Naomi Seibt: chi è l'”anti-Greta” invitata a parlare alla CPAC

Naomi Seibt: lunghi capelli biondissimi, grandi occhi azzurri e viso di porcellana, 19 anni. Chi è l'”anti-Greta” invitata a parlare alla CPAC, la più grande convention annuale del movimento conservatore americano

Lunghi capelli biondissimi, grandi occhi azzurri e viso di porcellana. Si chiama Naomi Seibt, ha 19 anni ed è particolarmente conosciuta in Germania, il suo paese natale, per il canale Youtube che porta avanti.

Infatti, sulla famosa piattaforma video, Seibt fa divulgazione su temi ambientali, ma a differenza della più famosa “collega” svedese, Greta Thunberg, usa un linguaggio più pacato e porta argomentazioni più razionali e ragionevoli.

Se infatti Greta parla, con sguardo bieco e minaccioso, inveendo contro l’auditorium accusando un’Occidente che la coccola e le permette di dire in totale libertà ciò che le passa per la testa, la Seibt invece parla con pragmatismo, attaccando ogni forma di allarmismo climatico con un sorriso ironico a fior di pelle. Per lei si tratta di

un’ideologia spregevole e anti umana.

Per questa ragione i media l’hanno soprannominata “l’anti-Greta”.

Naomi Seibt Vs. Greta Thunberg

Ebbene questa giovane attivista, molto politicamente scorretta, parteciperà alla CPAC la più grande convention annuale organizzata dall’American Conservative Union che si terrà tra oggi e sabato. Avrà l’onore di parlare accanto a numerosi parlamentari del GOP, dei funzionari della Casa Bianca, alcuni tra i più prestigiosi giornalisti ed opinionisti media conservatori, i componenti dello staff che sta seguendo la campagna per la rielezione di Donald Trump e soprattutto, dallo stesso parco dove parlerà il Presidente degli Stati Uniti in persona.

A contattarla è stato l’Heartland Institute, un think tank di orientamento conservatore e libertarian, molto vicino al Donald Trump. Proprio in un video dell’associazione, la Seibt aveva attaccato Greta dicendo

Ho buone notizie per te. Il mondo non sta finendo a causa dei cambiamenti climatici.

aggiungendo:

Ci viene detto di guardare in basso ai nostri successi con colpa, vergogna, disgusto e nemmeno di prendere in considerazione i molti e principali benefici che abbiamo dell’utilizzo dei combustibili fossili come nostra principale fonte di energia.

e ha poi continuato:

Guardati intorno. Viviamo in un’era così straordinaria di rapidi progressi e innovazione. Non ci è permesso essere orgogliosi di questo? Invece i dibattiti vengono chiusi e i veri scienziati perdono il lavoro.

Ma la Seibt non nega le responsabilità dell’uomo per quanto riguarda il cambiamento climatico, tuttavia crede che siano nettamente sopravvalutate.

Le emissioni di CO2 provocate dall’uomo hanno un impatto così forte sul clima? Penso che sia ridicolo crederlo. È importante continuare a mettere in discussione la narrativa che c’è là fuori invece di promuoverla. In questi giorni, la scienza dei cambiamenti climatici in realtà non è affatto una scienza.

Ovviamente, queste posizioni non pagano in termini di visibilità. Mentre Greta Thunberg, nominata nel 2019 “Person of Year” dalla rivista Time, conta 4 milioni di followers su Twitter, Naomi Seibt arriva a malapena 5.000 iscritti al canale.

Tuttavia la partecipazione alla Convention conservatrice potrebbe portarle la visibilità che merita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...