Corte Suprema

§ Articolo aggiornato al 9 Luglio 2021

  • La Corte Suprema degli Stati Uniti d’America (Supreme Court of the United States, abbreviato SCOTUS) è stata istituita il 24 settembre 1789 come la più alta corte federale degli Stati Uniti.
  • È l’unico tribunale specificatamente disciplinato dalla Costituzione americana.
  • I giudici della Corte Suprema sono nove: un Presidente, Chief Justice of the United States, ed otto membri, gli Associates Justices, nominati a vita.

Articoli sulla Corte Suprema

I Repubblicani del Congresso chiedono alla Corte Suprema di rovesciare Roe vs. Wade

I repubblicani del Congresso chiedono alla Corte Suprema di rovesciare Roe vs. Wade 228 legislatori repubblicani hanno firmato una petizione indirizzata alla Corte Suprema, sollecitando i giudici a rovesciare “Roe vs. Wade“, la sentenza che nel 1973 che ha legalizzato l’aborto in tutti e i 50 stati degli Stati Uniti. I giudici esamineranno il documento… Continua a leggere I Repubblicani del Congresso chiedono alla Corte Suprema di rovesciare Roe vs. Wade

continua…

Una Corte Suprema cautamente conservatrice

Articolo tratto e tradotto da un commento di David B. Rivkin Jr. e Andrew M. Grossman del Wall Street Journal e adattato alla comprensione di un pubblico italiano. Le linee ideologiche risultano essere più fluide di quanto i critici avessero immaginato quando Amy Coney Barrett fu nominata. “Ogni volta che un nuovo giudice arriva alla Corte Suprema”, diceva… Continua a leggere Una Corte Suprema cautamente conservatrice

continua…

Nuove accuse contro Brett Kavanaugh: quell’”oltraggiosa” omissione del New York Times!

Un nuovo libro – anticipato dal New York Times – racconta altri presunti casi di molestie sessuali del giudice della Corte Suprema statunitense… ma è tutta una balla! Non c’è pace per Brett Kavanaugh. Quando, nel luglio 2018, il Presidente Trump lo ha nominato alla Corte suprema, per succedere al dimissionario Justice Kennedy, al netto… Continua a leggere Nuove accuse contro Brett Kavanaugh: quell’”oltraggiosa” omissione del New York Times!

continua…

* * *

Composizione

Giudici Conservatori

*

John G. Roberts, Jr.

Presidente della Corte Suprema

Nato a Buffalo, New York, il 27 gennaio 1955. Ha sposato Jane Marie Sullivan nel 1996 ed insieme hanno due figli, Josephine e Jack. Ha ricevuto un A.B. dall’Harvard College nel 1976 e un J.D. dalla Harvard Law School nel 1979. Ha lavorato come assistente legale del giudice Henry J. Friendly della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Secondo Circuito dal 1979 al 1980 e come assistente legale dell’allora giudice associato William H. Rehnquist della Corte Suprema degli Stati Uniti dal 1980. È stato Assistente Speciale del Procuratore Generale presso il Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti dal 1981-1982, Consigliere Associato del Presidente Ronald Reagan presso l’Ufficio del Consiglio della Casa Bianca dal 1982-1986, e Principal Vice Solicitor General del Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti dal 1989-1993. Dal 1986-1989 e dal 1993 al 2003 ha esercitato la professione di avvocato a Washington, D.C. È stato nominato alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia nel 2003. Il presidente George W. Bush lo ha nominato Presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti e si è insediato il 29 settembre 2005.

*

Clarence Thomas

giudice associato

Nato nella comunità di Pinpoint vicino a Savannah, in Georgia, il 23 giugno 1948. Ha sposato Virginia Lamp il 30 maggio 1987 e ha un figlio, Jamal Adeen da un precedente matrimonio. Ha frequentato il Conception Seminary dal 1967 al 1968 e ha ricevuto una laurea con lode al College of the Holy Cross nel 1971 e un dottorato alla Yale Law School nel 1974. È stato ammesso alla pratica legale nel Missouri nel 1974, ed è stato assistente del procuratore generale del Missouri, 1974-1977; avvocato della Monsanto Company, 1977-1979; e assistente legislativo del senatore John Danforth, 1979-1981. Dal 1981-1982 ha servito come assistente segretario per i diritti civili presso il Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti, e come presidente della U.S. Equal Employment Opportunity Commission, 1982-1990. Dal 1990-1991 è stato giudice della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia. Il presidente George H. W. Bush lo ha nominato giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti e si è insediato il 23 ottobre 1991.

