

“L’11° distretto congressuale merita un deputato che si dedichi completamente al servizio dei suoi elettori. Purtroppo, Madison Cawthorn è stato ben al di sotto degli standard più elementari che la Carolina del Nord occidentale si aspetta dai propri rappresentanti, e gli elettori hanno ora diversi candidati ben qualificati tra cui scegliere che rappresenterebbero un miglioramento significativo”, ha dichiarato Thom Tillis. “Credo che Chuck Edwards sia la scelta migliore”.

Secondo quanto riferito, la matricola repubblicana non sta vedendo un grande sostegno pubblico per i suoi sforzi di rielezione da parte di altri membri della delegazione della Carolina del Nord.

Le primarie di Madison Cawthorn hanno attirato l’attenzione dei media dopo che diverse foto e video controversi sono stati diffusi online e mandati in onda in televisione. La matricola repubblicana ha definito le numerose foto e i video come una “campagna di fango” ed “un ricatto“.

Il filmato è emerso in mezzo a diverse polemiche sul giovane deputato, tra cui quella secondo cui i suoi colleghi del GOP gli avrebbero messo davanti delle strisce di cocaina e lo avrebbero invitato a partecipare a delle orge.

Tuttavia, Madison Cawthorn si è assicurato l’appoggio dell’ex presidente Donald Trump, che ha invitato gli elettori a dare alla matricola una “seconda possibilità” dopo i suoi “sciocchi errori”.

“A 18 anni, Madison Cawthorn, l’ormai 26enne deputato del grande Stato della Carolina del Nord, ha vissuto un evento che ha cambiato la sua vita e che, fortunatamente, poche persone devono sopportare”, ha scritto Donald Trump su Truth Social nel fine settimana.

“In pochi secondi ha perso l’uso della metà inferiore del corpo, un’esperienza a dir poco traumatica”. “Quando Madison è stato eletto per la prima volta al Congresso, ha fatto un ottimo lavoro“, ha continuato. “Recentemente ha commesso alcuni errori sciocchi, che non credo commetterà di nuovo… diamo a Madison una seconda possibilità!“.

L’appoggio di Donald Trump è un vantaggio per Madison Cawthorn nel distretto molto favorevole ai Repubblicani in cui è in corsa per la rielezione, ma è ancora da vedere se questo avrà la meglio sugli appoggi dei politici locali della Carolina del Nord.


FoxNews.com

Seguici sui Social