Wall Street Journal – Gli elettori ispanici sono ora equamente divisi tra i due principali partiti americani, secondo un sondaggio del WSJ

I Repubblicani hanno fatto molti e rapidi guadagni tra una fascia demografica cruciale che ha a lungo favorito i Democratici.

Il grande e diversificato gruppo degli elettori ispanici negli Stati Uniti sta mostrando segni sempre più evidenti di andare verso un equa suddivisione del suo sostegno tra Democratici e Repubblicani rispetto a quello che si è visto nelle ultime elezioni, ha scoperto un nuovo sondaggio del Wall Street Journal, uno sviluppo preoccupante per il Partito Democratico, che ha a lungo contato su un sostegno ispanico fuori misura.

Un anno dopo aver dato ai candidati democratici alla Camera più del 60% del loro voto, secondo i sondaggi di allora, il nuovo sondaggio del WSJ ha scoperto che gli elettori ispanici sono divisi in modo più uniforme nella loro scelta di voto per il Congresso. Alla domanda su quale partito sosterrebbero se le elezioni fossero oggi, il 37% degli elettori ispanici ha detto che sosterrebbe il candidato repubblicano al Congresso mentre il 37% ha detto che favorirebbe il candidato democratico, con il 22% ancora indeciso.

Gli elettori ispanici sono rimasti equamente divisi anche quando è stato chiesto loro di un’ipotetica rivincita tra gli ultimi contendenti presidenziali nel 2024, con il 44% che ha detto che avrebbe sostenuto nuovamente Joe Biden mentre il 43% l’ex presidente Donald Trump. Nel 2020, Biden aveva ottenuto il 63% del sostegno tra gli elettori ispanici, quasi 30 punti in più di Donald Trump, secondo AP VoteCast, un importante sondaggista sull’elettorato presidenziale.

Gli elettori ispanici rappresentano circa 1 elettore su 8 tra quelli idonei e sono uno dei gruppi in più rapida crescita fra l’elettorato, fattori che aggravano i timori dei Democratici su qualsiasi deterioramento rispetto al loro sostegno.

“I latinos stanno diventando sempre più elettori oscillanti… Sono un voto oscillante per il quale dovremo combattere”, ha detto il sondaggista democratico John Anzalone, la cui azienda ha condotto il sondaggio del Wall Street Journal insieme a quella del sondaggista repubblicano Tony Fabrizio.

I due sondaggisti hanno detto che il loro sondaggio ha evidenziato che le questioni economiche erano la preoccupazione principale tra gli elettori ispanici, attirando gli uomini ispanici, in particolare, verso il Partito Repubblicano.

Gli elettori ispanici nel sondaggio hanno classificato le questioni economiche come la priorità da affrontare sia per Biden che per il Congresso. Gli uomini ispanici hanno detto che i Repubblicani hanno la politica economica migliore, con un margine di 17 punti. Le donne ispaniche, al contrario, hanno detto che i Democratici avevano piani economici migliori, con un margine di 10 punti.

La maggioranza degli uomini ispanici ha detto che vorrebbe tornare alle politiche che Donald Trump ha perseguito da presidente, mentre la maggioranza delle donne ispaniche ha detto che preferirebbe attenersi alle politiche di Joe Biden.

“Vedete in questo sondaggio che c’è un gruppo di uomini ispanici che sono stati senza dubbio attirati da Trump e sono diventati più Repubblicani. Abbiamo più lavoro da fare su questo”, ha detto Anzalone, riferendosi ai candidati democratici ed ai loro alleati.

Il sondaggista repubblicano Tony Fabrizio ha detto: “Questo mi dice che l’economia conta, in particolare per gli uomini ispanici. Sono l’economia ed i fattori economici a guidare il loro voto”.

Il sondaggio è il primo di una nuova serie di sondaggi del Wall Street Journal che esploreranno le forze che guidano la politica americana ed i cambiamenti nella società. Le aziende dei signori Fabrizio ed Anzalone lavoreranno insieme per fare dei sondaggi sul panorama politico.

