Donald Trump, le primarie in Pennsylvania e la scelta del “meno peggio” – American Greatness

Quando si ha solo una manciata di limoni come quella delle primarie Repubblicane in Pennsylvania, si fa una limonata. E Donald Trump ne sta facendo una, per quanto dolce

Donald Trump ha deluso molti conservatori, me incluso, per l’endorsement a Mehmet Oz, conosciuto come “Dr. Oz“, famoso personaggio televisivo conduttore del “The Dr.OZ show“, un programma di medicina, divenuto molto popolare a livello nazionale dopo che lo stesso Oz era stato intervistato da Oprah Winfrey.

Nonostante le posizioni poco conservatrici del personaggio, Donald Trump ha deciso comunque di sostenerlo per puro “opportunismo politico“, e le motivazioni sono principalmente due.

Il principale sfidante è Dave McCormick, da molti visto come un Repubblicano da “country club (alla Mitt Romney per intendersi), ed ha lavorato per anni alla Bridgewater, uno dei fondi di investimento più esposti verso la Cina, tanto da arrivare a gestire persino uno dei fondi sovrani di Pechino. McCormick, dal canto suo, non ha mai nascosto le proprie simpatie verso Pechino, ed ha ampliato l’attività di Bridgewater in Cina, aiutando anche a raccogliere oltre 1 miliardo di dollari per un fondo privato in Cina nel novembre 2021. A questo si aggiungono altre posizioni tipiche dei noecon, come l’essere favorevoli all’immigrazione, all’amnistia per i migranti clandestini, ad intervenire in qualsiasi guerra nel mondo (armiamoci e partite! n.d.r.), condannare gli eventi del 6 gennaio e sostenere che i quattro anni di presidenza Trump siano stati “molto divisivi”. Nella sua vita privata, McCormick si è recentemente sposato con Dina Powell (Sì, proprio la figlia di quel Powell). Possiamo dunque immaginare come possa essere stato difficile per Donald Trump vedere di buon occhio un candidato del genere.

Il Dr. Mehmet Oz, invece, nonostante abbia poche caratteristiche del conservatore medio ed abbia fatto commenti preoccupanti è stato premiato da Donald Trump per un semplice motivo: la sua fedeltà. Durante la campagna presidenziale del 2016, infatti, fu proprio il Dr. Oz, a differenza di molti altri, a confermare durante il suo show il buono stato di salute di Donald Trump, respingendo quindi le accuse dei media mainstream che accusavano l’imprenditore newyorkese di godere di “condizioni di salute precarie”.

Giustamente, è una scommessa. Non ci sono candidati MAGA credibili nella corsa al Senato in Pennsylvania, quindi Trump ha davvero due scelte: o il Dr. Oz oppure Dave McCormick. Il Dr. Oz è anche molto nuovo alla politica e presumo che alcune delle sue opinioni divergenti si aggiusteranno man mano che continuerà la campagna e che guadagnerà esperienza. Non sarei sorpreso se Donald Trump lo aiutasse a districarsi attraverso alcuni di questi campi minati. Se sei Donald Trump, hai un capitale politico per le mani. L’ex presidente ha una notevole influenza sulla base e, dati i numeri si vedono, può essere il kingmaker nelle corse al Senato degli Stati Uniti in Pennsylvania, Ohio, Arizona e Missouri.

Difficilmente potremo vedere nel Dr. Oz un nuovo Ted Cruz o un Josh Hawley, oppure un nuovo Rand Paul. Quello che è certo è che ci sono molte più possibilità che voti in maniera allineata con il Partito Repubblicano su alcune questioni chiave, in effetti molto di più rispetto a Dave McCormick, riducendo quindi la probabilità di ritrovarsi per le mani un nuovo Mitt Romney. Sarà un alleato di Donald Trump al Senato se e quando Trump si ricandiderà e vincerà nel 2024? Ci potete scommettere.

Il Dr. Oz vincerà quasi sicuramente le primarie, probabilmente vincerà anche le elezioni generali, date le dinamiche delle prossime midterms del 2022. Ma se manterrete basse le vostre aspettative, scommetto che vi sorprenderà persino piacevolmente.


AmericanGreatness.com

Seguici sui Social