Dovremmo iniziare a chiedere alla gente di smettere di indossare le mascherine all’aperto, ci mette a disagio

Se bruciaste una bandiera americana in pubblico, i Democratici vi applaudirebbero; se bruciaste delle mascherine, invece, si arrabbierebbero.

Questo articolo è adattato dal commento di apertura di Tucker Carlson dell’edizione del 26 Aprile 2021 di “Tucker Carlson Tonight”.

⚠️⚠️⚠️ Disclaimer che purtroppo visti i tempi è doveroso fare. Questo articolo è bastato su un monologo di un programma televisivo americano, e si basa sulla situazione e sul contesto epidemiologico in America. Ovviamente attraverso questo articolo il suddetto blog non vuole assolutamente né invitare né incitare alla violazione delle norme per il contrasto della pandemia di COVID-19 nel nostro paese o negli altri paesi, né le opinioni riportate potranno essere utilizzate come argomento da considerarsi di rilevanza scientifica. Il lettore è libero di apprezzarlo per integrare la propria opinione personale o come stimolo per la riflessione sul tema, ma niente di quanto contenuto in questo articolo potrà essere efficacemente sollevato come giustificazione o motivazione alla violazione delle attuali norme amministrative nazionali e regionali. Avete capito insomma…

Nel maggio dello scorso anno, il Sindaco di Los Angeles, un uomo chiamato Eric Garcetti, ha emesso questa ordinanza per la seconda città più grande d’America.

“Portate la mascherina con voi ogni volta che uscite di casa. Questo ci aiuterà ad avere più libertà”.

Garcetti non è un grande oratore, per usare un eufemismo, ma è stata una citazione memorabile, soprattutto per le domande che ha lasciato senza risposta. Per esempio, è davvero possibile diffondere il Coronavirus all’aperto? Questa è la prima e più ovvia. E poi, più fondamentalmente: da quando un sindaco è incaricato di dispensare le libertà dell’America? Quelle libertà non sono garantite dalla Costituzione che ha creato il paese? Questo è quello che ci hanno detto.

Quindi, sarebbe stato bello sentire le risposte a queste domande. Sfortunatamente, all’epoca, gran parte del paese era così terrorizzato dalla nuova pandemia che nessuno ha pensato di fare quelle domande. La gente obbediva e basta. Fu un grande cambiamento. Gli altri politici lo guardarono accadere. Hanno visto una nullità saccente come Eric Garcetti, uno di cui non ti fideresti per pulire la tua piscina, assumere improvvisamente nuovi poteri senza precedenti, simili a quelli di un dio, semplicemente strillandoli.

“METTITI LA MASCHERINA!” “Ok, capo”.

Non male come trucco. Così, naturalmente, anche altri politici volevano un po’ di quel potere. Ecco perché sono nel business, per il potere. Così hanno fatto la stessa cosa che ha fatto Garcetti. E ancora una volta, nessuno si è opposto.

A San Francisco, le autorità hanno preteso che i cittadini indossassero le mascherine mentre correvano all’aperto. Nella città di Boston, il sindaco ha esteso questo requisito a tutte le attività all’aperto.

“Dovete indossare una mascherina quando siete fuori a fare esercizio”.

In una democrazia funzionante, come quella che avevamo solo pochi anni fa, richieste come queste sarebbero state impossibili da fare. Un politico potrebbe consigliarvi di indossare una mascherina all’aperto, ma non potrebbe costringervi a farlo. Nel migliore dei casi, dovrebbe chiedervelo gentilmente. Dovrebbe mostrarvi la scienza e cercare di convincervi a seguire i suoi consigli, da persona adulta a persona adulta. L’onere sarebbe quindi su di lui per far valere le sue ragioni, non su di voi per obbedire al comando. Ma nel corso della pandemia di Coronavirus, è successo il contrario, è stato invertito. Ed è successo perché grandi gruppi di persone non sono riuscite a resistere. Hanno continuato a farlo, diventando giorno dopo giorno più irragionevoli e scollegati dalla scienza.

