Elezioni del Governatore e della Camera della Virginia, 2021

🔴 Articolo in aggiornamento, ultimo aggiornamento 2 settembre 2021 (aggiunta media sondaggi RealClearPolitics, ultimo sondaggio Trafalgar Group, aggiornamento dello stato delle finanze e riassunto degli eventi principali della campagna elettorale)

Statistiche veloci sulla Virginia

  • Diventa uno stato nel 1788
  • 10° stato ammesso negli Stati Uniti
  • L’Assemblea Generale della Virginia è il più antico organo legislativo dell’emisfero occidentale.
  • Membri del Senato dello Stato della Virginia: 40
  • Membri della Camera dei Delegati della Virginia: 100
  • Senatori degli Stati Uniti: 2
  • Rappresentanti degli Stati Uniti: 11

In questo articolo troverai:

  • Elezione del governatore della Virginia: Youngkin vs. McAuliffe
  • Elezioni della Camera dei delegati della Virginia

Terry McAuliffe (D) e Glenn Youngkin (R) si sfideranno per la carica di governatore della Virginia

Elezioni del Governatore, 2021

VINCITOREcandidato%voti
Glenn Youngkin (Repubblicano)N/AN/A
Terry McAuliffe (Democratico)N/AN/A

Il governatore Ralph Northam è stato eletto nel 2017 con il 53,9% dei voti. Tuttavia non si potrà ricandidare nel 2021 in quanto la Costituzione della Virginia non consente ai governatori di servire per più di un mandato consecutivo.

Terry McAuliffe (D), Glenn Youngkin (R), e Princess Blanding (Liberation Party) sono in corsa nelle elezioni generali per il governatore della Virginia previste per il 2 novembre 2021.

Janet Hook del Los Angeles Times ha scritto: “La Virginia fornisce la prima grande prova di forza tra i partiti da quando Biden è stato eletto, e potrebbe stabilire il tono per le elezioni di midterm del 2022”.

Il candidato Democratico McAuliffe è stato governatore della Virginia dal 2014 al 2018. Ha presieduto il Comitato Nazionale Democratico dal 2001 al 2005 ed è stato il presidente nazionale della campagna presidenziale di Hillary Clinton (D) nel 2008. Ha paragonato Youngkin all’ex presidente Donald Trump, dicendo: “[Youngkin] non è altro che un lealista di Trump, deciso a portare avanti un’agenda estremista qui in Virginia.” McAuliffe ha anche enfatizzato il suo precedente mandato come governatore, dicendo che “ha portato 200.000 posti di lavoro ben pagati nel Commonwealth, ha fatto scendere la disoccupazione e ha aumentato il reddito personale.”

Il candidato Repubblicano Youngkin è un ex co-CEO e presidente di The Carlyle Group, una società di investimento globale, dove ha lavorato dal 1995 al 2020. Ha descritto McAuliffe come “un insider politico riciclato da 40 anni e un politico in carriera che finge di essere un uomo d’affari. Nel sondaggio Candidate Connection inviato a Ballotpedia, Youngkin ha detto: “Abbiamo bisogno di un governatore con esperienza nel mondo reale che possa creare posti di lavoro, evitare che le aziende se ne vadano, mettere un cartello “open-for-business” sulla Virginia e creare un’economia che sollevi tutti quanti i virginiani”.

I Democratici hanno vinto quattro delle cinque elezioni governatoriali più recenti e tutte le tredici elezioni statali in Virginia dal 2012. Nel 2019, i Democratici hanno vinto la maggioranza sia alla Camera che al Senato dello Stato, creando una tripletta democratica in Virginia per la prima volta dal 1994.

