Puntare solamente sulla demografia è una strategia politicamente vincente?

La demografia non determina ancora il destino della Sinistra.

Torniamo a parlare del nostro mitico Texas, stato a lungo governato dai Repubblicani che, per merito del loro buon governo, è diventato un grande polo d’attrazione sotto il punto di vista sia economico che sociale. Questo ha condotto nello stato molti nuovi elettori e i Democratici per questo sono anni che puntano a ribaltare in loro favore la politica del “Lone Star State”.

Abbiamo già spiegato più volte che, senza il Texas, il Partito Repubblicano avrebbe moltissime difficoltà a vincere la Casa Bianca, uscendo dai giochi per diversi cicli elettorali: la strategia scelta della Sinistra americana è quindi quella di puntare molto sul voto delle minoranze.

Un occasione di grande giubilo per i media mainstream schierati on i Democratici è stato il recente Censimento del 2020, quando è stato messo “nero su bianco” che la popolazione bianca del Texas si è ridotta del 5,3% rispetto a dieci anni prima.

Nonostante ormai ad ogni elezione si parli di “Blue Wave”, i Democratici non hanno ancora potuto “stappare lo champagne“, e le motivazioni sono molteplici.

Come prima cosa bisogna considerare che le minoranze non costituiscono un blocco unico, isolato e monolitico nella società americana: infatti, il numero di texani che si identificano come “mixed race”(discendente da più etnie) oppure “other” (altra etnia non specificata nel Censimento) è sestuplicato negli ultimi dieci anni.

Nel 2020, come abbiamo già spiegato più volte, i latinos hanno tirato un “colpo basso” ai Democratici, votando più ampiamente del previsto per i candidati Repubblicani. Uno dei motivi per i quali il GOP mantiene ancora il governo dello stato è perché i texani conoscono molto bene le posizioni dei Democratici-progressisti sia sul possesso di armi che sull’aborto. A questo dobbiamo aggiungere che molti texani (latinos inclusi ) “portano il pane” in tavola perché lavorano nel settore Oil & Gas, e qui il problemi per la Sinistra aumentano. Con queste due sole tematiche si può spiegare lo spostamento elettorale verso Destra che si è registrato nella Valle del Rio Grande, nel sud del Texas, popolata principalmente dagli ispanici.

Inoltre il Texas è da sempre una “Job Creation Machine” , ovvero una “macchina che crea posti di lavoro”, grazie soprattutto alle tasse basse e alle poche regolamentazioni che i governatori repubblicani hanno spinto nel corso degli anni. L’opposizione texana, invece, ha sempre promosso la linea politica e programmatica di livello federale dei loro colleghi Democratici, ovvero più tasse e più burocrazia.

Come se questo non bastasse, ricordate che la maggioranza dei texani sostiene anche la libertà di scelta della scuola, la fine del lobbismo finanziato dai contribuenti e l’abbassamento delle tasse sulle proprietà. La maggioranza dei cittadini non vuole anche che i ragazzi giochino nelle squadre sportive femminili e non vogliono neanche che ai loro figli venga insegnata la “Critical Race Theory” nelle scuole pubbliche.

Nonostante la Sinistra ora si lamenti di come sono stati disegnati i confini dei nuovi distretti della Camera a Washington per la delegazione dello stato texano, dovrebbe ricordarsi che per tornare a vincere in questa area geografica bisogna, prima di tutto, smettere di fare opposizione a tutto ciò che i texani sostengono, perché gli elettori, specialmente qui, guardano prima alla proposta politica e alle idee, e tutto ciò che sostiene la Sinistra oggi viene percepito come di scarsa qualità.


TheCannon.com

Seguici sui Social