La Settimana Repubblicana – La crisi migratoria di Biden non è mai stata peggiore

La crisi migratoria di Biden non è mai stata peggiore

Il peggior dicembre nella storia del DHS: 178.840 immigrati illegali sono stati arrestati nel tentativo di attraversare il confine tra Stati Uniti e Messico a dicembre, rendendo questo il totale più alto per il mese dicembre nella storia del DHS.

  • Quasi due milioni: Questo è il numero degli immigrati illegali che la Border Patrol ha catturato mentre tentavano di attraversare il confine da quando Joe Biden è entrato in carica.
  • 11,921: Il numero di bambini non accompagnati che la Border Patrol ha fermato nel mese di dicembre.
  • Circa 500.000: il numero stimato di immigrati illegali che sono fuggiti negli Stati Uniti senza essere arrestati. Forse non sapremo mai chi sono questi individui o dove sono andati.

La causa principale: Le politiche fallimentari di Biden hanno creato la crisi al confine meridionale.

Biden ha:

  • Emesso più di 94 ordini esecutivi sull’immigrazione, annullando molte delle politiche di successo dell’amministrazione di Donald Trump.
  • Fermato la costruzione del muro al confine.
  • Messo fine all’efficace politica del “Remain in Messico“.
  • Trasferito con gli aerei i migranti dal confine alle città americane con il favore delle tenebre.
  • Permesso agli immigrati illegali di usare gli arrest warrant come forma valida di identificazione per salire sugli aerei.

In conclusione: Il rifiuto di Joe Biden di rendere sicuro il nostro confine ha avuto conseguenze tragiche. Le droghe illegali si stanno riversando in America, e le overdose di fentanyl stanno diventando la principale causa di morte per gli americani tra i 18 e i 45 anni. Le frontiere aperte portano il traffico di esseri umani, la violenza e gli abusi alle nostre porte.

Ma Biden non ha ancora visitato nemmeno una volta il confine. Non gli interessa.

Il recupero degli stati Repubblicani: Le politiche del GOP funzionano

Il rimbalzo degli stati repubblicani: I dati di dicembre appena rilasciati dal Dipartimento del Lavoro confermano che i governatori e le legislature repubblicane sono in testa nel riportare gli americani al lavoro.

I numeri non mentono:

  • 16 tra i primi 20 stati per posti di lavoro recuperati dall’inizio della pandemia di Coronavirus sono governati da governatori Repubblicani.
  • 18 tra i primi 20 stati per posti di lavoro recuperati hanno legislature controllate dai Repubblicani.
  • I primi 9 stati per posti di lavoro recuperati sono tutti guidati da Repubblicani.
  • I primi 10 stati con i tassi di disoccupazione più bassi sono tutti guidati da Repubblicani.

“I governatori e le legislature repubblicane danno risultati, mentre Joe Biden e i governatori Democratici stanno lasciando gli americani indietro”, ha detto la presidente del RNC Ronna McDaniel.

“Nonostante le spese sconsiderate di Biden, i prezzi alle stelle e gli obblighi forzati, l’impegno dei Repubblicani verso politiche economiche conservatrici e di buon senso sono in testa”.

In conclusione: Mentre gli stati repubblicani rimettono gli americani al lavoro, le politiche dei Democratici che uccidono il lavoro e le chiusure economiche stanno distruggendo i loro stati.

NUOVO EPISODIO: Podcast “Real America” con il capogruppo della minoranza alla Camera Steve Scalise

Parlando del 2022: La presidente del RNC Ronna McDaniel ha rilasciato un nuovo episodio del suo podcast “Real America” con il capogruppo di minoranza della Camera Steve Scalise.

La posta in gioco è alta: I due hanno discusso dell’impatto sulla vita reale delle politiche radicali di Joe Biden, le sue debolezze come comandante-in-capo, l’importanza di riprendere la Camera nel 2022 ed il ruolo di Scalise come capogruppo di minoranza.

A Biden non importa: “È così importante capire che non si tratta di incompetenza. Questo è intenzionale. Questa è la loro visione del mondo. Biden non vuole un’America più forte. Sta gestendo il nostro paese, e le politiche che sta mettendo in atto sono intenzionali”, ha detto la presidente Ronna McDaniel.

Ogni voto conta: “Nessuno ha una scusa per rimanere a casa”, ha detto Steve Scalise. “Abbiamo bisogno di persone che vadano a votare e, quando vanno a votare – assicurandosi anche che stiano proteggendo l’integrità del sistema di voto – si ottiene il giusto risultato. Tutti hanno un voto e noi lottiamo per quel diritto di voto per tutti”.

Espandere il Partito, investire nelle Comunità

Il Comitato Nazionale Repubblicano (RNC) continua a far crescere il Partito, ad investire nelle comunità e a mobilitare il sostegno in vista delle elezioni di metà mandato.

  • Questa settimana, il RNC ha aperto due nuovi centri comunitari – parte dell’impegno multimilionario del RNC per le minoranze e degli investimenti a lungo termine nelle comunità.

Houston, Texas: Il RNC ha aperto il suo quarto centro comunitario ispanico in Texas e l’ottavo in tutto il paese.

  • Poiché gli elettori ispanici continuano a spostarsi verso il Partito Repubblicano, i nostri centri comunitari stanno pavimentando la strada che gli elettori percorreranno per essere ascoltati, impegnarsi ed essere coinvolti.

Contea di Robeson, Carolina del Nord: Il RNC ha aperto il suo primo centro comunitario per nativi americani. Dopo aver visto aumentare i consensi nelle comunità dei nativi americani nel 2020, il RNC si sta assicurandosi di continuare a far crescere il Partito nel 2022 ed oltre.

  • Il nuovo centro comunitario – il primo ufficio per nativi americani che il RNC sta aprendo ovunque negli Stati Uniti in questo ciclo elettorale – è il gioiello nella corona dell’approccio”, ha riportato l’Indigenous Wire.

Il RNC ha celebrato la settimana della scelta della scuola

Il Partito Repubblicano si è unito a migliaia di famiglie ed insegnanti in tutto il paese per celebrare la libertà nell’istruzione K-12.

Via di fuga: La scelta della scuola permette agli studenti, specialmente quelli intrappolati nei distretti in crisi, di trovare l’ambiente per l’apprendimento che meglio si adatta alle loro esigenze.

  • Grazie alle leggi sulla scelta della scuola, gli studenti di tutta l’America hanno approfittato di scuole charter, scuole private, homeschooling, apprendimento a distanza, voucher ed opzioni per le iscrizione aperte.
  • Le minoranze e gli studenti a basso reddito sono alcuni dei maggiori beneficiari e sostenitori della scelta scolastica.

Le famiglie prima di tutto: Il Partito Repubblicano crede che i genitori, non i burocrati del governo, siano quelli che meglio capiscono i bisogni accademici dei loro figli.

In piedi con gli studenti: Il RNC difenderà e sosterrà sempre l’espansione della scelta scolastica in tutto il paese, assicurando che ogni bambino abbia accesso all’istruzione che meglio soddisfa le sue esigenze.


GOP.com

Seguici sui Social

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...