The Federalist – La crisi al confine di Biden sta uccidendo più Americani che mai con l’aumento del traffico di droga

La crisi al confine di Biden sta uccidendo più Americani che mai con l’aumento del traffico di droga.

In un pomeriggio di settembre, Allyssia Solorio si chiedeva perché il suo giovane ed energico fratello non fosse uscito dalla sua camera da letto nella loro casa di Sacramento, in California. Quando ha aperto la porta, ha visto Mikael, 23 anni, appoggiato al letto con le gambe penzoloni. Si precipitò da suo fratello e lo scosse, ma senza successo.

Era morto. Una pillola farmaceutica contraffatta con del fentanyl illegale lo aveva ucciso.

Mikael Tirado è stato uno dei 93.331 decessi per overdose stimati negli Stati Uniti l’anno scorsoun massimo storico. Quasi cinque volte il tasso degli omicidi, il tributo mortale dell’overdose è stato causato principalmente dal Fentanyl, un oppioide sintetico altamente letale. È prodotto principalmente dai cartelli messicani della droga con ingredienti importati dalla Cina, e poi contrabbandato attraverso il confine sud-occidentale degli Stati Uniti. Il Fentanyl è arrivato in quantità sempre maggiori ogni anno a partire dal 2016.

I cartelli della droga stanno approfittando delle debolezze delle forze dell’ordine e dei fallimenti della politica per contrabbandare quantità record di droga letale negli Stati Uniti, secondo le interviste condotte con una mezza dozzina di agenti in servizio o congedati dell’anti-droga e dell’immigrazione. Ma mentre la mancanza di una adeguata tecnologia per lo screening al fine di scovare il contrabbando nei punti d’ingresso della frontiera ed un’inetta campagna tra Stati Uniti e Messico per cercare di paralizzare i cartelli della droga sono problemi di vecchia data, ce n’è anche uno nuovo: il flusso di migranti attraverso il confine che l’amministrazione Biden ha fatto poco per fermare.

Gli ex funzionari delle forze dell’ordine dicono che i cartelli della droga si nascondono dietro l’ondata migratoria, travolgendo la capacità degli agenti di perseguire i contrabbandieri. Possono entrare liberamente in Texas, nel Nuovo Messico, in Arizona e in California trasportando fentanyl, mentre gli agenti vengono dirottati per arrestare e processare le identificazioni dei migranti.

Gli agenti della frontiera, frustrati, ed il loro sindacato hanno chiesto al Congresso di inviare rinforzi. Ma un’aiuto non è mai arrivato. La prossima proposta di bilancio dell’amministrazione democratica non include nemmeno dei finanziamenti per assumere più agenti alla Customs and Border Protection.

Invece, l’amministrazione sta abbracciando un approccio basato sulla salute pubblica per contrastare la crisi del fentanyl. Ha proposto di spendere 11,2 miliardi di dollari – un enorme aumento rispetto all’anno scorso – per espandere la prevenzione all’abuso di sostanze, il trattamento e i servizi di recupero. Ma arginare la dipendenza da oppioidi è molto impegnativo. La maggior parte dei tossicodipendenti evita il trattamento, secondo i ricercatori, e solo un terzo di quelli che ricevono delle cure mediche a lungo termine guarisce completamente.

I cartelli della droga si sono rivolti al fentanyl perché questa polverina super-potente è economica da produrre, rendendola più redditizia dell’eroina, dice Eric Triana, un assistente agente speciale in carica alla divisione della DEA di New York. La potenza del Fentanyl – 50 volte più potente dell’eroina – è ciò che lo rende così mortale. L’analisi della DEA ha scoperto che il 40% delle pillole sequestrate aveva una dose potenzialmente mortale.

“Ho visto la devastazione che l’eroina ha portato a Baltimora come giovane agente di polizia”, racconta Triana. “Ma il fentanyl è una minaccia mortale ancora più potente. È spaventoso“.

I gruppi criminali hanno ottenuto il controllo completo del lato messicano del confine di 1.950 miglia, dirigendo il flusso di migranti e di droga, dice Victor Avila, un ex agente speciale supervisore dell’Immigration and Customs Enforcement specializzato nel traffico di esseri umani e di narcotici. I contrabbandieri si fanno strada attraverso un terreno difficile fino ad uno delle centinaia di nascondigli situati vicino alle strade nelle regioni di confine. La droga viene poi messa in delle auto e trasportata attraverso i varchi di controllo spesso non sorvegliati e di lì attraverso tutto il paese.

Invece che perseguire questi contrabbandieri, molti agenti della Border Patrol sono impegnati per gestire la calca dei migranti che entrano negli Stati Uniti. In una dichiarazione a RealClearInvestigations, un portavoce della CBP ha indicato l’aumento dei sequestri di droga come prova di una maggiore applicazione della legge. Ma gli agenti dicono che più sequestri in realtà indicano che più droga mortale stia entrando nel paese, dal momento che hanno catturato solo un 10-15 per cento del totale. Più forza lavoro aiuterebbe certamente, ma gli agenti dicono che il Messico deve iniziare a prendere di mira i laboratori di produzione dei cartelli della droga per tagliare ulteriormente le forniture.

Distruggere i laboratori deve essere una priorità assoluta perché, senza di essi, i cartelli non possono continuare ad uccidere i nostri ragazzi”, dice Derek Maltz, l’ex direttore della divisione operazioni speciali della Drug Enforcement Administration (DEA), che mira principalmente a perseguire i cartelli della droga.

Ma il presidente del Messico Andres Manuel Lopez Obrador ha messo fine alla campagna militare del Messico contro i leader dei cartelli due anni fa. Il presidente populista sta spingendo un’agenda per ridurre la povertà nella speranza che questo possa frenare l’attrazione verso il contrabbando della droga. Nel frattempo, i cartelli affrontano quindi poca resistenza.

I cartelli della droga controllano il Messico. Tutto“, dice Avila, l’ex agente dell’ICE che è sopravvissuto a delle ferite d’arma da fuoco in un’imboscata con un cartello. “Stanno gestendo un governo parallelo“.

Persino Vanda Felbab-Brown, una studiosa che si concentra sugli attori armati non statali alla Brookings Institution – centro studi molto vicino ai Democratici e alla famiglia Clinton – ha invitato l’amministrazione adiventare più dura con il Messico, esortandola ad usare il sostegno finanziario come leva per costringere il Messico a colpire gli operatori dei cartelli di medio livello ed i loro protettori governativi corrotti. Ma il Dipartimento di Stato sta assumendo una posizione conciliante, sostenendo essenzialmente la strategia basata sullo sviluppo economico di Lopez Obrador in un accordo tra i due paesi annunciato all’inizio di ottobre.

Nel frattempo, sempre più fentanyl contrabbandato negli Stati Uniti significa sempre più morti. Triana, l’agente speciale della DEA, stima che il numero di morti per overdose quest’anno sarà pari o superiore a quello dell’anno scorso.

Questo articolo è stato adattato da un articolo di RealClearInvestigations pubblicato il 4 novembre.


TheFederalist.com

Seguici sui Social


The Federalist è una rivista conservatrice americana online ed un podcast che tratta i politica, politiche, cultura e religione, e pubblica anche una newsletter. Il sito è stato co-fondato da Ben Domenech e Sean Davis ed è stato lanciato nel settembre 2013. I contenuti di The Federalist vengono promossi dal sito americano di sondaggi RealClearPolitcs.