Per esempio, più di 15 mesi dopo che vi abbiamo parlato per la prima volta della diffusione di questo strano nuovo virus in Cina, lo stato del Michigan ora richiede ai bambini a partire da 2 anni di indossare le mascherine mentre si trovano in “spazi pubblici e luoghi come campi o asili”. Questo non è un suggerimento. È un obbligo. Lo sono tutti. Una madre incinta e il suo bambino di 2 anni sono stati buttati fuori da un volo Spirit Airlines perché il bambino di 2 anni non indossava una mascherina.

È la legge! Giusto, lo abbiamo sentito. Ma perché è la legge? Non c’è alcuna giustificazione scientifica. I bambini non sono a rischio significativo con il COVID. Non lo sono mai stati. Gli adulti che sono stati vaccinati o contagiati – e questa è un’enorme percentuale della popolazione americana – non lo sono nemmeno. Se avete alti livelli di anticorpi nel vostro sistema, siete quasi certamente al sicuro. Quelli che non hanno anticorpi possono fare l’iniezione. Ogni americano che vuole il vaccino può ottenerlo. A questo punto, non c’è alcuna giustificazione scientifica per qualsiasi obbligo di mascherina, da nessuna parte. È così semplice. L’idea che si dica alla gente, che la si obblighi, di indossare le mascherine all’esterno dovrebbe scioccarci. Non c’è mai stato alcun rischio di trasmissione di massa all’aperto. Lo sappiamo da almeno un anno. La scorsa primavera, i ricercatori in Cina hanno rintracciato 318 focolai separati di Coronavirus per scoprire dove hanno avuto origine e come. Di questi 318 focolai, solo uno potrebbe plausibilmente essere collegato ad una persona che si trovava all’esterno. Tutti gli altri erano al chiuso. Lo scorso novembre, una revisione di tutte le ricerche peer-reviewed esistenti su questo argomento è apparsa sul Journal of Infectious Diseases. Quella revisione ha trovato che le probabilità di contrarre il virus all’aperto erano circa 19 volte inferiori al rischio di contrarlo all’interno. In aprile, i ricercatori in Giappone sono arrivati alla stessa conclusione.

Infine, la settimana scorsa, il New York Times ha ammesso tutto questo. Secondo il giornale, gli scienziati hanno scoperto “pochi casi documentati di brevi interazioni all’aperto che hanno portato alla trasmissione del COVID”. Quindi la gente che corre nel parco è al sicuro. Sono sempre state al sicuro. E, in effetti, le prove sono così schiaccianti che persino il principale fornitore americano di porno da isolamento (Anthony Fauci) è stato costretto ad ammetterlo.

George Stephanopoulos: “Parliamo delle mascherine. Voglio dire, se ne parla sempre di più. E so che il CDC sta cercando forse di rivedere la sua guida sull’indossare le mascherine all’aperto in questo momento. Qual è il tuo miglior consiglio su questo a questo punto?”

Anthony Fauci: “Sai, non voglio andare avanti, George. Ma penso che ora sia abbastanza chiaro che il rischio all’aperto sia davvero, davvero molto basso, in particolare – voglio dire, se sei una persona vaccinata, indossando una mascherina all’aperto, voglio dire, ovviamente, il rischio è minuscolo.”

“È abbastanza chiaro che il rischio all’aperto sia davvero, davvero molto basso“, dice il dottor Fauci. Davvero? Allora perché il dottor Fauci non ce l’ha detto? Fauci stesso sapeva chiaramente che questo era vero. Lo ha visto ad una partita di baseball senza mascherina. Non era preoccupato. E per una buona ragione.

Anche Kamala Harris conosce chiaramente la verità. Ha fatto il vaccino, due dosi. Quindi non è preoccupata di prendere il virus. Eppure indossa la mascherina lo stesso, e ostenta il distanziamento sociale. Perché? Beh, è tutta una farsa, mantenuta per ragioni che non hanno nulla a che fare con la scienza o la salute pubblica. Questo è tutto molto ovvio ora. La domanda è: perché l’abbiamo sopportato?

