Garavaglia ed il Centrodestra italiano prendano esempio dalla Florida!

Il governatore Ron De Santis, da molti considerato uno dei papabili candidati nel 2024 alla presidenza degli Stati Uniti, è stato un vero e proprio modello per gestire la pandemia.

Dopo aver bandito ogni sorta di “Green pass” vaccinale e aver riaperto tutto in pompa magna, il governatore repubblicano della Florida, Ron DeSantis, è pronto a dare un ulteriore stimolo all’economia locale. Essendo uno stato famoso per il turismo, esattamente come l’Italia, la Florida ha deciso di concedere Tresettimane di ferie” alle tasse.

Questa mossa altro non è che un incentivo: in questi tre periodi dell’anno i consumatori non pagheranno alcun tipo di “IVA statale (N.B.: sarebbe l’equivalente di una nostra ipotetica IVA regionale), per diverse categorie di beni.

Leggi anche: “L’esperienza del COVID in Florida conferma che l’approccio del lockdown è un approccio fallimentare”

Andiamo ad analizzare questa legge, la HB 7061, firmata dal governatore il 21 maggio scorso (e che ha ricevuto il supporto pure dal Partito Democratico locale):

1. La c.d. “Freedom Week” è la settimana del 4 Luglio, festa nazionale in tutti gli Stati Uniti. Nella settimana in cui cade il Giorno dell’Indipendenza tutti i cittadini della Florida che acquistano biglietti per concerti, eventi culturali, musei, teatri, ecc. previsti entro la fine dell’anno non dovranno pagare alcun tipo di IVA. Rientrano nella categoria anche gli acquisti per gli abbonamenti in palestra e altro materiale ricreativo, come ad esempio la pesca.

2. La settimana dal 28 maggio al 6 giugno, la c.d. “Hurricane Week“. La Florida, come tutti sappiamo, è famosa oltre che per le bellissime spiagge di Miami e gli alligatori, anche per gli uragani. In questa settimana non si pagherà l’IVA sui seguenti beni: torce che costano meno di 40 $, radio a meno di 50$, teli a meno di 100$, taniche di benzina a meno di 50$, batterie, refrigeratori a meno di 1.000$.

3. La settimana dal 31 luglio al 9 agosto, la c.d. “Back to school“. Una grande iniziativa anche dal punto di vista del welfare familiare. Saranno infatti esclusi dal pagamento dell’IVA tutti i beni relativi alla scuola, sia quelli più “tradizionali” (come gli zainetti, le matite, le penne, ecc.) sia quelli più “moderni”, come ad esempio i personal computer che hanno un costo inferiore a 1.000$.

Il beneficio stimato per i cittadini della Florida sarà in totale di 200 milioni di dollari.

Leggi anche: “Ron DeSantis – Governatore della Florida”

Questa proposta potrebbe essere utile anche in Italia, dando sconti e incentivi al consumo in questi settori, piuttosto che coprifuochi, quarantene e pass vaccinali, che allontanano solo i turisti dal nostro paese e che quindi andranno nei paesi che sono nostri “rivali” sotto questo aspetto. La riduzione dell’IVA è molto più semplice da attuare e molto meno burocratica rispetto ai bonus, e può beneficiare chiunque voglia acquistare uno qualsiasi dei beni appartamenti alle categorie merceologiche che abbiamo visto sopra, non solo dunque quella ridotta platea di chi è riuscito ad accedere ai bonus.

Perché quindi continuare con l’inutile bonus vacanze, dove solo poche persone lo ricevono e che, come anche dichiarato dal Codacons l’anno scorso, si è rivelato un flop totale?

Se come da Lei stesso dichiarato, Sig. Ministro Garavaglia, che nelle città d’arte ci sono principalmente turisti stranieri, e che nel 2020 si sono persi 28 miliardi, perché non iniziamo ad esempio a detassare i biglietti aerei visti i record negativi che abbiamo?

Infine, caro Centrodestra italiano, “non farti fregare”: guarda alle soluzioni di libero mercato e poco burocratiche e non a cercare di “migliorare” quanto fatto dai politici incapaci e incompetenti che vi hanno preceduto…. Caro Centrodestra, guarda alla Florida e impara da Ron De Santis.


Scrivi al Ministro Garavaglia

Fai conoscere questa legge della Florida al Ministro del Turismo Massimo Garavaglia.

Invia una email all’indirizzo qui sotto: copia l’oggetto e il testo che vedi riportati.

OGGETTO
Mandiamo in vacanza le tasse per tre settimane, l’esempio della Florida
TESTO
On. Ministro, 
con la presente vorrei portarla a conoscenza di una legge approvata dalla Florida che, essendo uno stato a vocazione turistica come l’Italia, ha deciso di concedere Tre “settimane di ferie” alle tasse. 

Le chiedo pertanto di leggere questo articolo pubblicato dall’Osservatore Repubblicano in quanto tale proposta può andare certamente bene anche per il nostro paese. https://wp.me/paKWbg-38X

Distinti Saluti
EMAIL
segreteria.garavaglia@camera.it

Oppure, Twitta!

@massimogara Mandiamo in vacanza le tasse per tre settimane, l’esempio della Florida.

* Clicca sul pulsante per twittare, condividerai in automatico anche il link a questo articolo.