Fox News – Trump bandito da Twitter, ma il portavoce dei Talebani twitta ancora

I Talebani hanno invaso la capitale dell’Afghanistan domenica dopo il crollo del governo.

Gli standard di Twitter sono stati messi in discussione questa domenica, dopo che gli utenti hanno sottolineato come un portavoce chiave dei Talebani usi la piattaforma per dare aggiornamenti sull’avanzata del gruppo nel paese, mentre l’account dell’ex presidente Donald Trump rimarrà sospeso permanentemente.

L’account di Zabihullah Mujahid non è verificato, ma ha quasi 280.000 seguaci ed è regolarmente citato dai principali organi di informazione. Recentemente ha twittato un aggiornamento su “unità militari” in ingresso a Kabul. Ha scritto che la loro “avanzata continua normalmente”.

Jerome Riviere, un politico francese, è andato su Twitter ed ha postato: “La libertà e la democrazia non vanno bene quando #Twitter continua a vietare l’account di #Trump ma trasmette quello del portavoce dei #Talebani senza alcun ripensamento”.

Twitter non ha risposto immediatamente a un’e-mail di Fox News in cerca di commenti.

L’8 gennaio, Twitter ha annunciato sul suo blog che l’account di Donald Trump, che aveva oltre 80 milioni di follower, era stato sospeso in modo permanente. Il ragionamento era quello che mantenere l’account @realDonaldTrump attivo avrebbe aumentato il rischio di “ulteriore incitamento alla violenza“.

La decisione è arrivata dopo l’attacco del 6 gennaio al Campidoglio. Twitter ha indicato un tweet dell’ex presidente l’8 gennaio che recitava: “I 75.000.000 grandi patrioti americani che hanno votato per me, AMERICA FIRST, e MAKE AMERICA GREAT AGAIN, avranno una VOCE DA GIGANTE ancora a lungo nel futuro. Non saranno disprezzati o trattati ingiustamente in nessun modo, forma o maniera!”.

I Talebani sono entrati nella capitale dell’Afghanistan domenica dopo che il governo è crollato e il presidente in difficoltà si è unito all’esodo dei suoi concittadini e degli stranieri, segnalando la fine di una costosa campagna statunitense di due decenni per ricostruire il paese.

I Talebani sono noti per aver condotto attacchi che hanno ucciso migliaia di civili nel paese. I talebani, dal 1996 al 2001, hanno vietato alle donne di ricevere un’istruzione o di lasciare la casa senza un membro della famiglia maschio, ha riferito Reuters.

I Talebani hanno insistito che i loro combattenti non entreranno nelle case della gente o che interferiranno con le imprese in loco ed hanno detto che offriranno una “amnistia” a coloro che hanno lavorato con il governo afgano o con le forze straniere.

Ma ci sono stati resoconti di uccisioni per vendetta ed altre tattiche brutali in aree del paese che i Talebani hanno conquistato negli ultimi giorni.

L’amministrazione Biden è stata sottoposta a critiche perché sembra aver calcolato male la velocità con cui i combattenti Talebani sarebbero stati in grado di conquistare il paese. I critici di Biden accusano anche la Casa Bianca di essere rimasta relativamente tranquilla mentre il paese crollava.

Un membro del Congresso ha detto in una chiamata della Commissione Affari Esteri: “Abbiamo sentito più dai Talebani che da Biden“.

Donald Trump, da parte sua, ha rilasciato una dichiarazione domenica chiedendo a Biden di “dimettersi in disgrazia”.

“È tempo che Joe Biden si dimetta in disgrazia per ciò che ha permesso che accadesse all’Afghanistan, insieme alla tremenda impennata di COVID, alla catastrofe dei confini, alla distruzione dell’indipendenza energetica e alla nostra economia paralizzata”, ha scritto l’ex presidente in una dichiarazione.


FoxNews.com

Seguici sui Social