Lo sappiamo da molto tempo. Lo sappiamo per certo da quasi un anno, da quel giorno dello scorso giugno in cui la cosiddetta comunità sanitaria pubblica americana si è riunita come un tutt’uno per ricordarci che le restrizioni sul Coronavirus non si applicano ai rivoltosi BLM. Sono esenti dal virus. Non ti è permesso sposarti o andare in chiesa o vedere i tuoi genitori anziani che muoiono da soli. Ma se rompi le cose per conto della struttura di potere quale è il Partito Democratico, puoi anche saccheggiare il Dollar Store e nessuno si ammala. Questa è scienza. Non è un’esagerazione, è letteralmente quello che ci hanno detto. E nel momento in cui ce l’hanno detto, sapevamo per certo che non erano seri. Allora, perché abbiamo continuato a stare al gioco? Questa è una domanda sincera. Dovremmo riflettere su questa domanda. Abbiamo acconsentito alla presa di potere. Abbiamo lasciato che accadesse. E poiché abbiamo lasciato che accadesse, molte persone si sono fatte male, e molte di queste persone erano bambini.

Le scuole di tutto il paese hanno chiuso, e quelle che sono rimaste aperte hanno costretto gli studenti a rispettare degli obblighi che alla fine li hanno danneggiati, forse in modo permanente. Durante una riunione del consiglio scolastico a Colorado Springs, un’insegnante di scuola elementare chiamata Stacy Adair ha mostrato una fotografia di come appare il volto di un bambino dell’asilo appena un’ora dopo l’inizio della giornata scolastica. La mascherina che doveva indossare era coperta di sporcizia intorno alla bocca e al naso.

“Non ho bisogno di dirvi che è molto malsano per uno studente respirare attraverso questa mascherina”

Ha detto la Adair al consiglio. Certo che lo è. Ma i funzionari l’hanno ignorata e poi hanno ribadito. “Le mascherine saranno indossate quando e dove possibile”, ha annunciato il distretto. Indossate da tutti, compresi i bambini dell’asilo.

Il governatore del Colorado è intervenuto. Basta lamentarsi, ha detto. Se continuate a lamentarvi dell’obbligo delle mascherine, ha avvertito, chiuderemo di nuovo le scuole. Così gli obblighi rimangono. La maggior parte dei bambini in Colorado deve indossare le mascherine nelle scuole di tutto lo stato, anche quando fanno sport.

Quindi, quanti bambini vengono danneggiati da tutto questo? Questa è una domanda che nessuno ha fatto, e che dovrebbe preoccuparci tutti, molto. Un medico chiamato Dr. Mary Harrow ha detto al consiglio scolastico di Colorado Springs che “i dati [sono] schiaccianti” su questo argomento.

Le mascherine, ha detto, possono:

“causare bassi livelli di ossigeno e alti livelli di anidride carbonica, mancanza di respiro, tossicità, infiammazione, aumento degli ormoni dello stress e degli zuccheri nel corpo, e creare paura, ansia, mal di testa, prestazioni cognitive compromesse ed altri problemi”.

Avevate davvero bisogno di un laureato in medicina per saperlo? Le persone hanno bisogno di aria fresca, specialmente i bambini. Privateli dell’aria fresca e farete loro del male. Lo sapevate, lo sapevamo tutti, è ovvio.

Forse perché è così ovvio, chiunque lo dica ad alta voce rischia di essere licenziato per averlo detto ad alta voce. All’inizio di questo mese, abbiamo parlato con un allenatore di atletica del New Hampshire che è stato licenziato per questo:

Bradley Keyes, ex allenatore della Pembroke Academy: “Il mio obiettivo è quello di far rimuovere questi obblighi. E non si tratta solo di atletica leggera. È il tennis. È il baseball. È ogni sport all’aperto. Le mascherine devono essere indossate in ogni momento: allenamenti e gare. Il tennis, esempio meraviglioso. Tennis in singolo. Se vai a vedere gli allenamenti, tutti indossano le mascherine. Nelle competizioni, indossano le mascherine, anche se sono a 30 o 60 piedi di distanza sui campi.”

