Tucker Carlson: I media pensano che noi, ed il presidente dell’Ucraina, siamo agenti della Russia

Tucker Carlson reagisce alle critiche dei media mainstream nei confronti di coloro che non sostengono la guerra alla Russia.

Questo articolo è adattato dal commento di apertura di Tucker Carlson dell’edizione del 28 Gennaio 2022 di “Tucker Carlson Tonight”.

Se avete seguito le notizie di recente, saprete che Vladimir Putin è a pochi attimi dall’invadere il nostro vecchio alleato, il nostro amico più vicino sulla scena mondiale, che sarebbe la nazione sovrana dell’Ucraina. In risposta a questa notizia, gli amanti della democrazia in ogni dove sono inorriditi. Questo è un disastro in slow-motion. In effetti, è la prima tessera del domino.

Prima, i russi vengono per l’Ucraina. Dopo, sarà per Bangor, Boise, Bakersfield. Quello che Vladimir Putin progetta dopo farà sembrare il film Alba Rossa solo un documentario. Così, naturalmente, i difensori della democrazia in ogni dove sono inorriditi davanti a tutto questo, e sono pronti a combattere. Ora, la NATO, il cui compito sembra essere quello di contenere la Russia, non si è ancora impegnata a difendere l’Ucraina per qualche motivo. Ma gli americani più patriottici non stanno aspettando certo la NATO. Non è il loro modo di fare. Secondo un pezzo di BuzzFeed, i cittadini americani si stanno unendo alla lotta da soli. È la loro guerra civile spagnola. Stanno pagando il proprio viaggio in Ucraina per difendere il nobile popolo ucraino contro le vili orde russe dalla steppa glaciale.

Ma stranamente, e questo è strano, non abbiamo conferma che David Frum, Max Boot e Liz Cheney siano già partiti per Kiev: forse stanno ancora oliando i loro fucili e raccogliendo il loro equipaggiamento, o forse hanno deciso di presidiare le transenne dei notiziari via cavo. Solo perché sono tecnicamente dietro le nostre linee non rende il loro servizio meno pericoloso od importante, e un giorno riceveranno tutti una medaglia per i sacrifici che stanno facendo negli studi della CNN a New York City. E abbiamo intenzione di coprire la cerimonia in diretta.

BIDEN INVIA TRUPPE NELL’EUROPA DELL’EST MENTRE I DISORDINI IN UCRAINA SI INTENSIFICANO

Ma nel frattempo, Joe Biden sembra il più preoccupato di tutti. Joe Biden è così in preda al panico per quello che sta per accadere all’Ucraina che fa sembrare Bill Kristol una persona sobria e moderata. E questo non è davvero sorprendente, perché Joe Biden è il presidente degli Stati Uniti. Ha accesso a tutte le ultime informazioni. Gli vengono consegnate quotidianamente dalla divisione armi di distruzione di massa della CIA. Quei ragazzi se ne occupano.

Questa settimana, Joe Biden è diventato così preoccupato dopo aver letto ciò che la CIA gli ha consegnato, così preoccupato per ciò che sta per accadere all’Ucraina, che ha chiamato il presidente dell’Ucraina per avvertirlo del suo destino. E poi qualcuno nella comunità dell’intelligence ha fatto trapelare la trascrizione di quella chiamata alla CNN, e non è la prima volta.

JAKE TAPPER: “Abbiamo una notizia dell’ultima ora per voi e per il nostro leader mondiale, un alto funzionario ucraino dice alla CNN che la telefonata di oggi tra il presidente Biden e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky citazione “non è andata bene“. La nostra fonte dice alla CNN che i due non erano d’accordo sull’immediatezza della minaccia di un attacco russo all’Ucraina. La Casa Bianca ed il Pentagono sono stati enfatici sul fatto che credono che un attacco potrebbe essere imminente. Dovremmo notare che la Casa Bianca ha appena rilasciato il proprio resoconto di quella chiamata, e non c’era alcuna menzione degli avvertimenti del presidente Biden o dei disaccordi dei due presidenti.”

Woah. In primo luogo, dovremmo notare come la CNN sia perfettamente in grado di prendere gli appelli pieni di propaganda dagli agenti del governo ucraino, ma che non si possa parlare con la Russia perché questo è “tradimento”. Ma ecco il titolo: Sembra che ci sia squarciato il velo di maya tra i due leader più vicini al mondo – fratelli, in realtà. E questo suggerisce che ci potrebbe essere una rottura di quel legame indissolubile, forgiato nel corso dei secoli, tra l’Ucraina e gli Stati Uniti. Questo è da Natasha Bertrand della CNN. Ha fatto questa segnalazione: “Per un alto funzionario ucraino… Biden ha detto al presidente Zelensky che un’invasione russa dell’Ucraina è ormai praticamente certa e che Kiev potrebbe essere saccheggiata. Prepararsi all’impatto. Biden ha riferito che il presidente Zelensky non era d’accordo e, come ho riportato, gli ha chiesto di attenuare la retorica“.