*

Samuel A. Alito, Jr.

giudice associato

Nato a Trenton, New Jersey, il 1° aprile 1950. Ha sposato Martha-Ann Bomgardner nel 1985, e ha due figli – Philip e Laura. È stato assistente legale di Leonard I. Garth della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Terzo Circuito dal 1976 al 1977. È stato Assistente del Procuratore degli Stati Uniti, Distretto del New Jersey, 1977-1981, Assistente del Solicitor General del Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti, 1981-1985, Vice Assistente del Procuratore Generale presso il Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti, 1985-1987, e Procuratore degli Stati Uniti, Distretto del New Jersey, 1987-1990. È stato nominato alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Terzo Circuito nel 1990. Il presidente George W. Bush lo ha nominato giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti e si è insediato il 31 gennaio 2006.

*

Neil M. Gorsuch

giudice associato

Nato a Denver, Colorado, il 29 agosto 1967. Lui e sua moglie Louise hanno due figlie. Ha ricevuto un B.A. dalla Columbia University, un J.D. dalla Harvard Law School e un D.Phil. dalla Oxford University. Ha lavorato come assistente legale del giudice David B. Sentelle della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia e come assistente legale del giudice Byron White e del giudice Anthony M. Kennedy della Corte Suprema degli Stati Uniti. Dal 1995 al 2005 ha esercitato la professione forense e dal 2005 al 2006 è stato Principal Deputy Associate Attorney General presso il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. È stato nominato alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Decimo Circuito nel 2006. È stato membro del Comitato permanente per le regole di pratica e procedura della Conferenza giudiziaria degli Stati Uniti e presidente del Comitato consultivo per le regole di procedura d’appello. Ha insegnato alla University of Colorado Law School. Il presidente Donald J. Trump lo ha nominato giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti e si è insediato il 10 aprile 2017.

*

Brett M. Kavanaugh

giudice associato

Nato a Washington, D.C., il 12 febbraio 1965. Ha sposato Ashley Estes nel 2004 e hanno due figlie, Margaret e Liza. Ha ricevuto un B.A. dallo Yale College nel 1987 e un J.D. dalla Yale Law School nel 1990. Ha lavorato come assistente legale per il giudice Walter Stapleton della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Terzo Circuito dal 1990-1991, per il giudice Alex Kozinski della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Nono Circuito dal 1991-1992, e per il giudice Anthony M. Kennedy della Corte Suprema degli Stati Uniti nel 1993. Nel 1992-1993 è stato avvocato presso l’Ufficio del Solicitor General degli Stati Uniti. Dal 1994 al 1997 e per un periodo nel 1998, è stato Associate Counsel presso l’Office of Independent Counsel. È stato socio di uno studio legale di Washington, D.C., dal 1997 al 1998 e di nuovo dal 1999 al 2001. Dal 2001 al 2003 è stato consigliere associato e poi consigliere associato senior del presidente George W. Bush. Dal 2003 al 2006 è stato assistente del presidente e segretario dello staff del presidente Bush. È stato nominato giudice della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia nel 2006. Il presidente Donald J. Trump lo ha nominato giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti e si è insediato il 6 ottobre 2018.

*

Amy Coney Barrett

giudice associato

Nata a New Orleans, Louisiana, il 28 gennaio 1972. Ha sposato Jesse M. Barrett nel 1999 e hanno sette figli: Emma, Vivian, Tess, John Peter, Liam, Juliet e Benjamin. Ha ricevuto un B.A. dal Rhodes College nel 1994 e un J.D. dalla Notre Dame Law School nel 1997. Ha lavorato come assistente legale per il giudice Laurence H. Silberman della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito di Washington dal 1997 al 1998, e per il giudice Antonin Scalia della Corte Suprema degli Stati Uniti nel 1998. Dopo due anni di pratica legale forense a Washington, D.C., è diventata professore di diritto presso la facoltà di Notre Dame Law School nel 2002. È stata nominata giudice della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Settimo Circuito nel 2017. Il presidente Donald J. Trump l’ha nominata giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti e si è insediata il 27 ottobre 2020.