Mascherine su un campo da tennis. Le generazioni future ci derideranno per questo, ma noi lo abbiamo permesso. Abbiamo lasciato che politici ubriachi di potere distruggessero il nostro paese in cambio della promessa di proteggerci da un virus a cui il 99% di noi sarebbe sopravvissuto comunque. A cosa stavamo pensando? Le mascherine sono sempre state incompatibili con una società libera. Una volta lo sapevamo. Le mascherine spogliano le persone della loro identità come individui. Le mascherine trasformano le persone da cittadini in droni. Ci isolano. Ci alienano. Ci isolano gli uni dagli altri. Impediscono l’intimità e il contatto umano. Se non posso vedere la tua faccia, non posso conoscerti. Le mascherine sono per i colpevoli. Sono pregne di vergogna e sottomissione. Fino a poco tempo fa, molte giurisdizioni avevano delle leggi contro chi si copriva il viso in pubblico. Solo i Klansmen e i rapinatori armati indossavano qualcosa per coprirsi il volto. Il resto di noi mostrava la faccia. Eravamo persone libere.

Ma poi abbiamo ceduto alle richieste di persone come Eric Garcetti, e poiché abbiamo ceduto, questa versione grottesca di Halloween è andata avanti per più di un anno. Va ancora avanti.

Nemmeno Anthony Fauci finge più che le mascherine siano medicalmente necessarie. Invece, ora sono puramente un segno di obbedienza politica, come le spille di Kim Il Sung a Pyongyang. Le indossiamo perché dobbiamo. Le uniche persone che indossano volontariamente le mascherine fuori sono i fanatici e i nevrotici. Quanto sono nevrotici?

Beh, lo sappiamo. Un sondaggio Pew dello scorso marzo ha scoperto che al 64% degli americani bianchi che si classificano come “liberal” o “molto liberal” è stata diagnosticata questa reale patologia per la salute mentale.

E li si vede ovunque quando si cammina per le strade di qualsiasi grande città. Osate andare a piedi dalla Union Station al Campidoglio, per esempio, a Washington, senza una mascherina, e gli elettori arrabbiati di Biden vi sbufferanno in segno di disapprovazione. “Come hai potuto?”, diranno da dietro la garza.

“Come hai potuto tu per primo?” Questo è quello che dovremmo rispondergli. Il resto di noi dovrebbe sbuffare contro di loro per primo. Sono loro gli aggressori. È nostro compito respingerli e ripristinare la società in cui siamo nati.

La prossima volta che vedi qualcuno con una mascherina sul marciapiede o sulla pista ciclabile, non esitare. Chiedete educatamente ma con fermezza:

“potrebbe per favore togliersi la mascherina? La scienza dimostra che non c’è motivo di indossarla. La tua mascherina mi mette a disagio”.

Dovremmo farlo, e dovremmo continuare a farlo, finché indossare una mascherina all’aperto non sarà socialmente accettato come accendere una Marlboro in un ascensore. È ripugnante. Non fatelo con altre persone. Questo è il messaggio che dovremmo mandare, perché è vero.

Per quanto riguarda l’obbligare i bambini a indossare le mascherine all’esterno – dovrebbe essere illegale. La vostra risposta quando vedete dei bambini che indossano le mascherine mentre giocano non dovrebbe essere diversa dalla vostra risposta quando vedete qualcuno picchiare un bambino in un supermercato: chiamate immediatamente la polizia. Contattate i servizi di protezione dell’infanzia. Continuate a chiamare finché non arriva qualcuno. Quello che state vedendo è un abuso. È un abuso sui bambini e voi siete moralmente obbligati a cercare di prevenirlo. Se sono i tuoi figli ad essere abusati, agisci di conseguenza.

Supponiamo che la scuola dei vostri figli annunci per email che ogni giorno, dopo pranzo, il vostro bambino in prima media sarà preso a pugni in faccia da un insegnante. Come reagireste? Questo è esattamente il modo in cui dovreste rispondere. Pensateci. È esattamente così che dovreste reagire quando vi dicono che i vostri figli devono indossare la mascherina sul campo da calcio. Questo è inaccettabile, è pericoloso, e dovremmo comportarci come tale. Perché è così.

