Breitbart News – Secondo la deputata Elise Stefanik anche Nancy Pelosi ha delle colpe per quanto successo il 6 gennaio

Elise Stefanik (R) ha affermato che la Speaker della Camera Nancy Pelosi (D) ha delle colpe per la rivolta che si è verificata il 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti.

La Repubblicana Elise Stefanik, che serve come presidente della Conferenza dei Repubblicani della Camera, ha rilasciato una dichiarazione alla vigilia dell’anniversario della violazione del Campidoglio, ringraziando le forze dell’ordine per il loro lavoro ed aver saputo controllare il comportamento dei riottosi, ma condannando anche Nancy Pelosi per essere in definitiva la “responsabileper aver lasciato che il Campidoglio fosse così esposto ad un assalto.

La repubblicana di New York ha definito “inaccettabile” che nonostante la commissione d’inchiesta di nove parlamentari scelti dalla Pelosi – che comprende 7 Democratici e 2 dei Repubblicani Never Trump più espliciti al Congresso, Liz Cheney del Wyoming e Adam Kinzinger dell’Illinois – persista nella sua indagine sulla rivolta, “un anno dopo il popolo americano non abbia ancora risposte sul perché il Campidoglio sia stato lasciato così vulnerabile“.

“Invece di concentrarsi sul miglioramento della sicurezza del Campidoglio ed adottare tutte le raccomandazioni della polizia del Campidoglio, Nancy Pelosi e i Democratici della Camera stanno invece usando la loro commissione di parte per portare avanti una illegittima farsa, stracciando i precedenti costituzionali e punendo i loro avversari politici“, ha detto Elise Stefanik in riferimento alla commissione che ha preso di mira l’ex presidente Donald Trump e decine di suoi alleati più vicini spiccando numerosi mandati di comparizione.

Elise Stefanik ha condotto una conferenza stampa con i giornalisti lunedì in cui lei ed altri tre Repubblicani, Jim Jordan dell’Ohio, Jim Banks dell’Indiana e Rodney Davis dell’Illinois, hanno sottolineato la loro posizione secondo il comitato del 6 gennaio di Nancy Pelosi sia in realtà una “coperturaper le trasgressioni commesse dalla Pelosi stessa.

Hanno sottolineato una lettera che Rodney Davis, il membro della commissione per l’amministrazione della Camera, ha inviato alla Pelosi lunedì scorso in cui ha accusato la Speaker di ostacolare la consegna delle registrazioni relative alla preparazione della sicurezza del Campidoglio da parte del Sergeant at Arms, del capo dell’amministrazione e del consigliere generale della Camera, che, ha detto Davis, riferiscono tutti a Nancy Pelosi.

Elise Stefanik mercoledì ha anche ribadito che il comitato sul 6 gennaio ha essenzialmente ritenuto Nancy Pelosi esente da qualunque colpa per la rivolta, nonostante i precedenti di Nancy Pelosi nella supervisione delle azioni relative alla sicurezza del Campidoglio, come l’installazione di magnetometri, la convocazione di un briefing sulla preparazione della sicurezza prima di un rally del 18 settembre, e la decisione di limitare le visite del Campidoglio a causa del Coronavirus.

Il presidente della commissione sul 6 gennaio, il Rappresentante Bennie Thompson (Democratico del Mississippi) si è spinto a dire altrettanto in un’intervista alla CNN lo scorso luglio. “Beh, se guardate ai capi d’accusa che abbiamo inserito nella risoluzione, dice ‘i fatti e le circostanze intorno al 6 gennaio’. Non mi sembra che la Speaker sia parte integrante di queste questioni”, aveva detto Thompson.

Elise Stefanik ha detto anche nella sua dichiarazione di mercoledì: “Il popolo americano merita di sapere che l’UNICO ufficio che è OFF-LIMITS per questa indagine è proprio l’ufficio della Speaker” Nancy Pelosi.

Il fatto è che Nancy Pelosi è responsabile, come presidente della Camera, di aver lasciato il Campidoglio così vulnerabile nonostante i molteplici avvertimenti e le richieste, ed ora è responsabile dell’insabbiamento di questo fatto“, ha concluso la Stefanik.

L’ufficio della Stefanik ha confermato a Breitbart News che la deputata repubblicana, che serve nel 21° distretto nella regione del North Country di New York, avrebbe trascorso il 6 gennaio nel suo distretto tenendo una tavola rotonda con i membri delle forze dell’ordine locali.

Allo stesso modo, l’ufficio di Jim Jordan ha riferito che anche il rappresentante dell’Ohio sarebbe rimasto nel suo distretto “incontrando la polizia locale e gli imprenditori che sono stati colpiti dalla crescente ondata di criminalità e dall’economia in fallimento di Joe Biden”.

Nel frattempo, Nancy Pelosi ha organizzato diversi eventi a Washington per l’anniversario, tra cui l’ascolto di testimonianze sulla rivolta ed una veglia di preghiera, secondo una lettera che ha inviato ai suoi colleghi Democratici.


BreitbartNews.com

Seguici sui Social