Il confine meridionale dell’America è stato soppresso – ma a qualcuno che comanda importa davvero?

Quello che sta succedendo lungo il Rio Grande è un problema molto più grande dell’evanescente pandemia di COVID-19.

Questo articolo è adattato dal commento di apertura di Tucker Carlson dell’edizione del 9 marzo di “Tucker Carlson Tonight”.

Dieci giorni prima delle elezioni del 2020, Mitchell Ferman, un reporter del Texas Tribune, si è imbattuto in uno spettacolo molto strano nella Contea di Starr, in Texas, che si trova proprio al confine con il Messico.

La Contea di Starr è uno dei luoghi più poveri del paese. Non molte persone la visitano, ma Ferman l’ha fatto, e ha visto più di 70 veicoli con le bandiere di Trump sfilare in parata dalla piccola città di Roma a Rio Grande City. “Tutti a bordo del treno di Trump” recitava un cartello.

Questo convoglio è stato organizzato da un uomo chiamato Roel Reyes, e nemmeno lui poteva credere all’affluenza. “Mi aspettavo 15-20 macchine al massimo”, ha detto a Ferman. Il motivo per cui Reyes non si aspettava più auto è che la Contea di Starr non è esattamente una roccaforte repubblicana. Infatti, solo quattro anni prima, Hillary Clinton aveva sconfitto Donald Trump nella Contea di Starr con un distacco di 60 punti.

Ma le cose sono cambiate e sono cambiate in fretta. Nell’arco di soli quattro anni, la Contea di Starr è passata dal “blu scuro” al quasi “rosso”. Donald Trump è arrivato a soli cinque punti da Joe Biden. È un’oscillazione di più di 50 punti. E i numeri sono ancora più drammatici nella vicina Contea di Zapata. Donald Trump ha perso la contea nel 2016 con un distacco di 33 punti, ma lo scorso novembre ha battuto facilmente Joe Biden. Questi sono grandi cambiamenti, e li state vedendo lungo tutta la Valle del Rio Grande.

Ora ai geni che guardano questi numeri a Washington, cercando di capire cosa significano, la cosa che salta subito all’occhio è che le Contee di Starr e Zapata sono in stragrande maggioranza ispaniche. La Contea di Starr è al 96% ispanica, e Zapata all’85%. Quindi come possono gli ispanici sostenere Donald Trump con numeri del genere? (Devono essere affiliati di QAnon!)

Non solo queste due contee non sono bianche, ma sono anche molto povere. Quasi un terzo dei residenti nella Contea di Starr vive in povertà. Il reddito familiare medio in entrambe le contee è inferiore a 35.000 dollari l’anno. Ma stanno votando per Trump. Cosa diavolo sta succedendo?

Beh, probabilmente stanno succedendo molte cose, ma l’immigrazione illegale incontrollata è sicuramente una di queste, probabilmente la principale. Questo è completamente sconcertante per la gente a Washington. Se sei un burocrate istruito a Yale o un organizzazione no-profit bastata a Bethesda (nel Maryland, n.d.r.), vedi tutto attraverso la lente della identity politics. Ti è stato detto di farlo, ed è inutile dire che obbedisci. Obbedisci sempre.

La maggior parte degli stranieri illegali sono ispanici. Quindi dai per scontato che la maggior parte degli ispanici sostenga l’immigrazione illegale. Questo è solo il tuo modo di pensare. Il problema è che sei un idiota. Non hai idea di che cosa stai parlando, e non hai idea di quanto sei ignorante. Come potresti saperlo? Non lasci mai Bethesda!

Il rappresentante Henry Cuellar, un Democratico del Texas, rappresenta entrambe le contee di Starr e Zapata, e vede quello che sta succedendo. Non può ignorarlo. In un’intervista a Fox News ha detto che i suoi elettori sono letteralmente sommersi dal flusso di migranti provenienti dall’America Latina e l’amministrazione Biden non sta facendo nulla per fermarlo. In effetti, stanno mentendo al riguardo.

Henry Cuellar: “Potrebbe anche essere iniziata sotto Trump, ma quando sei il presidente, tu hai il controllo della situazione, che sia un successo o un insuccesso… Penso che a febbraio avremo circa 100.000 [frontalieri]. E di nuovo, non mi interessa come la chiamiamo, ma posso dirvi questo, quei numeri di persone che vengono rilasciate, stanno volutamente nascondendo queste informazioni… Ora so che stanno portando le persone da McAllen a Laredo, le identificano a Laredo e poi le rilasciano nella mia comunità”.

Henry Cuellar dice che l’amministrazione Biden sta intenzionalmente nascondendo il numero di persone che vengono rilasciate. Ora, perché dovrebbero farlo? Quanto è grave? Di nuovo, questo è un Democratico eletto che ammette di non avere idea di quante persone stiano affluendo nella sua comunità ogni giorno perché l’amministrazione Biden sta nascondendo questa informazione.

Cuellar dovrebbe rappresentare questa zona, ma non ha idea di quante di queste persone stiano competendo con i suoi elettori per i posti di lavoro. Non ha idea di quanti di loro siano criminali. Non ha idea di quanti di loro abbiano il COVID. Nessuno lo sa. La situazione lì è troppo fuori controllo.

E non è solo Henry Cuellar ad essere arrabbiato per questo. Un altro Democratico del Texas, il senatore statale Chuy Hinojosa di McAllen, ha accusato l’amministrazione Biden di incoraggiare i clandestini a venire, cosa che ovviamente fanno.