Il sondaggio del WSJ ha riguardato 1.500 elettori registrati, compresi 165 elettori ispanici. Il margine di errore per il campione ispanico era più o meno di 7,6 punti percentuali.

Gli strateghi di entrambi i partiti stanno lavorando sin dalle elezioni del 2020 per calcolare la dimensione dello spostamento degli elettori ispanici verso il Partito Repubblicano e per capirne le cause. Uno studio approfondito, da Catalist, che compila ed analizza i dati degli elettori per i candidati democratici e le cause politiche dei progressisti, ha scoperto che gli elettori ispanici si sono spostati verso Donald Trump di 8 punti rispetto al 2016 nel loro voto.

Gli spostamenti in alcune parti del paese sono stati più grandi. Nella sua analisi dell’elettorato del 2020, Equis Labs, che studia l’elettorato latinos, ha scoperto oscillazioni verso i Repubblicani di 20 punti in alcune parti della contea di Miami-Dade, in Florida; di 12 punti nella Rio Grande Valley, in Texas; ed oscillazioni a doppia cifra in alcune parti del Nord-est. Nel sud della Florida, lo spostamento è stato abbastanza grande da far ribaltare due seggi del Congresso in favore del GOP, ha concluso lo studio.

Le analisi di vari gruppi hanno citato una serie di cause per questo spostamento, tra cui una maggiore affluenza tra gli elettori ispanici più conservatori, il successo dello sforzo dei Repubblicani nel persuadere gli elettori che si presentano di rado a votare e la frustrazione per la perdita di posti di lavoro a causa delle chiusure delle attività economiche legate alla risposta pandemica.

Nelle elezioni del mese scorso per il governatore della Virginia, AP VoteCast ha scoperto che il repubblicano Glenn Youngkin, che ha vinto la gara, ha superato il suo avversario democratico tra gli elettori ispanici.

Nel sondaggio del WSJ, gli elettori ispanici hanno una visione più negativa sull’economia, con il 25% che sostiene che sia diretta nella giusta direzione ed il 63% che dice essere diretta nella direzione sbagliata. Questo divario di 38 punti è stato confrontato con un divario di 31 punti tra tutti gli elettori.

Gli elettori ispanici vedono i Repubblicani al Congresso come meglio in grado rispetto ai Democratici di gestire alcune questioni economiche, come il contenimento dell’inflazione ed il taglio del debito pubblico federale. Hanno anche visto i Repubblicani come meglio in grado di assicurare la sicurezza dei confini.

Gli elettori ispanici vedono i Democratici al Congresso come meglio in grado di tenere sotto controllo la pandemia di COVID-19, ricostruire le infrastrutture e rendere la sanità più accessibile.

I risultati hanno anche mostrato come gli elettori ispanici differiscano poco dall’elettorato generale nelle loro preferenze politiche. Gli elettori ispanici hanno rispecchiato l’insieme degli elettori, per esempio, quando è stato chiesto loro come Joe Biden stesse gestendo il suo lavoro. Circa il 42% approva le prestazioni lavorative di Biden mentre il 54% le disapprova – in linea con il 41% di approvazione ed il 57% di disapprovazione tra il pubblico più ampio.

NOTA METODOLOGICA DEL SONDAGGIO: Il sondaggio del Wall Street Journal è stato condotto da ALG Research e Fabrizio, Lee & Associates, che hanno intervistato 1.500 persone, tratte da una lista di elettori noti e registrati, tra il 16 e il 22 novembre. La metà degli intervistati sono stati contattati attraverso i loro telefoni cellulari. Un quarto è stato raggiunto tramite testo inviato al proprio telefoni cellulare ed ha completato un sondaggio su internet. Un quarto degli intervistati è stato intervistato tramite telefono fisso. Il margine di errore per il campione completo è più o meno di 2,5 punti percentuali.


WSJ.com

Seguici sui Social