Ralph Northam, governatore democratico della Virginia dal 2018 al 2022

Primarie Democratiche, 8 giugno 2021

Il vice governatore Justin Fairfax, l’ex governatore della Virginia Terry McAuliffe, la senatrice statale Jennifer McClellan, la delegata statale Jennifer Carroll Foy e la delegata statale Lee Carter hanno annunciato le loro candidature per la nomination democratica a Governatore. Il procuratore generale della Virginia Mark Herring aveva precedentemente annunciato la sua intenzione di correre come governatore, ma si ritirò dalla corsa per cercare la rielezione come procuratore generale. Terry McAuliffe ha vinto le primarie democratiche con un ampio margine nonostante il grande numero di candidati.

Convention Repubblicana, 8 maggio 2021

La senatrice statale Amanda Chase annunciò la sua candidatura per la nomination repubblicana a governatore nel febbraio 2020. Dopo aver inizialmente minacciato di correre come indipendente a causa della decisione dei Repubblicani statali di tenere una convention anziché un elezione primaria, la Chase è poi tornata a cercare la nomination per il suo partito ancora una volta. Kirk Cox, l’ex speaker repubblicano della Camera dei Delegati della Virginia, ha presentato i documenti per correre a governatore nel settembre 2020. L’uomo d’affari Glenn Youngkin ha vinto la nomination repubblicana dopo sei turni di voto alla convention.

Altri candidati

Princess Blanding, un’insegnante e sorella del defunto Marcus-David Peters, è il candidato governatore del neonato Liberation Party. Altri candidati minori includono il candidato della Constitution Party Timothy Clate Phipps e l’uomo d’affari Brad Froman. L’ex rappresentante degli Stati Uniti Denver Riggleman ha espresso interesse a correre come indipendente.

Campagna elettorale

🔴 Nuovo aggiornamento

Il 12 luglio, Glenn Youngkin ha annunciato che non avrebbe preso parte al dibattito del 24 luglio ospitato dalla Virginia Bar Association a causa di una donazione fatta da uno dei moderatori, Judy Woodruff. La Woodruff aveva infatti fatto una donazione di 250 dollari al fondo di soccorso della Fondazione Clinton dopo il terremoto di Haiti del 2010. La fondazione è gestita da Hillary e Bill Clinton, che sono stretti alleati di Terry McAuliffe. Il 28 luglio, dopo aver scoperto che Youngkin avrebbe partecipato ad un raduno sull'”integrità delle elezioni” alla Liberty University, McAuliffe ha rifiutato un dibattito nella stessa università. Il 2 agosto, Youngkin ha rifiutato la partecipazione al The People’s Debate.

Il 26 agosto, il Partito Repubblicano della Virginia ha presentato una causa per squalificare McAuliffe dall’apparire sulla scheda elettorale di novembre. La causa sostiene che McAuliffe non abbia firmato la sua dichiarazione di candidatura, necessaria per qualificarsi alle elezioni primarie e generali.

Profili dei candidati

Glenn Youngkin (Repubblicano)
Biografia:
“Sono un virginiano cresciuto in casa che ha lavorato nel mondo degli affari per 30 anni. Mi candido a governatore per ricostruire la Virginia come un posto migliore per vivere, lavorare e crescere una famiglia”.
Messaggi chiave:
L’economia della Virginia è in stallo mentre gli stati vicini prosperano. Le imprese della Virginia stanno annegando nei costi elevati e nella burocrazia. Abbiamo bisogno di un governatore con esperienza nel mondo reale che possa creare posti di lavoro, evitare che le imprese se ne vadano, mettere un cartello “open-for-business” sulla Virginia, e creare un’economia che sollevi tutti quanti i virginiani.

Proteggerò e difenderò i diritti costituzionali e le libertà personali dei virginiani, che sono minacciati come mai prima d’ora.

