I Democratici affermano che la Florida abbia approvato una legge che ‘Vieti di Dire Gay’. Ecco cosa dice in realtà la legislazione

I Democratici la chiamano in modo fuorviante la legge ‘Don’t Say Gay’. Ecco cosa c’è effettivamente nella legislazione.

I Repubblicani della Florida martedì hanno approvato una legge sui diritti dei genitori che i progressisti hanno subito sostenuto essere “anti-LGBTQ“.

Ma assente da gran parte della discussione attorno a questo disegno di legge sono i contenuti effettivi della legislazione proposta.

Il disegno di legge, ufficialmente chiamato “diritti dei genitori in materia di istruzione”, vieta ai dipendenti della scuola e a terzi di tenere lezioni in classe sull’orientamento sessuale” o “identità di genere” ai bambini dalla scuola materna alla terza elementare.

RON DESANTIS ACCUSA UN REPORTER DI AVER DIFFUSO FAKE NEWS SULLA NUOVA LEGGE SULL’ISTRUZIONE IN UNO SCONTRO ACCESO CONFERENZA STAMPA (FOX NEWS)

Il disegno di legge, che è passato al Senato dello stato della Florida questo martedì dopo aver superato il vaglio della Camera il mese scorso, è stato soprannominato “Don’t Say Gay” (lett. “Non dire Gay“) dai Democratici che falsamente sostengono che vieti qualsiasi discussione pertinente all’essere gay nelle scuole della Florida.

Joe Biden l’ha definita una “legge odiosa” in un tweet del mese scorso.

Il governatore repubblicano Ron DeSantis, che dovrebbe firmare la legge, ha rimproverato un giornalista di WFLA lunedì per aver usato impropriamente il termine “Don’t Say Gay” durante una conferenza stampa.

C’è scritto questo nella legge?” ha chiesto DeSantis, aggiungendo che questo “è il motivo per cui la gente non si fida delle persone come voi, perché vendete false narrazioni“.

“E faremo in modo che i genitori siano in grado di mandare i loro figli all’asilo senza avere alcuna di queste cose inserite nei loro programmi scolastici”, ha detto il governatore.

La portavoce di DeSantis, Christina Pushaw, ha risposto in modo simile ad un giornalista dell’Associated Press martedì. “Qual è il vero nome del disegno di legge, @ZekeJMiller?”, ha chiesto. “Menziona la parola ‘gay’ o le persone LGBT? Ci si aspetta ancora che i reporter dell’AP leggano una legislazione prima di scriverci sopra?”.

Fox News ha letto il disegno di legge sui diritti dei genitori nell’educazione, ed ecco che cosa dice:

Cosa dice il disegno di legge

  • Richiede ai distretti scolastici di adottare procedure che “rafforzano il diritto fondamentale dei genitori di prendere decisioni riguardanti l’educazione dei loro figli in un modo specifico”.
  • Proibisce l’istruzione in classe, ma non la discussione casuale, su temi comeorientamento sessualeeidentità di generecon i bambini fino alla terza elementare, “o in un modo che non è appropriato all’età o allo sviluppo degli studenti in conformità con gli standard statali”.
  • Richiede ai distretti scolastici di informare i genitori di uno studente se vi è stato un cambiamento “nei servizi allo studente o nel monitoraggio relativo alla salute ed al benessere mentale, emotivo o fisico dello studente e la capacità della scuola di fornire un ambiente di apprendimento sicuro e solidale per lo studente”.
  • Proibisce alle scuole di “incoraggiare uno studente a nascondere” tali informazioni ad un genitore.
  • Richiede ai distretti scolastici di notificare ai genitori ogni servizio di assistenza sanitaria offerto nella scuola dove studia il loro figlio e l’opzione per rifiutare il consenso o di rifiutare qualsiasi servizio specifico.
  • Richiede che i genitori vengano autorizzati ad accedere ai dati dei registri sullo stato dell’educazione e sanitario dei loro figli conservati dalla scuola.
  • Richiede che la scuola ottenga il permesso dei genitori prima di somministrare un questionario sul benessere od uno screening sulla salute agli studenti dalla scuola materna fino alla terza elementare.
  • Richiede alle scuole di rispondere alle preoccupazioni di un genitore entro 7 giorni dalla notifica di tali preoccupazioni, e la scuola deve risolvere tali preoccupazioni entro 30 giorni. Se la questione non viene risolta, i genitori possono fare causa al distretto scolastico o chiedere al commissario statale per l’educazione di nominare un procuratore speciale per mediare una soluzione, che il distretto scolastico deve pagare.

