Daily Wire – “L’autodifesa non è illegale… Abbiamo superato la parte difficile”: Rittenhouse parla dopo il verdetto di non colpevolezza

‘L’autodifesa non è illegale… Abbiamo superato la parte difficile’: Rittenhouse parla dopo il verdetto di non colpevolezza

La legittima difesa non è illegale“, ha affermato venerdì il diciottenne Kyle Rittenhouse dopo essere stato assolto da tutte le accuse contro di lui relative ai fatti svoltisi durante una sommossa a Kenosha, Wisconsin, l’anno scorso.

L’adolescente, che appare in una clip teaser per un documentario di Tucker Carlson di Fox News, può essere visto nel retro di un veicolo mentre parla con un cameraman dopo la lettura del suo verdetto di non colpevolezza.

La giuria ha raggiunto il giusto verdetto“, ha detto. “La legittima difesa non è illegale, e credo che siano arrivati al giusto verdetto, e sono contento che tutto sia andato bene”.

“È stato un viaggio difficile, ma ce l’abbiamo fatta”, ha aggiunto Rittenhouse. “Abbiamo superato la parte difficile“.

Lo speciale segue l’adolescente nell’ultimo anno dopo che ha sparato fatalmente a due rivoltosi e ferito un terzo mentre si difendeva dagli aggressori durante una protesta dei Black Lives Matter che è degenerata in una vera e propria rivolta. L’adolescente rischiava l’ergastolo senza possibilità di libertà vigilata.

Sono cose che ti tengono sveglio la notte, come quando vai a dormire, i tuoi sogni riguardano quello che è successo e ti svegli in un sudore freddo e scuro”, ha rivelato l’adolescente alla troupe di Tucker Carlson.

Rittenhouse ha detto che fa sogni su quella notte “ogni singolo giorno”.

“È abbastanza spaventoso in realtà, perché i sogni sembrano così reali. E non sono affatto uguali, sono tutti diversi. Sono i diversi scenari che ti passano per la testa durante il giorno, come, cosa sarebbe potuto succedere”, ha spiegato.

Sono vivo, ma cosa sarebbe potuto succedere, come se non fossi vivo, o se avessi lasciato che il signor Rosenbaum mi rubasse l’arma? Sono quei tipi di sogni… quasi ogni risultato è che vengo ferito gravemente o ferito mortalmente. Questi sono i sogni che faccio ogni giorno”.

È stato rivelato durante il processo dall’avvocato difensore di Rittenhouse, Mark Richards, che l’adolescente è in terapia per PTSD (il disturbo da stress post-traumatico) di cui soffre, derivante dalla notte del 25 agosto 2020.

David Hancock, un portavoce di Kyle Rittenhouse, ha detto venerdì che la famiglia Rittenhouse èsollevata” per il verdetto di non colpevolezza per tutti i capi d’accusa, ma ha aggiunto che non ci sono “vincitori” e “nessuno sta giocando a calcio”.

Hancock ha sottolineato che Rittenhouse è statodiffamatonell’ultimo anno e ha ricordato i due che sono morti quando Rittenhouse si è dovuto difendere.

“È stata una lunga strada, e crediamo che questo sia stato il giusto verdetto, e crediamo che la durata del tempo (la giuria ha deliberato) sia stata la giuria molto attenta a leggere le istruzioni e ad esaminare le prove”, ha detto.

“Non c’è nessun pallone da calcio”, ha continuato Hancock, “due persone hanno perso la vita. Ci sono state molte cose che hanno infettato questo caso, come la politica, che lo hanno mandato fuori strada molto presto. E così, non ci sono vincitori”.

Kyle, ora, può vivere la sua vita come un giovane uomo libero, un giovane innocente, cosa che è”, ha detto il portavoce. “Ma alla fine della giornata, penso che non ci siano vincitori”.


DailyWire.com

Seguici sui Social