Il costo della vita in Virginia è troppo alto e continua a salire rendendo il sogno americano irraggiungibile per troppi virginiani. La Virginia dovrebbe essere il posto migliore per vivere, lavorare e crescere una famiglia, e questo inizia con più posti di lavoro e costi più bassi, comprese le tasse, le imposte e i costi sanitari.
Terry McAuliffe (Democratico)
Biografia:
McAuliffe ha preso una laurea alla The Catholic University of America e una laurea in legge alla Georgetown University Law Center. Dopo la laurea, ha iniziato una carriera nelle banche, negli investimenti e nello sviluppo immobiliare. McAuliffe ̬ stato direttore finanziario di tre campagne presidenziali democratiche Рquella di Jimmy Carter (1980), di Dick Gephardt (1988) e di Bill Clinton (1996) Рe presidente nazionale della campagna presidenziale di Hillary Clinton (D) nel 2008. McAuliffe ha presieduto il Comitato nazionale democratico dal 2001 al 2005.
Messaggi chiave:
McAuliffe ha paragonato Youngkin a Donald Trump. In uno spot elettorale, McAuliffe ha detto che “si è sempre opposto ai repubblicani di estrema destra, e ha vinto… Non possiamo lasciare che l’estrema destra ci porti indietro”.

McAuliffe ha detto che ha scelto di candidarsi come governatore “perché abbiamo bisogno di pensare in grande e di essere audaci per far progredire il Commonwealth“, cosa che ha detto che avrebbe realizzato usando la sua precedente esperienza come governatore.

McAuliffe ha detto che ha sostenuto la creazione di un buy-in per Medicaid. Ha sottolineato che, come governatore, ha firmato la legge che espande la copertura di Medicaid sotto l’Obamacare.

Articoli correlati

Può Youngkin porre fine al periodo di siccità dei Repubblicani in Virginia?

Può Youngkin porre fine al periodo di siccità dei Repubblicani in Virginia? Consulta il nostro speciale sulle elezioni in Virginia del 2021 La pagina editoriale del Washington Post – che non ha mai appoggiato un Repubblicano alla carica di governatore della Virginia da quando ha iniziato ad appoggiare i candidati nel 1976 – sembra trovare … Continua a leggere Può Youngkin porre fine al periodo di siccità dei Repubblicani in Virginia?

La Virginia sta per diventare rossa? Le prove indicano che l’onda blu è ormai passata nell’Old Dominion

I conservatori hanno avuto poco da festeggiare nella politica della Virginia nell’ultimo decennio. Eppure la marea potrebbe finalmente iniziare a girare… Consulta il nostro speciale sulle elezioni in Virginia del 2021 Da quando i Repubblicani hanno preso per l’ultima volta gli uffici statali nelle elezioni del 2009, la storia politica della Virginia è stata il … Continua a leggere La Virginia sta per diventare rossa? Le prove indicano che l’onda blu è ormai passata nell’Old Dominion

Sondaggi: McAuliffe vs. Youngkin in Virginia

🔴 Nuovo aggiornamento

La media dei sondaggi indica come “leggermente favoritoTerry McAuliffe (Democratico) in Virginia, secondo RealClearPolitics.com

Sondaggio Trafalgar Group pubblicato il 31 agosto – Sondaggio completo
Sondaggio Trafalgar Group pubblicato il 13 luglio – Sondaggio completo

Finanze della campagna elettorale

🔴 Nuovo aggiornamento

candidatoTotale delle spese
Glenn Youngkin (Repubblicano)16,651,994 $
Terry McAuliffe (Democratico)11,076,062 $

La tabella contiene dati dai rapporti finanziari presentati alle agenzie statali. I dati sono raccolti e resi disponibili da Transparency USA che traccia i prestiti separatamente dal totale dei contributi. Per saperne di più su questi dati clicca qui.

Appoggi degni di nota

Glenn Youngkin (Repubblicano): Donald Trump, Mike Pence, Ted Cruz e gli ex governatori repubblicani George Allen, Jim Gilmore, Bob McDonnell.

