Tucker Carlson: Ci stiamo avvicinando ad una guerra con la Russia

Il problema principale è che i funzionari eletti dell’America non decidono più quando andare in guerra.

Questo articolo è adattato dal commento di apertura di Tucker Carlson dell’edizione del 21 gennaio 2022 di “Tucker Carlson Tonight”.

Ieri abbiamo parlato di un argomento un po’ oscuro sulla guerra incombente tra Russia e Ucraina. Una coalizione bipartisan di neocon a Washington ha incautamente alimentato il conflitto tra questi due paesi per anni. Il nostro establishment della politica estera, infatti, ha inviato centinaia di milioni di dollari in armi in una delle regioni più volatili del mondo, sperando che in qualche modo esploda.

Leggi anche: Tucker Carlson: La nostra attenzione all’Ucraina sta spingendo la Russia ad allearsi con il governo cinese

Ed ora, il loro desiderio sembra avverarsi. Quell’esplosione sembra essere in arrivo, e potrebbe facilmente risucchiare gli Stati Uniti dentro di essa. Questo è quello che abbiamo detto ieri sera. Ma onestamente, mentre leggevamo quelle parole, sembravano difficili da credere. Stiamo davvero andando a combattere una guerra per un corrotto paese dell’Europa orientale che è strategicamente irrilevante per noi? Con tutto quello che sta succedendo in questo momento nel nostro paese? Nessuna persona normale vorrebbe mai fare una cosa del genere. Come può accadere davvero?

Non siamo ancora sicuri di come possa accadere, ma tuttavia, sembra che stia accadendo proprio ora.

L’amministrazione Biden ha iniziato l’evacuazione dei civili americani dall’Ucraina. Il Pentagono ha annunciato che è pronto ad usare la forza nella regione. Così, questo paese è ora più vicino a una guerra vera e propria di quanto non lo sia mai stato da decenni. E per essere chiari, stiamo parlando di una guerra vera qui. Non una serie prolungata di attacchi aerei contro qualche zona sudicia e impoverita che ti dicono essere una minaccia esistenziale per la tua nazione.

La Russia non è una sassaia. La Russia ha delle armi nucleari ed un vero esercito. Una guerra con la Russia non è uno scherzo. Non sarà finita in una settimana. Quindi, potreste pensare che proprio ora potrebbe essere il momento in cui il presidente degli Stati Uniti debba spiegare che cosa sta succedendo? Cosa stiamo facendo esattamente nell’Europa dell’Est e perché lo stiamo facendo? Ma No. In uno scambio con i giornalisti, Joe Biden ha spiegato che non avrebbe risposto a nessuna domanda per paura che qualcuno gli chiedesse della Russia.

JOE BIDEN: “A proposito, il motivo per cui non avremo tempo per le domande ora è che questi ragazzi stanno per salire rapidamente su un aereo ed andare a fare un grande annuncio in Ohio. E voi mi chiederete tutto sulla Russia.”

Mi chiederete tutto sulla Russiae Joe Biden non ci cascherà di nuovo, lo sapete perché un paio di giorni fa ha cercato di parlare della Russia durante una conferenza stampa, ma ha portato a casa solo dei punti di conversazione così confusi che il suo staff ha dovuto rilasciare delle dichiarazioni in seguito, informandoci che Joe Biden non ha idea di che cosa stia parlando. L’errore di Biden durante la conferenza stampa è stato suggerire che forse la guerra con la Russia non sia poi così inevitabile. A Washington non è assolutamente permesso dirlo. Donald Trump l’ha detto ripetutamente. L’hanno messo sotto impeachment per questo.

Nel caso di Joe Biden, i suoi responsabili sono appena intervenuti e ci hanno raccontato una storia nuova di zecca. Ecco il capo dello staff della Casa Bianca e comico dilettante, Ron Klain, che ci spiega come in realtà questo sia “quello che Joe Biden intendeva dire“. E mentre lo leggete, potreste notare che è l’opposto di quello che Biden ha effettivamente detto.

LESTER HOLT: “Penso che sia giusto dire che la Casa Bianca sia tornata indietro abbastanza aggressivamente o abbia chiarito – o come volete chiamarla – che i commenti del presidente sull’Ucraina e la Russia – e se il presidente stesse segnalando che una piccola incursione potrebbe essere vista attraverso una lente diversa. Sia che il presidente intendesse dire questo in quel momento o che forse sia stato impreciso, potete permettervi qualsiasi gaffe, data la posta in gioco in tutto questo?”

RON KLAIN: “Beh, penso che il presidente sia stato abbastanza chiaro e abbia ribadito il suo punto di vista questa mattina. Molto chiaramente, il presidente Putin non dovrebbe avere alcun dubbio che qualsiasi mossa dell’esercito russo assembrato oltre il confine dell’Ucraina è un’invasione. Sarà accolta con una risposta economica molto severa da parte degli Stati Uniti e dei nostri alleati.”