* * *

Giudici Progressisti

*

Stephen G. Breyer

giudice associato

Nato a San Francisco, California, il 15 agosto 1938. Ha sposato Joanna Hare nel 1967 e ha tre figli: Chloe, Nell e Michael. Ha ricevuto un A.B. dalla Stanford University, un B.A. dal Magdalen College, Oxford, e un LL.B. dalla Harvard Law School. Ha lavorato come assistente legale del giudice Arthur Goldberg della Corte Suprema degli Stati Uniti durante il suo mandato nel 1964, come assistente speciale dell’Assistant Attorney General degli Stati Uniti per l’Antitrust, 1965-1967, come assistente del procuratore speciale del Caso Watergate, nel 1973, come consigliere speciale della commissione giudiziaria del Senato degli Stati Uniti, 1974-1975, e come consigliere capo della commissione, 1979-1980. È stato assistente, professore di diritto e docente alla Harvard Law School, 1967-1994, professore alla Harvard University Kennedy School of Government, 1977-1980, e visiting professor al College of Law, Sydney, Australia e all’Università di Roma. Dal 1980 al 1990 è stato giudice della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Primo Circuito e giudice capo nel 1990-1994. È stato anche membro della Judicial Conference of the United States, 1990-1994, e della United States Sentencing Commission, 1985-1989. Il presidente Bill Clinton lo ha nominato giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti e si è insediato il 3 agosto 1994.

*

Sonia Sotomayor

giudice associato

Nata nel Bronx, New York, il 25 giugno 1954. Ha conseguito una laurea nel 1976 presso la Princeton University, laureandosi summa cum laude e ricevendo il più alto riconoscimento accademico dell’università. Nel 1979, ha conseguito un dottorato alla Yale Law School, dove è stata redattrice dello Yale Law Journal. Ha lavorato come assistente del procuratore distrettuale della Contea di New York dal 1979 al 1984. In seguito si è occupata di questioni commerciali internazionali a New York City presso Pavia & Harcourt, dove è stata associata e poi partner dal 1984 al 1992. Nel 1991, il presidente George H.W. Bush l’ha nominata alla Corte distrettuale degli Stati Uniti, distretto meridionale di New York, e ha ricoperto questo ruolo dal 1992 al 1998. È stata giudice della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Secondo Circuito dal 1998-2009. Il presidente Barack Obama l’ha nominata giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti e si è insediata l’8 agosto 2009.

*

Elena Kagan

giudice associato

Nata a New York, il 28 aprile 1960. Si è laureata all’Università di Princeton nel 1981, ha conseguito un master alla Oxford University nel 1983 e un dottorato alla Harvard Law School nel 1986. Ha lavorato per il giudice Abner Mikva della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito di Washington dal 1986 al 1987 e per il giudice Thurgood Marshall della Corte Suprema degli Stati Uniti nel 1987. Dopo aver esercitato brevemente la professione di avvocato in uno studio legale di Washington, D.C., è diventata professore di diritto, prima alla University of Chicago Law School e poi alla Harvard Law School. Ha anche servito per quattro anni nell’amministrazione del presidente Bill Clinton, come consigliere associato del presidente e poi come vice assistente del presidente per la politica interna. Tra il 2003 e il 2009 è stata preside della Harvard Law School. Nel 2009, il presidente Barack Obama l’ha nominata Solicitor general degli Stati Uniti. Un anno dopo, il presidente l’ha nominata giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti e si è insediata il 7 agosto 2010.

* * *

§ Le informazioni contenute in questa pagina provengono dal sito web ufficiale della Corte Suprema degli Stati Uniti d’America, (SCOTUS.gov) cui rimandiamo per un ulteriore approfondimento personale.

