I ragazzi non stanno bene! Due terzi dei Millennials britannici e della Gen Z sostengono il Socialismo

Mentre il partito conservatore rimane da più di 11 anni al potere e il partito laburista di sinistra continua a fluttuare alle urne, un nuovo studio ha dimostrato che il socialismo sembra aver guadagnato una forte presa sulle giovani generazioni britanniche.

Una ricerca condotta dall’Istituto degli Affari Economici (IEA) ha scoperto che più di due terzi dei Millenials e della Generazione Z nel Regno Unito preferirebbero vivere sotto un sistema economico socialista piuttosto che nel sistema di libero mercato di cui attualmente godono in Gran Bretagna.

Secondo il rapporto, Left Turn Ahead? Surveying Attitudes of Young People Towards Capitalism and Socialism, il 67% dei giovani britannici ha detto che preferirebbe avere un governo socialista e il 75% è d’accordo con l’affermazione che “il socialismo è una buona idea, ma ha fallito in passato perché è stato fatto male“.

“Il cliché che “il vero socialismo non è mai stato provato” non è solo un luogo comune: è anche l’opinione principale tra i Millennials e gli Zoomers“, ha notato il rapporto.

Gli inglesi più giovani, molti dei quali sono nati dopo la caduta dell’Unione Sovietica, associano il termine ‘socialista‘ a termini positivi come ‘lavoratori’, ‘pubblico’, ‘uguale‘ e ‘giusto‘.

Il rapporto ha notato che pochissimi associano il socialismo al termine ‘fallimento‘, nonostante il secolo precedente di governi socialisti che hanno portato alla devastazione economica, alla fame di massa e al democidio (l’assassinio di persone da parte del loro stesso governo).

I giovani di sinistra inoltre non associano il socialismo con il Venezuela, il più clamoroso fallimento socialista del XXI secolo, che è passato da una delle nazioni più prospere del mondo a una delle più povere in poco più di un decennio di governo socialista.

L’AIE ha anche scoperto che tre quarti degli intervistati credono che il cambiamento climatico sia un problema specificamente capitalista, nonostante il più grande inquinatore del mondo sia la Cina comunista.

Un altro 78% dei giovani britannici ha detto che il capitalismo è da biasimare per la crisi degli alloggi in Gran Bretagna, piuttosto che la migrazione di massa che si è verificata dall’inizio degli anni 2000, mettendo una massiccia pressione sul patrimonio immobiliare esistente.

In linea con la loro visione del mondo statalista, il 72% era a favore della nazionalizzazione di industrie come l’energia, l’acqua e le ferrovie, mentre la stessa percentuale si oppone a qualsiasi coinvolgimento privato nel sistema sanitario socializzato della Gran Bretagna.

L’autore del rapporto e capo dell’economia politica all’AIE, il dottor Kristian Niemietz, ha avvertito che i suoi risultati mostrano che l’ideologia socialista non è qualcosa con cui i giovani semplicemente “cresceranno”, poiché i risultati del sondaggio hanno trovato poche differenze di mentalità tra i Millennials (nati tra gli anni ’80 e la metà degli anni ’90) e la Generazione Z (nata tra la metà degli anni ’90 e l’inizio del 2010).

“Questi risultati dimostrano che il ‘socialismo dei Millennial non è solo un hype dei social media, e non è stato solo una moda passeggera che è finita con le dimissioni di Jeremy Corbyn. Né è semplicemente un replay del radicalismo studentesco degli anni ’60. Questo è un cambiamento a lungo termine negli atteggiamenti, che non se ne andrà via da solo”, ha detto il dottor Niemietz.

Ha continuato: “I sostenitori dell’economia di mercato devono accettare questa sfida e affrontarla, piuttosto che respingerla o fingere che non stia accadendo.”

“Dobbiamo migliorare nel presentare i punti buoni del capitalismo, sviluppando soluzioni politiche basate sul mercato per i problemi che i giovani stanno affrontando, così come spiegare perché il socialismo, per quanto seducente possa essere, è sempre e ovunque un vicolo cieco“.

BreitbartNews.com