Obamagate: La guerra segreta di Barack Obama contro Donald Trump

Il libro-inchiesta che racconta cosa è successo dietro le quinte dello scandalo Russia-Gate sulla presunta collusione tra Donald Trump e la Russia per interferire nelle elezioni americane.

Obamagate” è un termine coniato da Donald Trump nel maggio 2020 con un tweet e subito diventato virale in rete. Mentre l’Italia era in pieno lockdown, negli USA facevano scalpore le trascrizioni degli interrogatori della commissione “Intelligence Oversight Committee”. Dalle carte emergeva il coinvolgimento diretto di Barack Obama nelle indagini sul generale Michael Flynn, che stava per entrare nell’Amministrazione Trump come DNI (Director of National Intelligence).

Gianluca Borrelli ha approfondito la vicenda dopo aver visto come le notizie sul caso venivano riportate in maniera distorta e parziale dalla stampa italiana. Nell’inchiesta di Borrelli emerge in maniera evidente l’enorme differenza tra le dichiarazioni pubbliche di politici e ufficiali delle varie agenzie governative, e quelle fatte sotto giuramento.

Un’inchiesta accurata e puntualmente documentata che propone una visione diversa rispetto a quella ripresa dalla stampa italiana, indispensabile per chiunque voglia conoscere questa vicenda con spirito critico e senza risposte preconfezionate.

Alla base di questo castello di carte c’è solo un termine: propaganda. Quando quasi tutti i media sono allineati nel raccontare una versione dei fatti, arricchita con insinuazioni e menzogne, può succedere che una clamorosa montatura diventi una verità acclarata. Lo scopo di tutto questo, come sempre, è il potere.

Borelli ha scavato tra le carte di quello che potremmo definire un moderno “Games of Thrones” in cui tutto è concesso pur di sedere sul “Trono di Spade” della nazione più potente del mondo.

Dai documenti via via desecretati viene fuori un quadro inquietante nel quale diversi personaggi legati all’Amministrazione di Barack Obama hanno cospirato per creare una narrativa falsa contro Donald Trump in modo da impedirne l’elezione prima e da minare l’azione di governo poi.

John Brennan, il capo della CIA sotto Obama, scrive di suo pugno nell’agosto del 2016

C’è l’approvazione di Hillary Clinton a proposito della proposta fatta da un suo consigliere straniero (il nome di questa persona è ancora tenuto segreto) per DIFFAMARE (ha scritto proprio diffamare, n.d.r.) Trump creando uno scandalo riguardante l’interferenza dei servizi segreti russi.

Lo scopo di tutto questo era, inizialmente, quello di spostare l’attenzione del pubblico dallo scandalo del server privato delle email della Clinton. Successivamente, una volta perse le elezioni, lo scopo è diventato quello di minare l’azione politica di Trump e, possibilmente, di portarlo all’Impeachment.

Gianluca Borrelli (informazioni sull’autore) – Salernitano, ingegnere delle telecomunicazioni, da sempre è appassionato di politica, soprattutto americana. Ha vissuto e lavorato per anni all’estero tra Irlanda e Inghilterra. È fondatore ed editore di Termometro Politico.

Acquista ora il libro-inchiesta di Gianluca Borrelli per saperne di più!

Amazonclicca quie-book
Koboclicca quie-book
GooglePlayclicca quie-book
AppleBooksclicca quie-book

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...