Terry McAuliffe (Democratico): Joe Biden, Nancy Pelosi, Hillary Clinton, il governatore Ralph Northam e il commentatore Bill Kristol

Questa sezione elenca gli endorsement degni di nota rilasciati in queste elezioni, compresi quelli fatti da individui e organizzazioni di alto profilo, gli endorsement tra i partiti e gli endorsement fatti dalle commissioni editoriali dei giornali. Si prega di notare che questa lista non è esaustiva.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha appoggiato il candidato repubblicano Glenn Youngkin in Virginia

Altri uffici esecutivi statali

Le elezioni per gli altri uffici esecutivi statali si terranno il 2 novembre 2021.

VINCITOREVICE GOVERnATORE%voti
Winsome Sears (Repubblicano)N/AN/A
Hala Ayala (Democratico)N/AN/A
VINCITOREAttorney General%voti
Jason Miyares (Repubblicano)N/AN/A
Mark Herring (Democratico)N/AN/A

L’edificio del Campidoglio della Virginia si trova in cima a Shockoe (Capitol) Hill a Richmond

Elezioni della Camera, 2021

VINCITOREPARTITOSEGGI 2019SEGGI 2021
Repubblicano45N/A
Democratico55N/A
TOTALE100100

Le elezioni per la Camera dei delegati della Virginia hanno luogo nel 2021. Le primarie si sono tenute l’8 giugno 2021 e le elezioni generali si terranno il 2 novembre 2021.

Al momento delle primarie dell’8 giugno, i Democratici detenevano una maggioranza di 55 seggi contro i 45 dei Repubblicani. Questo è il primo ciclo elettorale dal 1999 con i Democratici che difendono la maggioranza nella Camera dei delegati. I Repubblicani hanno controllato la camera dal 2000 al 2020. Nel 2019, i Democratici hanno ribaltato la camera.

I commentatori hanno descritto le elezioni della Camera dei delegati come un indicatore del sentimento politico dopo l’elezione di Joe Biden nel 2020. Il partito del vincitore delle elezioni presidenziali ha perso seggi nella Camera dei delegati della Virginia in cinque dei sette anni di elezioni statali che hanno seguito un’elezione presidenziale tra il 1993 e il 2017.

Durante la presidenza di Donald Trump i Repubblicani hanno perso 21 seggi netti (21,0%) nella Camera dei delegati, il massimo in qualsiasi camera legislativa statale del paese. Il professore dell’Università di Mary Washington Stephen Farnsworth ha attribuito i guadagni democratici ai ribaltoni nei distretti suburbani, aggiungendo: “La domanda chiave a livello nazionale è se le tradizionali aree repubblicane della periferia torneranno ad essere repubblicane ora che Trump non è più presidente?”

Uno spostamento netto di sei o più seggi a favore dei Repubblicani farebbe passare il controllo della Camera dai democratici a loro. Cinque delle dieci precedenti elezioni della Camera hanno visto spostamenti netti di sei seggi o più: due volte a favore dei Repubblicani e tre volte a favore dei Democratici. In media, 6,6 seggi hanno spostato il controllo per ciclo elettorale durante lo stesso periodo di tempo.

Il risultato di queste elezioni, oltre all’elezione governatoriale dello stato, determinerà anche lo status di tripletta della Virginia. La Virginia è diventata una tripletta Democratica nel 2019, la prima volta per lo stato dal 1994.

La Camera dei delegati è una delle tre camere legislative statali che tengono le elezioni nel 2021. La camera tiene le elezioni ogni due anni negli anni dispari.


Dati demografici per la Virginia

VIRGINIAStati Uniti
Popolazione totale8.367.587316.515.021
Superficie110.862 km²9.834.000 km²
Razze ed etnie
Bianchi69%73,6%
Afroamericani19,2%12,6%
Ispanici/Latinos8,6%17,1%
Istruzione
Tasso di diplomati di scuola superiore88,3% 86,7%
Tasso di laureati all’università36,3% 29,8%
Reddito
Reddito familiare medio65.015 $53.889 $
Persone sotto il livello di povertà13% 11,3%

Fonte: U.S. Census Bureau, “American Community Survey” (stime quinquennali 2010-2015)
Clicca qui per maggiori informazioni sul censimento del 2020.