Il ruolo della Corte Suprema

L’Articolo 3, §1, della Costituzione prevede che “[i] giudici della Corte suprema sia di quelle inferiori, conserveranno le loro cariche finché manterranno buona condotta, e riceveranno per i loro servizi, a tempi prestabiliti, un compenso che non potrà esser diminuito durante la loro permanenza in carica.”

Origine costituzionale

L’Articolo 3, §1, della Costituzione prevede che “Del potere giudiziario degli Stati Uniti saranno investite una Corte Suprema e le Corti inferiori che il Congresso potrà di volta in volta istituire e disciplinare”. La Corte Suprema degli Stati Uniti è stata creata in conformità con questa disposizione e con l’autorità del Judiciary Act del 24 settembre 1789 (1 Stat. 73). Fu organizzata il 2 febbraio 1790.

Giurisdizione

Secondo la Costituzione (Art. 3, §2): “Il potere giudiziario si estenderà a tutti i casi, di diritto e di equità, derivanti da questa Costituzione, dalle leggi degli Stati Uniti e dai trattati stipulati, o che saranno stipulati, sotto la loro autorità; – a tutti i casi riguardanti ambasciatori, altri rappresentanti diplomatici e consoli; – a tutti i casi di giurisdizione marittima e di ammiragliato; – alle controversie in cui gli Stati Uniti sono parte in causa; alle controversie tra due o più Stati; tra uno Stato e i cittadini di un altro Stato; tra cittadini di Stati diversi; tra cittadini dello stesso Stato che rivendicano terre in base a concessioni di Stati diversi, e tra uno Stato, o i suoi cittadini, e Stati, cittadini o soggetti stranieri.

In tutte le cause che riguardano ambasciatori, altri ministri pubblici e consoli, e quelle in cui uno Stato è parte in causa, la Corte suprema avrà giurisdizione originale. In tutti gli altri casi prima menzionati, la Corte suprema avrà giurisdizione d’appello, sia per quanto riguarda la legge che i fatti, con le eccezioni e secondo i regolamenti che il Congresso stabilirà”.

La giurisdizione d’appello è stata conferita alla Corte Suprema da vari statuti, sotto l’autorità data al Congresso dalla Costituzione. Lo statuto di base efficace in questo momento nel conferire e controllare la giurisdizione della Corte Suprema può essere trovato nel Titolo 28 U.S.C. §1251 e seguenti, e in vari statuti speciali.

Il Potere di regolamentare

Il Congresso ha di tanto in tanto conferito alla Corte Suprema il potere di prescrivere regole di procedura che devono essere seguite dalle corti inferiori degli Stati Uniti. Vedi Titolo 28 U.S.C. §2071 e seguenti.

Le Sessioni ed il calendario dei lavori

Le Sessioni della Corte Suprema iniziano, per legge, il primo lunedì di ottobre e durano fino al primo lunedì di ottobre dell’anno successivo. Ad ogni sessione, una media di 7.000-8.000 nuovi casi sono depositati presso la Corte Suprema. Questo è un volume di casi sostanzialmente maggiore di quello presentato alla Corte nel secolo precedente. Nel 1950, per esempio, la Corte ha ricevuto solo 1.195 nuovi casi, ed anche recentemente, nel 1975, solo 3.940. La Plenary review, con discussioni orali da parte degli avvocati, è attualmente concessa in circa 80 di questi casi ad ogni sessione, e la Corte tipicamente dispone di circa 100 o più casi senza Plenary review. La pubblicazione delle opinioni scritte di ogni trimestre, comprese le opinioni concordi, le opinioni dissenzienti e le ordinanze, può occupare migliaia di pagine. Durante il processo di redazione, alcune opinioni possono essere riviste una dozzina o più volte prima di essere annunciate.

* * *

La Corte Suprema e l’interpretazione della Costituzione

“La repubblica resiste e questo è il simbolo della sua fede”.