Quindi questo tizio chiamato Ron Klain, chiunque sia, arriva a scavalcare il presidente degli Stati Uniti su questioni di politica estera. Da quando gli è permesso farlo? Beh, ma ogni volta che ne ha voglia, questa è la vera risposta.

Joe Biden è il leader più debole che questo paese abbia mai visto da quando Woodrow Wilson ebbe un infarto nel suo ufficio. Questo è un problema, ma non è il problema principale.

Il problema principale è che in America i funzionari eletti non decidono più quando andare in guerra, come in una democrazia.

Invece, burocrati, generali ed appaltatori della difesa prendono queste decisioni, a volte unilateralmente. Ecco la rock star fallita ed esilarante inetto Segretario di Stato Antony Blinken che minaccia azioni severe contro la Russia.

ANTONY BLINKEN: “La discussione di oggi con il signor Lavrov è stata franca e significativa. Ho trasmesso la posizione degli Stati Uniti e dei nostri alleati e partner europei secondo cui siamo fermamente al fianco dell’Ucraina a sostegno della sua sovranità ed integrità territoriale. Siamo stati chiari: se le forze militari russe si muoveranno attraverso il confine dell’Ucraina, questa sarà considerata come una nuova invasione. Sarà accolta con una risposta rapida, severa e unita da parte degli Stati Uniti e dei nostri partner e alleati.”

Quindi il presidente negli Stati Uniti non è autorizzato a parlare in pubblico della Russia, lo ha appena ammesso oggi. Potrebbe dire qualcosa che eviti la guerra. Così, invece, le stesse persone che hanno perso le ultime cinque guerre parlano per lui. Vi sentite più sicuri?

C’è da chiedersi cosa ne pensino gli elettori. Non c’è bisogno di chiedersi cosa pensino. I sondaggi mostrano che la maggior parte degli americani sono completamente contrari a combattere la Russia in Ucraina perché non sono certo dei dementi.

Ma sapete chi è molto favorevole? Beh, gli appaltatori della difesa, compreso l’ex datore di lavoro del capo del Pentagono, Lloyd Austin, la Raytheon.

Per gli appaltatori della difesa, la guerra significa profitti enormi per definizione. Solo negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno speso più di 2 miliardi di dollari in aiuti militari a questa nazione chiamata Ucraina che la maggior parte delle persone non potrebbe neanche indicare dove si trovi su una mappa. Proprio l’altro giorno, l’amministrazione ha annunciato altri 200 milioni di dollari.

Così, gli ucraini amano tutto questo, ovviamente, questa è l’unica ragione per cui una volta hanno assunto il figlio di Joe Biden che altrimenti nessuno avrebbe mai assunto. Per mantenere il flusso di denaro verso di loro. Così, quando Biden ha accennato questa settimana che la guerra potrebbe non arrivare subito, gli ucraini sono rimasti molto angosciati. In effetti, erano così angosciati che l’hanno detto ad alta voce.

CNN SENIOR INTERNATIONAL CORRESPONDENT, MATTHEW CHANCE: “La grande preoccupazione espressa da un funzionario ucraino con cui ho parlato ieri sera è che questo offre a Vladimir Putin una luce verde, nelle sue parole, per entrare in Ucraina a suo piacimento.”

Così, gli ucraini si lamentano della politica estera americana, di quello che il presidente ha detto in una conferenza stampa. Il governo di un posto chiamato Ucraina sta chiedendo che noi combattiamo l’esercito russo per conto loro. OK, voglio dire, non è pazzesco. Si può anche capire perché lo vogliano. È molto più facile che farlo da soli.

La domanda è: noi siamo gli Stati Uniti, quindi, perché gli stiamo obbedendo?


FoxNews.com

Seguici sui Social


Tucker Carlson Tonight” è un talk show americano e programma di attualità condotto dal commentatore paleoconservatore Tucker Carlson. Lo show viene trasmesso in diretta da Washington, D.C., su Fox News Channel alle 8:00 P.M. ET nei giorni feriali. Lo show include tipicamente commenti politici, monologhi, interviste e analisi. Ha debuttato come programma nella lineup di Fox News Channel il 14 novembre del 2016. Nel luglio 2020, “Tucker Carlson Tonight” ha battuto il record di programma con il più alto indice di gradimento nella storia delle notizie via cavo degli Stati Uniti, raccogliendo un’audience media di 4,33 milioni di spettatori.

Tucker Carlson è un conduttore di Fox News. Si è unito alla rete nel 2009 come collaboratore. Sostenitore dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, si dice anche che abbia influenzato alcune decisioni politiche chiave di Trump stesso. Le sue controverse dichiarazioni su razzismo, immigrazione e femminismo hanno portato al boicottaggio degli inserzionisti contro lo show. Fiero oppositore del progressismo politico, è stato definito un “nazionalista” ed un “paleoconservatore”. È un critico dell’immigrazione. Originariamente sostenitore della politica economica libertaria, ha poi criticato l’ideologia come “controllata dalle banche” ed è diventato un “protezionista”. È anche uno scettico sugli interventi militari all’estero degli Stati Uniti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...