Cosa? Joe Biden è più preoccupato della Russia del presidente dell’Ucraina? Sembra di sì. Perché non molto tempo dopo questa segnalazione, la CNN ha detto che Natasha Bertrand ha cancellato quel tweet. Oh, e poi un’ora dopo, Jim Sciutto della CNN ha contraddetto la precedente segnalazione della CNN. Ha twittato questa dichiarazione della Casa Bianca, che la CNN qualifica come un rapporto, una dichiarazione della Casa Bianca. Ecco cosa diceva: “La Casa Bianca sulla chiamata Biden-Zelensky: ‘Fonti anonime stanno ‘facendo trapelare’ falsità. Il presidente Biden ha detto che c’è una chiara possibilità che i russi possano invadere l’Ucraina a febbraio. L’ha detto pubblicamente e noi lo stiamo avvertendo da mesi… I resoconti di qualcosa di più o di diverso da questo sono completamente falsi. … Anche questo: “Inoltre, nessuno ha detto “licenziato”. L’unica persona che dovrebbe essere ‘licenziata’ è la fonte anonima che sta facendo circolare un ritratto impreciso di questa conversazione”.

Non è una vera negazione, quindi è vero. È una sequenza incredibile, davvero, se ci pensate. Così Biden dice al presidente ucraino che la sua capitale sta per essere saccheggiata come Roma nel quinto secolo, sangue e urla, fuoco, lance e spade, catapulte e trabucchi, una scena orribile. E gli ucraini, in risposta a questo, “calmati, amico, mi stai spaventando. Datti una calmata, sembri una vecchietta isterica”.

Ora, la Casa Bianca sostiene che quella conversazione non è mai avvenuta, ma chiaramente, è avvenuta, perché in una conferenza stampa oggi, il presidente Zelensky ha detto praticamente la stessa cosa ai media.

ZELENSKY: “Abbiamo parlato con il presidente, abbiamo parlato di questo, pensiamo che ci debba essere un approccio equilibrato. Non sto dicendo che loro, lui sta influenzando i media americani, ma la politica dei media lì deve essere molto ben bilanciata se vogliono sapere qual è la situazione e che possono venire a Kiev. Abbiamo carri armati per strada? No. L’immagine che i mass media danno è questa, che abbiamo truppe per le strade, quindi che abbiamo una mobilitazione in corso. Che la gente sta fuggendo nelle campagne. Non è così. Non abbiamo bisogno di questo panico.

Così David Frum e Joe Biden hanno portato gli americani ad una tale frenesia per il futuro dell’Ucraina che stanno volando in Ucraina per rischiare le loro vite in difesa della sovranità di quella sacra nazione. Ed ecco il presidente dell’Ucraina che dice: “Non siamo così preoccupati“.

Quindi cosa possiamo dedurre da tutto questo? Beh, è semplice. Se non siete terrorizzati dalla prospettiva di un’invasione russa dell’Ucraina, la domanda è da che parte state? Da che parte state? E sappiamo la risposta a questa domanda. Siete dalla parte di Vladimir Putin. Quindi sembra che lo stesso presidente dell’Ucraina sia stato compromesso dalla disinformazione russa. Il presidente ucraino è quello che noi dei notiziari via cavo chiamiamo un agente di Putin, e questo significa che i russi sono così diabolicamente efficaci da aver reclutato il tizio contro cui stanno preparando una guerra. Quanto sono astuti? Ci vorrebbe solo una mente slava per farlo?

E a proposito,, stiamo chiamando il presidente dell’Ucraina un agente di Putin, ma non lo stiamo giudicando. Infatti, possiamo ancora relazionarci con lui. Possiamo empatizzare perché, come sapete, se guardate i media ecco che trovate dove vengono messi gli agenti.

BRIANNA KEILAR, CNN: “Il capo propagandista della Fox, Tucker Carlson, dice che gli Stati Uniti dovrebbero schierarsi con la Russia in Ucraina. Che cosa può dire?”

ANA CABRERA, CNN: “I membri del Congresso stanno effettivamente ricevendo telefonate che li incoraggiano a schierarsi con la Russia perché stanno guardando i media di destra e persone come Tucker Carlson…”

ANDERSON COOPER, CNN: “E’ sorprendente come la propaganda del Cremlino sembri combaciare perfettamente con i punti di discussione di Tucker Carlson.”

EX RAPPRESENTANTE DEL GOP. DAVID JOLLY, MSNBC: “Quando Tucker Carlson trasmette questi messaggi, è pericoloso.”

ARI MELBER, MSNBC: “Ora Tucker Carlson sembra avere un modello più grande qui con i tiranni che si appoggiano alla destra”.

NICOLLE WALLACE, MSNBC: “Ma perché è così impegnato e perché Fox News a suo nome è così impegnata ad abbattere l’abbraccio americano ed il sostegno e l’allineamento con le democrazie del mondo?”

MAX BOOT, CNN: “Tucker è completamente senza vergogna. Se avesse la capacità di provare vergogna, dovrebbe essere imbarazzato da ciò che ha appena detto, perché sta fondamentalmente ripetendo la propaganda russa.”