Cosa non dice il disegno di legge

  • Non vieta di dire la parola “gay” negli ambienti scolastici.
  • Non vieta discussioni casuali sugli argomenti relativi all’orientamento sessuale e all’identità di genere in classe.
  • Non richiede alle scuole di informare i genitori se i loro figli si dichiarano gay o transgender.
  • Non richiede alle scuole di notificare ai genitori le informazioni riguardanti il benessere mentale, emotivo o fisico dello studente “se una persona ragionevolmente prudente potrebbe credere che la divulgazione possa risultare in abuso, abbandono o negligenza”.

Anche i legislatori Democratici stanno perpetrando il mito della legge ‘Don’t Say Gay’ della Florida

I Democratici del Senato della Florida hanno pubblicato lunedì un video in cui si vedono i legislatori che gridano gioiosamente e ripetutamente la parola “gay” in quello che sembra essere un tentativo di “incolpare” i Repubblicani di omofobia per una legge che la Sinistra ha falsamente soprannominato “Don’t Say Gay“, nonostante il fatto che la legge vieti semplicemente l’insegnamento dell’educazione sessuale di qualsiasi tipo ai bambini dalla scuola materna alla terza elementare.

Abbiamo una cosa da dire ai nostri colleghi del GOP – GAY!” hanno twittato lunedì mattina i Democratici del Senato della Florida, pubblicando un video di donne democratiche che cantano e gridano ripetutamente la parola “gay”:

Il video sembra mostrare le senatrici statali della Florida Janet Cruz, Loranne Ausley, Tina Polsky e Lori Berman che camminano e urlano in coro “gay”.

Ma nonostante la narrazione portata avanti dalla Sinistra, il provvedimento limita semplicemente l’insegnamento nelle scuole per bambini della sessualità, di qualsiasi tipo, dalla scuola materna fino alla terza elementare. In poche parole, il disegno di legge non si riferisce certo ai “gay”. “Un distretto scolastico non può incoraggiare la discussione in classe sull’orientamento sessuale o l’identità di genere nei livelli del grado di istruzione primario o in un modo che non sia appropriato all’età o allo sviluppo degli studenti”, afferma il disegno di legge.

Il governatore della Florida Ron DeSantis ha contribuito a sfatare la falsa e manipolativa narrazione la scorsa settimana.

Se si guarda effettivamente al disegno di legge, dice nessuna educazione sessuale nei gradi dalla scuola materna alla terza elementare. E quindi quanti genitori vogliono che i loro bambini dell’asilo abbiano il transgenderismo o qualcos’altro ancora inculcato durante le lezioni in classe?” ha chiesto DeSantis.

“E così, penso che questi siano bambini molto piccoli. Penso che il nostro parlamento stia fondamentalmente cercando di dare ai genitori l’assicurazione che, come sapete, saranno in grado di fare in modo che questa roba non ci sia“, ha detto, notando che – nonostante la narrazione della Sinistra – non c’ènulla nel disegno di legge che dice cosa si può dire e che cosa non si può dire“.

“Sta fondamentalmente dicendo per i nostri studenti più piccoli – 4 anni, 5 anni, 6 anni e 7 anni – vuoi davvero che venga loro insegnato qualcosa?e mi riferisco a qualsiasi roba sessuale, ma penso che chiaramente in questo momento vediamo un sacco di attenzione al transgenderismo, dicendo ai bambini che possono essere in grado di scegliere i generi e tutto questo“, ha spiegato.

“Sì, si può creare una falsa narrazione, si può mettere in scena una protesta, si possono fare tutte queste cose, ma non si sta dicendo la verità su ciò che c’è in realtà“, ha continuato DeSantis, notando che non ha avuto alcun “mastino nella lotta, perché non era una mia proposta di legislazione”.

“Il parlamento statale ha preso l’iniziativa, ma quando sento queste cose e poi guardo sulla carta su ciò che c’è, c’è questo enorme abisso tra ciò che effettivamente dice rispetto a questi ragazzi molto piccoli rispetto a ciò che alcune di queste proteste nella capitale o qualsiasi altra cosa dicano“, ha detto, aggiungendo ancora una volta, “Non ho visto nulla di ciò [non dire “gay”] nelle bozze che sono state effettivamente presentate a me.”


FoxNews.com, BreitbartNews.com

Seguici sui Social