  • GIUDICE CHARLES EVANS HUGHES
    Cornerstone Address – Edificio della Corte Suprema

EGUALE GIUSTIZIA SOTTO LA LEGGE” – Queste parole, scritte sopra l’ingresso principale dell’edificio della Corte Suprema, esprimono la responsabilità ultima della Corte Suprema degli Stati Uniti. La Corte è il più alto tribunale della nazione per tutti i casi e le controversie derivanti dalla Costituzione o dalle leggi degli Stati Uniti. Come arbitro ultimo della legge, la Corte è incaricata di assicurare al popolo americano la promessa di una giustizia uguale per tutti secondo la legge e, quindi, funziona anche come custode ed interprete della Costituzione.

La Corte Suprema è “distintamente americana nel concetto e nella funzione”, come ha osservato il giudice capo Charles Evans Hughes. Poche altre corti nel mondo hanno la stessa autorità di interpretazione costituzionale e nessuna l’ha esercitata così a lungo o con così tanta influenza. Un secolo e mezzo fa, l’osservatore politico francese Alexis de Tocqueville notò la posizione unica della Corte Suprema nella storia delle nazioni e della giurisprudenza. “Il sistema rappresentativo di governo è stato adottato in diversi stati d’Europa”, ha osservato, “ma non sono a conoscenza del fatto che nessuna nazione del mondo abbia finora organizzato un potere giudiziario allo stesso modo degli americani […] Un potere giudiziario più imponente non è mai stato costituito da nessun popolo”.

La posizione unica della Corte Suprema deriva, in gran parte, dal profondo impegno del popolo americano nei confronti dello Stato di diritto e del governo costituzionale. Gli Stati Uniti hanno dimostrato una determinazione senza precedenti a preservare e proteggere la loro Costituzione scritta, fornendo così all'”esperimento americano di democrazia” la più antica Costituzione scritta ancora in vigore.

La Costituzione degli Stati Uniti è un documento attentamente equilibrato. È progettata per fornire un governo nazionale sufficientemente forte e flessibile per soddisfare le esigenze della repubblica, ma sufficientemente limitato e giusto per proteggere i diritti garantiti dei cittadini; permette un equilibrio tra il bisogno di ordine della società ed il diritto individuale alla libertà. Per assicurare questi fini, gli autori della Costituzione hanno creato tre rami di governo indipendenti e coeguali. Il fatto che questa Costituzione abbia fornito un governo democratico continuo attraverso le periodiche sollecitazioni di più di due secoli illustra il genio del sistema di governo americano.

Il complesso ruolo della Corte Suprema in questo sistema deriva dalla sua autorità di invalidare la legislazione o le azioni esecutive che, secondo il giudizio ponderato della Corte, sono in conflitto con la Costituzione. Questo potere, il c.d. “judicial review” (cioè il controllo di legittimità costituzionale) ha dato alla Corte una responsabilità cruciale nell’assicurare i diritti individuali, così come nel mantenere una “Costituzione vivente” le cui ampie disposizioni sono continuamente applicate a nuove complicate situazioni.

La funzione del judicial review non è esplicitamente prevista nella Costituzione, ma era data per acquisita già prima dell’adozione di quel documento. Prima del 1789, i tribunali statali avevano già annullato gli atti legislativi in conflitto con le costituzioni statali. Inoltre, molti dei Padri Fondatori si aspettavano che la Corte Suprema assumesse questo ruolo nei confronti della Costituzione; Alexander Hamilton e James Madison, per esempio, avevano sottolineato l’importanza del judicial review nei Federalist Papers, che sollecitavano l’adozione della attuale Costituzione.

Alexander Hamilton aveva scritto che attraverso la pratica del controllo di legittimità costituzionale la Corte assicurava che la volontà di tutto il popolo, come espressa nella loro Costituzione, sarebbe stata suprema rispetto alla volontà di un legislatore, i cui statuti potevano esprimere solo la volontà temporanea di una parte del popolo. E Madison aveva scritto che l’interpretazione costituzionale deve essere lasciata necessariamente al giudizio ragionato di giudici indipendenti, piuttosto che al tumulto e al conflitto del processo politico. Se ogni questione costituzionale dovesse essere decisa dalla contrattazione politica, sosteneva Madison, la Costituzione si ridurrebbe ad un “campo di battaglia di fazioni in competizione, passione politica e spirito di parte”.

