Gli elettori più giovani scelgono Biden, ma senza entusiasmo. Trump più apprezzato tra i Millennials

Una nuova analisi dei sondaggi mostra le principali differenze per razza e sesso tra la “Gen Z” e i c.d. “Millennials”.

Ad ogni ciclo elettorale, gli strateghi politici dei Democratici si scervellano su come motivare un blocco elettorale che è sì affidabile nel sostenerli politicamente ma anche estremamente inaffidabile nel presentarsi poi effettivamente a votare: i giovani.

Quest’anno non fa eccezione. Esistono programmi per la registrazione. Concerti. Billie Eilish. Barack Obama scherza con Childish Gambino. Più annunci che noi diremmo “per il sociale” di tante celebrità più di quante sono le emoji.

Ma cosa dicono in realtà gli elettori più giovani ai sondaggisti riguardo alle elezioni – e cosa pensano delle loro scelte su chi sarà il loro futuro Presidente?

Una nuova analisi esclusiva condotta per Quibi ed NBC News ha raccolto dati su più di 2.000 giovani elettori intervistati nei sondaggi NBC News/Wall Street Journal da gennaio ad agosto di quest’anno.

I dati mostrano che, mentre gli elettori più giovani affermano in modo schiacciante che sceglieranno Joe Biden piuttosto che Donald Trump, essi non sono nemmeno poi così “innamorati” di “Uncle Joe”.

Ecco cinque cose che la nuova analisi ci dice sulla Generazione Z (i ragazzi di età tra i 18-23 che andranno – forse – molti dei quali andranno a votare per la prima volta) e sugli elettori c.d. Millennials (quelli di età tra i 24-39 e che hanno già votato almeno una volta).

1. Sì, i giovani preferiscono votare per Biden invece che per Trump

Gli elettori più giovani hanno storicamente sempre gravitato più verso i Democratici. Nel 2016, gli exit poll hanno mostrato che gli elettori sotto i 30 anni avevano scelto Hillary Clinton con un margine di 18 punti, mentre quelli tra i 30 e i 40 anni l’hanno preferita con un margine di 11 punti su Donald Trump.

Quest’anno, secondo il nuovo set di dati, Joe Biden godrebbe di un vantaggio ancora più robusto tra gli elettori più giovani in un confronto “testa a testa” con Donald Trump.

Tra gli elettori della Gen Z (che costituiscono circa il 7% dell’elettorato, sulla base dei dati aggregati), Joe Biden sarebbe in testa in un confronto “testa a testa” di ben 24 punti, con il 57% contro il 33% di Donald Trump.

Tra i Millennials (che costituiscono circa il 25% dell’elettorato), Joe Biden è in testa di 20 punti, al 55% contro il 35% di Donald Trump.

2. Trump è impopolare, ma anche Biden è sott’acqua

Nel complesso, i margini di preferenza verso Donald Trump e quelli di approvazione del suo operato tra le giovani generazioni sono piuttosto cupi.

Tra quelli più giovani, la Gen Z, il 59% vede il Presidente in modo negativo, rispetto al solo 27% che lo vede positivamente. Questo è un punteggio netto negativo di meno 32 punti.

Tra i Millennial, invece, il quadro è solo marginalmente migliore; il 57% lo vede complessivamente negativamente, mentre solo il 32% lo vede positivamente, per un punteggio netto negativo di meno 25 punti.

Ma se Joe Biden non è così detestato come Donald Trump, è tutt’altro che amato.

Solo il 26% degli elettori della Gen Z lo vede positivamente (un punto in più di Trump n.d.r.) mentre il 41% lo vede negativamente, per un punteggio netto negativo di meno 15 punti.

Tra i Millennial, raccoglie un giudizio positivo tra il 29%, mentre ne raccoglie uno negativo al 41%, per un punteggio netto negativo di meno 12 punti. (Incredibile a dirsi, ma secondo questa analisi, Trump è più apprezzato tra i Millennials rispetto a Joe Biden, n.d.r.)

Tra le fasce di elettori che invece raccolgono quelli che sono i genitori ed i nonni di queste giovani generazioni, questi sono significativamente meno “cupi” verso Biden. Sia i Baby Boomer (quelli di età compresa tra 56 e 74 anni) che quelli della Silent Generation (quelli con più di 75 anni) danno a Biden un, lieve, punteggio netto positivo positivo.

3. C’è un grande divario tra i giovani bianchi e i giovani di colore

Gli elettori di colore più giovani incontrano meno probabilità rispetto alle loro controparti bianche di avere un’opinione negativa su Joe Biden e sono molto meno propensi a scegliere Donald Trump in un test di voto “testa a testa”.

Tra gli elettori di colore della Gen Z e dei Millennials, meno di un terzo (34% e 27% rispettivamente) vede Biden negativamente. Mentre il 47% degli elettori bianchi della Gen Z e dei Millennials dà a Biden il pollice in giù.

Il divario è ancora più netto quando si tratta di scegliere per chi votare.

Sia per la Gen Z che per i Millennials bianchi, il 42% afferma che sceglierebbe Donald Trump invece che Joe Biden. Ma solo il 22% degli elettori di colore della Gen Z – ed il 19% dei Millennials di colore – afferma di voler votare per Donald Trump.

4. Le ragazze stanno in maniera schiacciante dalla parte di Biden. Ma tra i ragazzi, la differenza è meno marcata.

I sondaggi nazionali, nel complesso, mostrano un significativo divario di genere nella corsa, ed i giovani elettori non fanno eccezione.

Le ragazze sono molto più nette nella loro scelta, secondo questi dati: le ragazze che, tra la Gen Z, sostengono Joe Biden sono in un rapporto di 3 a 1, il 69% contro il 25% di Donald Trump.

E un quadro simile lo troviamo anche tra le ragazze Millennials, che scelgono Biden con il 65%, contro il 28% di Donald Trump.

Tra i ragazzi, Joe Biden è avanti appena.

Tra i ragazzi della Gen Z, Joe Biden batte il Presidente con solo il 44%, a fronte di un 42% di Donald Trump, in un confronto “testa a testa”.

Tra i ragazzi Millennials, il rapporto è simile: 45% per Biden al 42% per Trump.

5. Gli elettori più giovani della Gen Z sono la generazione rappresentata in maniera più diversificata

Complessivamente, delle migliaia di intervistati finora raggiunti dal sondaggio NBC/Wall Street Journal quest’anno, circa un quarto erano afroamericani.

Ma tra i due gruppi dei più giovani, nella Gen Z gli afroamericani intervistati ricoprivano una quota molto maggiore, il 40%.

Ciò può essere paragonato al 29% di afroamericani tra gli intervistati fra i Millennials, il 24% degli elettori della Generazione X, il 17% dei Boomers e il 19% della Silent Generation.

NBCnews.com

N.B. Gli afroamericani sono complessivamente il 13,4% della popolazione americana. Tra la Gen Z e i Millennials gli afroamericani rappresentano il 13,8%.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...