“È peggiorata“, ha detto recentemente Hinojosa a The Hill. “Non credo, francamente, che l’amministrazione Biden sia consapevole di ciò che sta accadendo qui sul campo, il che si può capire, perché stanno arrivando e cercando di mettere la gente al corrente di ciò che sta accadendo. Ma non credo che fossero consapevoli che ce ne fossero così tanti in arrivo. La pattuglia di confine è sopraffatta. Stanno alzando le mani perché non sanno cosa fare”.

Niente di tutto questo è un problema se sei Alexandria Ocasio-Cortez. Se ci vivi davvero e sei povero, è un problema enorme.

Non dovreste nemmeno essere sorpresi da tutto questo. I nostri politici hanno capito molto tempo fa che potevano semplicemente nascondere la maggior parte dei dati rilevanti sull’immigrazione illegale e che nessuno si sarebbe preoccupato di indagare. Il numero totale di immigrati illegali che vivono negli Stati Uniti è sempre stato quello di 11 milioni “ufficiali”, per decenni. Tutti lo ripetono. Continuano a ripetere quel numero anche quando tutte le prove disponibili lo contraddicono.

Quel numero è una completa bugia. Circola una bella ricerca bipartisan là fuori che suggerisce invece che ci siano realmente almeno il doppio di quel numero di persone che vivono qui illegalmente, e forse molte di più, molto probabilmente più di 30 milioni.

Ma i giornalisti e i politici che proteggono non vanno a fondo della questione perché non li disturba. Fanno tutti parte di una classe, la classe dei professionisti. Dirigono il Partito Democratico. E più immigrazione illegale significa manodopera a basso costo per loro.

Non importa quale effetto abbia sul paese. Non importa davvero cosa fa più affollamento all’ambiente. Abbiamo circa 100 milioni di persone in più che vivono negli Stati Uniti rispetto a 30 anni fa. Cosa fa questo all’ambiente? Non importa a nessuno. A chi fa male? A loro non importa.

Naturalmente, se si è danneggiati, ci si preoccupa. Se vivi in povertà nella Valle del Rio Grande, tutto questo non è un’astrazione. I numeri reali contano molto per te.

Casey Stegall di Fox News ha recentemente fatto quello che la maggior parte dei giornalisti si rifiuta di fare. È andato al confine per cercare di capire la portata dell’ondata di immigrazione illegale che si è intensificata da quando Joe Biden è diventato presidente.

Questa è ovviamente una crisi umanitaria, sia per gli americani che per i migranti stessi. Che cosa è successo a “Quei bambini in gabbia! Tutti quei minori non accompagnati! Forse alcuni non hanno i genitori con loro!”? Non importa più a nessuno.

È ipocrisia, sì, ma è così evidente che devi concludere che l’ipocrisia stessa non sia il punto. Ti umiliano e ti logorano ignorando le loro stesse dichiarazioni del passato e sbuffandoti davanti con la loro nuova agenda.

Come Cuellar ha sottolineato, tutto questo è intenzionale nel modo in cui stanno nascondendo i dati, così come la completa inversione a 180° sulle sovraffollate strutture per i bambini. Le persone che vivono nelle Contee di Starr e Zapata hanno votato in quel modo per una ragione. Vi sorprende che ora vengano “puniti” per questo? Non dovrebbero essere puniti.

Questa è una storia più grande del solo Texas meridionale. Non colpisce solo le città di confine nella Valle del Rio Grande. Quello che state vedendo è un attacco a un’intera classe sociale, un attacco ai lavoratori; quelli che sono stati più danneggiati dal COVID, quelli che hanno visto le loro vite distrutte dopo un anno di incoerenti obblighi e regolamenti sanitari fatti da incompetenti che si atteggiano ad esperti. Tanto per rinfacciare, nel caso vi sia sfuggito il punto, l’amministrazione chiede che i cittadini americani rimangano sotto l’egida delle norme anti COVID-19 mentre gli stranieri che vivono qui illegalmente possono fare essenzialmente quello che vogliono.

Gli immigrati illegali, alcuni infettati dal Coronavirus, possono salire su un autobus e partire. Chi sa dove vanno? Nessuno. Nessuno controlla. Questo sarebbe “razzismo“.

Nel frattempo, una mamma in Ohio osa guardare la partita di calcio di suo figlio seduta da sola sugli spalti. E per farlo, viene colpita con il taser, sbattuta a terra ed arrestata perché non indossava la mascherina d’obbedienza.

È terribile a tutti i livelli e, se i media funzionassero, lo denuncerebbero. Ma invece, i nostri media creano dei diversivi in modo che non vi accorgiate di quello che sta succedendo. Joy Reid, la “signora dell’anti-razzismo” della MSNBC, che sostiene di essere oppressa nonostante sia stata educata ad Harvard, vi dirà che non avete alcun diritto morale di preoccuparvi del COVID-19.

Joy Reid, il 4 Marzo: “Sapete chi è il peggiore in assoluto? Il governatore del Texas Greg Abbott. Sì, è un recidivo. Sta sviando le critiche dispensando xenofobia anti-immigrati… Per questa affermazione assurdamente razzista, il governatore Abbott è il peggiore in assoluto per la seconda volta questa settimana.”

Un’affermazione assurdamente razzista“, dice la signora dell’anti-razzsomo di Harvard. Prendere precauzioni contro il COVID-19 è razzista. Proprio l’altro giorno ci dicevano esattamente il contrario. Domani ci diranno qualcosa di completamente diverso.

Non capiscono niente di tutto questo. Forse dovremmo ignorarli. Quello che conta davvero è evitare che il nostro paese vada in pezzi. E in questo momento, effettivamente, non abbiamo un confine meridionale. Questo è un problema molto più grande del COVID-19.

FoxNews.com

Un pensiero su “Il confine meridionale dell’America è stato soppresso – ma a qualcuno che comanda importa davvero?

I commenti sono chiusi.