Nonostante questo contesto, il judicial review della Corte non fu confermato fino al 1803, quando fu invocato dal presidente della Corte Suprema John Marshall in Marbury vs. Madison. In questa decisione, il presidente della Corte Suprema affermò che la responsabilità della Corte Suprema di rovesciare la legislazione incostituzionale era una conseguenza necessaria del suo giuramento di sostenere la Costituzione. Quel giuramento non poteva essere adempiuto in nessun altro modo.

In retrospettiva, è evidente che l’interpretazione e l’applicazione costituzionale erano rese necessarie dalla natura stessa della Costituzione. I Padri Fondatori avevano saggiamente formulato quel documento in termini piuttosto generali, lasciandolo aperto a future elaborazioni per soddisfare condizioni mutevoli. Come il presidente della Corte Suprema John Marshall notò in McCulloch vs. Maryland, una costituzione che tentasse di dettagliare ogni aspetto della sua applicazione “avrebbe assunto la prolissità di un codice legale e difficilmente avrebbe potuto essere accettata dalla mente umana […] La sua natura, quindi, richiede che solo i suoi grandi contorni siano segnati, i suoi importanti oggetti designati, e gli ingredienti minori che compongono quegli oggetti siano dedotti dalla natura degli oggetti stessi”.

La Costituzione limita la Corte a trattare “Casi” e “Controversie“. John Jay, il primo Presidente della Corte, ha chiarito questa limitazione all’inizio della storia della Corte rifiutando di consigliare il presidente George Washington sulle implicazioni costituzionali di una decisione di politica estera che gli aveva proposto. La Corte non dà pareri consultivi; piuttosto, la sua funzione è limitata solo a decidere casi specifici.

I giudici devono esercitare una considerevole discrezione nel decidere quali casi ascoltare, dal momento che circa 7.000-8.000 casi civili e penali sono presentati alla Corte Suprema ogni anno dalle varie corti statali e federali. La Corte Suprema ha anche una “giurisdizione originale” in un numero molto piccolo di casi derivanti da controversie tra Stati o tra uno Stato ed il governo federale.

Quando la Corte Suprema si pronuncia su una questione costituzionale, quella sentenza è praticamente definitiva; le sue decisioni possono essere modificate solo dalla procedura, raramente utilizzata, di emendatio della costituzione o da una nuova sentenza della Corte stessa. Tuttavia, quando la Corte interpreta in un certo modo una legge, può essere intrapresa una nuova azione legislativa.

Il presidente della Corte Suprema John Marshall ha espresso la sfida che la Corte Suprema affronta nel mantenere un governo libero notando: “Non dobbiamo mai dimenticare che è una costituzione che stiamo esponendo… destinata a durare nei secoli a venire e, di conseguenza, ad essere adattata alle varie crisi degli affari umani”.

* * *

La Corte Suprema e le sue procedure

Una Sessione della Corte Suprema inizia, per statuto, il primo lunedì di ottobre. Di solito le sessioni della Corte continuano fino a fine giugno o inizio luglio. Il termine è diviso tra “sittings“, quando i giudici ascoltano i casi e rilasciano le opinioni, e le “recesses“, quando considerano gli affari davanti alla Corte e scrivono le opinioni. Sittings e recesses si alternano ad intervalli di circa due settimane.

Con rare eccezioni, ad ogni parte sono concessi 30 minuti di discussione e fino a 24 casi possono essere discussi in una singola seduta. Poiché la maggior parte dei casi riguarda la revisione di una decisione di qualche altro tribunale, non c’è una giuria e non vengono ascoltati i testimoni. Per ogni caso, la Corte ha davanti a sé un registro dei procedimenti precedenti e dei fascicoli contenenti gli argomenti di ciascuna parte.

Durante il periodo di pausa, i giudici studiano i casi discussi e futuri e lavorano alle loro opinioni. Ogni settimana i giudici devono anche valutare circa 130 petizioni di revisione di sentenze di tribunali statali e federali per determinare quali casi devono essere sottoposti a revisione completa con discussioni orali da parte degli avvocati.