Ma troppo pochi di noi avrebbero risposto così. Siamo stati vergognosamente passivi. Di fronte a tutto questo, mentre le nostre città diventano sempre più folli e difficili da vivere, molti di noi hanno deciso di scappare: evitare il conflitto. Trasferirsi in periferia. Fuggire in Florida. Andare il più lontano possibile dai fanatici iper-aggressivi che cambiano tutto in peggio da un giorno all’altro. Non vuoi avere a che fare con loro. Così avete deciso di ricominciare da qualche altra parte. Ma perché? Queste persone che fanno queste richieste non possiedono l’America. Non hanno costruito l’America. Non hanno costruito nulla – non possono. E non hanno il permesso di distruggerla. E se lasciamo che distruggano le nostre città, perché pensiamo che si fermeranno lì? Se possono trasformare Brooklyn e San Francisco in campi di indottrinamento inabitabili, perché non possono farlo a Napoli o Oklahoma City o Coeur d’Alene o dovunque stiate progettando di andare? Possono farlo e lo faranno. La loro è una fede evangelica. Non si fermeranno finché non li faremo smettere. Resistere è l’unica opzione. Se non resistiamo, non c’è scampo.

Allora, come si fa a resistere?

Il primo passo è dire l’ovvio, forte e spesso:

non si tratta di scienza. Si tratta di potere politico.”

Se si trattasse di scienza, Fauci e Kamala Harris sarebbero felici di sentire il governatore della Florida Ron DeSantis discutere la scienza che sta dietro gli obblighi sulle mascherine con un professore di Harvard. Lo accoglierebbero con favore. Ma non l’hanno sopportato, così hanno semplicemente tolto tutto da YouTube.

Ecco una parte di ciò che hanno rifiutato di farvi sentire:

Ron DeSantis: “La dottoressa Gupta ha parlato di non mettere le mascherine ai bambini – che non è efficace, non è necessario. Martin Kulldorff, è d’accordo che non c’è motivo per loro di indossare le mascherine?”

Dr. Martin Kulldorff: “I bambini non dovrebbero indossare le mascherine, No. Non ne hanno bisogno per la loro protezione e nemmeno per proteggere le altre persone.”

Ron DeSantis: “Ah, Si?”

Medico epidemiologo dell’Università di Stanford Dr. Jay Bhattacharya: “Come si fa a insegnare ad un bambino a leggere con una mascherina sulla faccia su Zoom?”

Adesso è vietato. Scienziati che parlano di scienza. Quelli non sono più scienziati, sono dissidenti. Perché sta succedendo? Succede perché noi permettiamo che succeda. Perché facciamo nostri i loro ordini, perché interiorizziamo i loro standard.

Se domani decidessi di bruciare una bandiera americana in un parco pubblico, come reagirebbero? Beh, naturalmente, applaudirebbero. È il vostro diritto del Primo Emendamento. Combattereste la tirannia delle persone che hanno creato questo orribile paese. Come reagirebbero, invece, se domani bruciaste un mucchietto di mascherine chirurgiche in un parco pubblico? Probabilmente non gli piacerebbe. Ma anche questo è un vostro diritto.

FoxNews.com

Tucker Carlson Tonight” è un talk show americano e programma di attualità condotto dal commentatore paleoconservatore Tucker Carlson. Lo show viene trasmesso in diretta da Washington, D.C., su Fox News Channel alle 8:00 P.M. ET nei giorni feriali. Lo show include tipicamente commenti politici, monologhi, interviste e analisi. Ha debuttato come programma nella lineup di Fox News Channel il 14 novembre del 2016. Nel luglio 2020, “Tucker Carlson Tonight” ha battuto il record di programma con il più alto indice di gradimento nella storia delle notizie via cavo degli Stati Uniti, raccogliendo un’audience media di 4,33 milioni di spettatori.

Tucker Carlson è un conduttore di Fox News. Si è unito alla rete nel 2009 come collaboratore. Sostenitore dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, si dice anche che abbia influenzato alcune decisioni politiche chiave di Trump stesso. Le sue controverse dichiarazioni su razzismo, immigrazione e femminismo hanno portato al boicottaggio degli inserzionisti contro lo show. Fiero oppositore del progressismo politico, è stato definito un “nazionalista” ed un “paleoconservatore”. È un critico dell’immigrazione. Originariamente sostenitore della politica economica libertaria, ha poi criticato l’ideologia come “controllata dalle banche” ed è diventato un “protezionista”. È anche uno scettico sugli interventi all’estero degli Stati Uniti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...