Wall Street Journal – Il confuso signor Biden

La performance di Biden nel suo ultimo dibattito è motivo di preoccupazione.

I responsabili della Casa Bianca proteggono Joe Biden dalla stampa il più possibile, e il dibattito di giovedì sulla CNN mostra perché. Anche con un pubblico amichevole e domande facili, la performance di Biden ha rivelato perché così tanti Americani stanno perdendo fiducia nei suoi confronti.

Un grosso problema è che Joe Biden spesso non sembra sapere di cosa stia parlando. Prendete l’aumento dei prezzi del carburante che sono una crescente preoccupazione per il pubblico. Biden ha incolpato il cartello dell’OPEC per non aver prodotto più petrolio, ma poi ha detto che la risposta è “in ultima analisi… investire nelle energie rinnovabili“.

La maggior parte delle auto va ancora a benzina, non ad energia solare o eolica. Le auto elettriche rimangono ancora inarrivabili per la maggior parte degli Americani. Il modo per ridurre i prezzi della benzina è produrre più petrolio per aumentare l’offerta. Biden non dovrebbe mettersi a supplicare l’OPEC di produrre di più, poiché lui stesso sta lavorando duramente per limitare la produzione di petrolio negli Stati Uniti.

E le strozzature nella catena di approvvigionamento che contribuiscono alla scarsità e all’inflazione? Joe Biden ha incolpato il Covid-19 e i datori di lavoro che non pagano abbastanza per attirare i lavoratori. Ma i datori di lavoro stanno aumentando i salari da tempo ed in quasi tutti i settori economici e anche così non possono comunque coprire i più di 10 milioni di posti di lavoro aperti a livello nazionale.

Alla domanda se avrebbe chiamato la Guardia Nazionale per affrontare lo sciopero di camionisti, Biden ha detto che l’avrebbe fatto. Ma il dispiegamento della Guardia Nazionale è in realtà sovrinteso dai governatori, che lo devono richiedere, come la Casa Bianca ha poi chiarito.

La confusione di Joe Biden si è estesa anche alla politica estera, che dovrebbe essere il suo punto di forza. Per quanto riguarda Taiwan – una questione cruciale con la Cina – Biden ha espresso male la politica degli Stati Uniti. Alla domanda “può giurare di proteggere Taiwan“, Biden ha detto ““.

Il conduttore della CNN Anderson Cooper deve aver pensato che questa fosse una notizia, perché ha dato a Biden un’altra possibilità: “Quindi sta dicendo che gli Stati Uniti accorrerebbero in difesa di Taiwan se…”

Biden: “Sì”.

Sig. Cooper: “… la Cina attaccasse?”

Biden: “Sì, ci siamo impegnati a farlo”.

L’attuale politica degli Stati Uniti verso Taiwan è quella della “ambiguità strategica” sulle intenzioni degli Stati Uniti. Il Taiwan Relations Act impegna gli Stati Uniti ad aiutare Taiwan a difendersi, ma non include un impegno “stile NATO” ad andare in guerra per difendere la democrazia sull’isola. Molte persone pensano che gli Stati Uniti dovrebbero rendere esplicito un tale impegno in modo che Pechino non sbagli i calcoli e invada l’isola. Biden stava annunciando un cambiamento nella politica degli Stati Uniti?

Apparentemente No, perché la Casa Bianca ha subito ritrattato le parole di Biden. L’ambiguità strategica vive, o forse dovremmo dire la “confusione strategica” nel caso di Biden. C’è da chiedersi cosa pensano gli uomini forti di Pechino di questa performance. La rapida presa di distanza della Casa Bianca dalle parole di Joe Biden significa che gli Stati Uniti non intendono difendere Taiwan? Qual è la politica degli Stati Uniti? Dele guerre sono scoppiate quando segnali contrastanti vengono dati agli avversari.

Non proviamo alcun piacere nel sottolineare tutto questo, poiché gli Stati Uniti hanno bisogno di un presidente che possa gestire le tensioni del lavoro. Biden non è mai stato Demostene, e tutti i presidenti inciampano nei discorsi. Ma la frequente confusione che manifesta in pubblico Joe Biden sulle principali questioni del giorno è una ragione che giustifica la crescente preoccupazione del pubblico.


WSJ.com

Seguici sui Social