Quando la Corte si riunisce, le sessioni pubbliche iniziano puntualmente alle 10.00 del mattino e si concludono a mezzogiorno, con occasionali sessioni pomeridiane programmate secondo necessità. Non si tengono sessioni pubbliche il giovedì e il venerdì. Il venerdì durante e prima delle settimane di discussione, i giudici si riuniscono per discutere i casi discussi e per discutere e votare sulle petizioni di revisione.

Quando la Corte è in sessione, l’ingresso dei giudici nell’aula alle 10.00 del mattino è annunciato dal Marshal. I presenti, al suono del martelletto, si alzano e rimangono in piedi fino a quando i Giudici togati siano seduti seguendo il saluto tradizionale:

“Gli Onorevoli, il Presidente ed i Giudici Associati della Corte Suprema degli Stati Uniti. Oyez! Oyez! Oyez! Tutte le persone che hanno affari davanti all’Onorevole Corte Suprema degli Stati Uniti sono pregate di avvicinarsi e prestare la loro attenzione, perché la Corte è ora in seduta. Dio salvi gli Stati Uniti e questa onorevole Corte!”

Prima di svolgere il dibattimento in forma orale, vengono trattati gli altri affari della Corte. Il lunedì mattina questo include la pubblicazione di una lista di ordini, un rapporto pubblico delle azioni della Corte, compresa l’accettazione ed il rifiuto dei casi, e l’ammissione di nuovi membri al foro della Corte. I pareri sono tipicamente rilasciati il martedì e il mercoledì mattina ed il terzo lunedì di ogni seduta, quando la Corte sale in cattedra ma non ci sono discussioni.

La Corte mantiene questo programma ogni trimestre fino a quando tutti i casi pronti per la presentazione sono stati ascoltati e decisi. In maggio e giugno la Corte si riunisce solo per annunciare ordini ed opinioni. La Corte si ritira alla fine di giugno, ma il lavoro dei giudici è incessante. Durante l’estate continuano ad analizzare nuove petizioni per la revisione, considerano mozioni e domande, e devono fare i preparativi per i casi programmati per la discussione autunnale.

* * *

Storia e Tradizioni

Istituita dalla Costituzione degli Stati Uniti, la Corte Suprema ha iniziato a prendere forma con il passaggio del Judiciary Act del 1789 ed ha goduto di una ricca storia fin dalla sua prima assemblea nel 1790. La Corte Suprema è profondamente legata alle sue tradizioni: Dei tre rami del governo federale, la Corte è quella che assomiglia di più alla sua forma originale – un’eredità di 225 anni.

Supreme Court Historical Society

* * *

L’edificio della Corte Suprema

Il Palazzo della Corte Suprema, situato in One First Street, NE, a Washington, D.C., è la sede permanente della Corte Suprema. Completato nel 1935, l’edificio è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 16:30, ed è chiuso nei fine settimana e nelle feste federali.

* * *

Visitare la Corte Suprema

Nota: Per motivi di salute e sicurezza del pubblico e dei dipendenti della Corte Suprema, l’edificio della Corte Suprema sarà chiuso al pubblico fino a nuovo avviso. L’edificio rimarrà aperto per gli affari ufficiali. Tutte le conferenze pubbliche e i programmi per i visitatori sono temporaneamente sospesi. Si prega di consultare tutti gli annunci riguardanti il COVID-19 qui.

Il Palazzo della Corte Suprema, maestoso nelle dimensioni e ricco di ornamenti, serve sia come sede della più alta Corte della nazione che come simbolo manifesto della sua importanza come ramo di governo coeguale ed indipendente. L’edificio della Corte Suprema è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 16:30. È chiuso nei fine settimana e in tutte le feste federali.

Oltre all’Aula della Corte, delle porzioni del primo piano e del piano terra dell’edificio della Corte Suprema sono aperte al pubblico. I visitatori devono essere consapevoli che le udienze della Corte possono di tanto in tanto influenzare l’accesso del pubblico all’edificio o alterare la programmazione offerta. Si prega di controllare Today at the Court per il calendario giornaliero della Corte.

FAQ

consulta il sito della Corte Suprema (clicca qui)

Articoli sulla Corte Suprema