La ‘deregulation’ di Trump ha funzionato: -11% sul costo dei farmaci

Un rapporto del Council of Economic Advisers (CEA) della Casa Bianca pubblicato questa settimana ha rilevato che i prezzi dei farmaci sono diminuiti di oltre l’11% sotto il Presidente Donald Trump.

In un report del Council of Economic Advisers (CEA), si può leggere come la riduzione dei cavilli burocratici imposti dal Presidente Donald Trump appena insediato alla Casa Bianca, e l’approvazione del “Drug Competition Action Plan” abbiano ridotto il prezzo dei farmaci dell’11% dal 2017 ad oggi, con un risparmio pari a circa 32 miliardi di dollari l’anno.

Il Department of Health and Human Services (HHS) e la Food and Drugs Administration (FDA) hanno lavorato molto sulla riduzione delle barriere all’entrata, facilitando di conseguenza la competizione. Anche il CEA ha confermato che le riforme stanno migliorando “la possibilità di scelta e la concorrenza sul prezzo nel mercato biofarmaceutico”.

Stimiamo che i risultati di queste azioni consentiranno ai consumatori di risparmiare quasi il 10% sui farmaci generici distribuiti al dettaglio, il che si traduce in un aumento di 32 miliardi di dollari all’anno nel potere d’acquisto dei redditi degli americani 

Il primo effetto di questa decisione è la riduzione dell’inflazione di questo paniere di beni, anche rispetto a quello sotto l’amministrazione precedente di Barack Obama.

Stabilizzazione dei prezzi. Copiright Cea-White House

La seconda mossa determinate per questo successo, è stato l’aumento dell’approvazione da parte dell’FDA dei farmaci generici. Questo ha comportato che, da gennaio 2017, l’approvazione dei farmaci ha registrato un + 17% ogni mese, superando di gran lunga il trend dell’amministrazione precedente.

Andamento nuovi farmaci generici introdotti sul mercato.Copiright Cea-White House

Con la scadenza dei brevetti e l’aumento dei medicinali generici, il mercato farmaceutico ha risposto non solo con la riduzione generale dei prezzi ma anche con una riduzione del consumo, in quanto si sono ridotte fortemente le spese per la pubblicità.

Riduzione del prezzo all’aumentare del numero di produttori. Copiright Cea-White House

L’effetto principale di queste riforme è stata l’accelerazione della creazione di nuovi farmaci: l’FDA, da gennaio 2017, ha approvato mediamente 11 brevetti al mese, contro gli 8,5 dell’anno precedente.

Il drastico aumento mensile dei nuovi brevetti. Copiright Cea-White House

Un risultato decisamente importante sopratutto in vista delle elezioni presidenziali, con molti elettori che reputano la sanità uno dei problemi principali del Paese. Gli sforzi del Presidente nel ridurre il costo dei farmaci generici seguono un sondaggio della Kaiser Family Foundation (KFF), che ha scoperto come l’assistenza sanitaria sia la questione più importante per tutti gli elettori ed in particolare tra gli elettori indecisi. Gli indecisi affermano che l’assistenza sanitaria è una delle questioni che li sta motivando di più ad andare a votare alle elezioni presidenziali del 2020.

La disperazione dei mainstream media riguardo questo fatto è a dir poco allucinante, nonostante il Consumer Price Index abbia chiaramente dimostrato una riduzione dei prezzi (vedi foto), NY Times & compagni continuano a sostenere che al momento ci sia un aumento dei prezzi.

Nell’ultimo report del 2019, il Council for Economic Advisors ha citato ogni singolo articolo dimostrando come spesso non si fosse tenuto conto dei farmaci generici.

Il CEA ha scritto che i prezzi dei farmaci da prescrizione sono scesi di oltre l’11% e ben al di sotto dell’inflazione generale.

Nel 2018, i prezzi dei farmaci da prescrizione sono persino diminuiti in termini nominali nell’anno solare per la prima volta dal 1972

Andamento dei prezzi dal 1970 al 2019, fonte Consumer Price Index.
Copiright Cea-White House

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...