Il signor Max Boot, signore e signori, nella sua ultima apparizione televisiva prima di dirigersi in Ucraina per difendere lui stesso quella nazione, la sua integrità territoriale, dall’aggressione di Vladimir Putin… Guardatelo finché potete.

GLI ALLEATI DELLA NATO INVIANO ARMI MORTALI, MUNIZIONI ALL’UCRAINA MENTRE LA GERMANIA MANDA 5 MILA ELMETTI

Ma cerchiamo di essere chiari su quali sono i termini. Negli Stati Uniti – e questo non vale per l’Ucraina, dove probabilmente hanno una visione più sana della questione, o forse solo più influenza russa – ma negli Stati Uniti, se sollevi qualche domanda sulla saggezza dello schierarsi, in una guerra in Europa Orientale, con un paese piuttosto che un altro, sei per definizione un agente della singola più grande minaccia alla democrazia su questo pianeta, il signor Vladimir Putin stesso. Lei è un traditore, ti dicono.

Il rappresentante Tom Malinowski del New Jersey sostiene che gli spettatori di questo show, droni russi camuffati da umani, abbiano contattato il suo ufficio ed abbiano fatto qualcosa di orribile, qualcosa che probabilmente dovrebbe essere illegale, hanno detto “forse non dovremmo andare in guerra per l’Ucraina“.

BRIANNA KIELER: “Può parlarci di queste telefonate che il suo ufficio sta ricevendo?”

TOM MALINOWSKI: “Questo sì, certo, è iniziato davvero ieri, ero nel mio ufficio distrettuale nel New Jersey e i telefoni stavano squillando ed il mio direttore distrettuale è venuto da me e mi ha detto che aveva appena trascorso un’ora al telefono con, tipo, quattro persone che gli hanno detto di aver guardato Tucker Carlson ieri sera. E perché stiamo andando in guerra per l’Ucraina? La Russia sta facendo proposte ragionevoli per la pace, e noi dovremmo solo fare quello che vuole la Russia.”

Sì… Molte persone lo hanno detto. Tom Malinowski, sapete, non è il coltello più affilato nel cassetto, giusto? Anche per gli standard del New Jersey. Tuttavia, ha fatto un’ottima osservazione. Ci sono persone là fuori che si guardano intorno e decidono, forse, non so, i senzatetto – quasi un milione di persone che vivono per strada negli Stati Uniti – 100.000 americani che muoiono di overdose, l’inflazione, il fatto che le nostre scuole non insegnano nulla da oltre due anni, forse queste sono preoccupazioni più importanti dell’integrità territoriale di un paese che non possiamo indicare su una mappa. Forse la nostra integrità territoriale è più importante di quella dell’Ucraina. E la domanda che il rappresentante Malinowski solleva è perché mai dovrebbero pensarlo?” “Dove hanno preso quest’idea che le loro stupide e campanilistiche preoccupazioni interne siano più importanti del confine orientale dell’Ucraina?”. E la risposta, ovviamente, è Vladimir Putin. Sono ovviamente caduti nella propaganda russa. Siamo noi ad eseguire gli ordini di Vladimir Putin. Come il presidente dell’Ucraina, siamo colpevoli.

Tucker Carlson Tonight” è il programma televisivo di punta della rete conservatrice americana Fox News, nemico giurato delle bugie, della superbia, dell’autocompiacimento e del pensiero unico. “Noi facciamo le domande che voi fareste – ed esigiamo delle risposte”. Tucker Carlson è fondatore e caporedattore del “The Daily Caller”, un sito di notizie politiche che ha lanciato nel 2010.


FoxNews.com

Seguici sui Social


Tucker Carlson Tonight” è un talk show americano e programma di attualità condotto dal commentatore paleoconservatore Tucker Carlson. Lo show viene trasmesso in diretta da Washington, D.C., su Fox News Channel alle 8:00 P.M. ET nei giorni feriali. Lo show include tipicamente commenti politici, monologhi, interviste e analisi. Ha debuttato come programma nella lineup di Fox News Channel il 14 novembre del 2016. Nel luglio 2020, “Tucker Carlson Tonight” ha battuto il record di programma con il più alto indice di gradimento nella storia delle notizie via cavo degli Stati Uniti, raccogliendo un’audience media di 4,33 milioni di spettatori.

Tucker Carlson è un conduttore di Fox News. Si è unito alla rete nel 2009 come collaboratore. Sostenitore dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, si dice anche che abbia influenzato alcune decisioni politiche chiave di Trump stesso. Le sue controverse dichiarazioni su razzismo, immigrazione e femminismo hanno portato al boicottaggio degli inserzionisti contro lo show. Fiero oppositore del progressismo politico, è stato definito un “nazionalista” ed un “paleoconservatore”. È un critico dell’immigrazione. Originariamente sostenitore della politica economica libertaria, ha poi criticato l’ideologia come “controllata dalle banche” ed è diventato un “protezionista”. È anche uno scettico sugli interventi militari all’estero degli Stati Uniti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...