Fox News – Obama ha mentito agli americani sul ritiro dall’Afghanistan

Obama aveva dichiarato nel 2014 che la guerra stesse arrivando ad una “conclusione responsabile”.

Stralci di un nuovo libro affermano che l’ex presidente Barack Obama abbia mentito quando annunciò nel dicembre del 2014 che la guerra degli Stati Uniti con l’Afghanistan avesse raggiunto una “conclusione”.

Nel libro “The Afghanistan Papers: A Secret History of the War“, che uscirà alla fine di questo mese, l’autore Craig Whitlock delinea le dichiarazioni di Obama, alla fine del 2014, che suggerivano che la guerra avesse raggiunto una conclusione e sottolinea anche come una cerimonia militare diretta dall’ex presidente non abbia segnato affatto la fine del conflitto.

“Grazie agli straordinari sacrifici dei nostri uomini e donne in uniforme, la nostra missione di combattimento in Afghanistan sta terminando e la guerra più lunga della storia americana sta arrivando ad una conclusione responsabile“, aveva detto Obama in una dichiarazione nel 2014, aggiungendo che quel giorno segnasse “una pietra miliare per il nostro paese”.

Tuttavia, come scrive Whitlock nel libro, la guerra non era finita e avrebbe continuato a imperversare per quasi 7 anni.

“In effetti, la guerra non era affatto vicina ad una conclusione, “responsabile” o altro, e le truppe statunitensi avrebbero combattuto e sarebbero morte in combattimento in Afghanistan per molti anni a venire”, scrive Whitlock. “Le affermazioni sfacciate del contrario si sono classificate tra gli inganni e le bugie più eclatanti che i leader degli Stati Uniti hanno diffuso durante due decenni di guerra”.

Whitlock nota che Obama era consapevole che il pubblico americano si era stancato della guerra in Afghanistan e dice che “ha evocato un’illusione” per far sembrare che i combattimenti nella regione fossero finiti, ma ha ingannevolmente ritagliato dei caveat riguardanti il ruolo delle truppe rimaste.

“Quando la bandiera è stata ammainata durante la cerimonia del dicembre 2014 a Kabul, i comandanti di Obama hanno sottolineato che l’esercito e la polizia afgani avrebbero preso la piena responsabilità per la sicurezza del loro paese da quel punto in avanti, con le forze statunitensi e della NATO limitate a ruoli “non di combattimento” e come addestratori e consulenti”, ha scritto Whitlock.

“Ma il Pentagono ha ritagliato numerose eccezioni che, in pratica, hanno reso le distinzioni quasi prive di significato”, ha continuato. “Nei cieli, caccia, bombardieri, elicotteri e droni statunitensi hanno continuato a volare in missioni di combattimento aereo contro le forze talebane. Nel 2015 e 2016, l’esercito americano ha lanciato missili e bombe in 2.284 occasioni, un calo rispetto agli anni precedenti ma ancora con una media di più di tre sortite al giorno.”

Whitlock scrive anche di diversi esempi di vittime militari americane dopo l’annuncio di Obama e sottolinea come il presidente ad un certo punto abbia fermato il ritiro delle truppe pur sostenendo che i militari che comandava fossero ancora “spettatori della lotta”.

Obama aveva detto nella Roosevelt Room della Casa Bianca ancora nel 2015 come la missione di combattimento in Afghanistan fosse “finita” e che gli americani non erano più coinvolti in “grandi combattimenti di terra” nel paese.

Per le truppe, la distinzione non faceva alcuna differenza“, ha scritto Whitlock. “Per loro, l’Afghanistan era ancora una zona di combattimento. Tutti portavano le armi. Tutti hanno guadagnato una paga da combattimento. Sono stati premiati con decorazioni da combattimento. Altri sarebbero morti”.

Joe Biden in aprile ha spostato la scadenza dell’ex presidente Donald Trump per il ritiro dell’esercito americano da maggio all’11 settembre, che poi è stato ulteriormente anticipato alla fine di agosto. Il ritiro è iniziato a maggio; all’inizio di luglio, la situazione si stava rapidamente deteriorando: Il Pentagono il 9 luglio ha dettagliato “l’avanzata preoccupante” dei Talebani sulla scia del ritiro.

Due settimane dopo, il Pentagono ha detto che il ritiro era completo al 95% circa, pur ammettendo che i Talebani sembravano avere “uno slancio strategico”.

Fox News ha confermato giovedì che l’esercito degli Stati Uniti aiuterà ad evacuare gli americani dall’ambasciata di Kabul mentre la situazione della sicurezza si deteriora in tutto l’Afghanistan.


FoxNews.com

Seguici sui Social

Un pensiero su “Fox News – Obama ha mentito agli americani sul ritiro dall’Afghanistan

I commenti sono chiusi.