Daily Wire – Minneapolis silura la misura progettata per decimare il proprio dipartimento di polizia

Minneapolis silura la misura progettata per decimare il proprio dipartimento di polizia.

Gli elettori di Minneapolis hanno silurato in un referendum una proposta progettata per distruggere il dipartimento di polizia della città nelle elezioni di martedì 2 novembre.

La misura avrebbe sostituito il dipartimento di polizia con un “nuovo dipartimento di pubblica sicurezza“. Gli elettori hanno respinto la proposta con un margine di 56% a 44%, secondo il Wall Street Journal.

Sebbene la misura non volesse liberare completamente la città dalla polizia, avrebbe rimosso i requisiti minimi del personale per gli agenti di polizia ed avrebbe eliminato la posizione di capo della polizia della città. Alcuni agenti di polizia avrebbero dovuto rimanere nel personale per rispondere a certi incidenti, secondo quanto previsto da questa proposta, anche se non era chiaro quanti agenti di polizia sarebbero effettivamente rimasti.

La proposta ha diviso i Democratici nello stato. Funzionari Democratici di spicco come il senatore degli Stati Uniti Amy Klobuchar e il governatore Tim Walz hanno espresso la loro opposizione, subendo un po’ di rabbia da parte dei membri più progressisti del loro partito.

La rappresentante democratica Ilhan Omar ed il procuratore generale del Minnesota Keith Ellison hanno appoggiato la misura ed hanno incoraggiato i residenti di Minneapolis ad approvarla col voto.

La deputata Omar in particolare è stata ipercritica sul dipartimento di polizia della città, condannandolo sulla scia dell’omicidio di George Floyd dell’anno scorso, e poi, più recentemente, per i tassi di criminalità in aumento in città dovuto alle defezioni nella polizia, che sono aumentate in conseguenza delle proteste del movimento Black Lives Matter e del il movimento “Defund the Police“.

“Quello che dobbiamo riconoscere è che la riduzione della polizia nella nostra città, e l’illegalità che sta accadendo è dovuta a due cose”, aveva sostenuto Omar il mese scorso. “Primo, la polizia ha scelto di non adempiere al suo giuramento e di garantire la sicurezza pubblica che è dovuta ai cittadini che essa serve, giusto? È documentato. Ma anche prima, era documentato. Il dipartimento di polizia di Minneapolis è il dipartimento di polizia più disfunzionale, del nostro stato e probabilmente del paese”.

“La seconda, è che ci deve essere responsabilità”, ha continuato. “E qualcuno che si prenda effettivamente la responsabilità di ciò che la polizia fa. E questo non esiste in questo momento. E credo che l’attuale statuto che abbiamo, leghi le mani di coloro che vogliono avere questa responsabilità, perché siamo obbligati ad avere una quantità specifica di poliziotti, siamo obbligati, sapete, ad avere il tipo di contratti sindacali che abbiamo ora. Non conosco nessun’altra grande città nello stato del Minnesota che abbia lo statuto che abbiamo noi, semplicemente non esiste”.

Gli elettori hanno respinto gli appelli della Omar e si sono schierati con il dipartimento di polizia a danno delle richieste degli attivisti di togliere i finanziamenti alla polizia.

Il movimento “Defund the Police” aveva guadagnato uno slancio significativo l’anno scorso a Minneapolis sulla scia della morte di George Floyd. Gli attivisti hanno chiesto di spogliare i dipartimenti dei loro finanziamenti e di sostituirli con programmi sociali progettati per aiutare le persone prima che ricorrano al crimine, o identificare la malattia mentale prima che si manifesti come condotta criminale.

Gli oppositori hanno però definito questa politica come idealista e pericolosa.


DailyWire.com

Seguici sui Social