Buon compleanno President Bush! Un presidente Texano nello Studio Ovale

Tanto è stato scritto, spesso a sproposito, su George W. Bush. Un uomo dal carattere certamente complesso e turbolento, ma anche dettato dal nome che porta sulle spalle e dalle aspettative che chiunque ha sempre cercato di riporre su di lui.

Per definire “Dubya”, come viene chiamato l’ex-presidente americano in perfetto accento texano, potrebbe però bastare una parola, che racchiude un intero mondo di pensieri, ricordi e stati d’animo: Midland.

Midland, Texas

In questa cittadina residenziale del Texas occidentale (lungo la strada che da Dallas porta a El Paso), George W. ci è cresciuto, e lo ha poi definito in ogni successivo percorso della sua vita.

Differentemente da suo padre, texano adottivo ma anche profondamente legato all’animo che si potrebbe definire “Yuppieland” appartenente all’East Coast, W. si è sempre sforzato di venire riprodotto nell’immaginario comune come il tipico ragazzo di periferia texana. Un giovanotto che fin dall’infanzia, secondo il vecchio George, indossava vestiti da cowboy e, per non farsi mancare niente, di tanto in tanto imprecava.

Leggi anche: Kennebunkport, Main: l’ancora di salvezza di George H. W. Bush

La Midland degli anni ’60, dove crebbe W. Bush, era un po’ la casa adottiva degli ex-allievi di Harvard e Yale, arrivati fin qui per il boom petrolifero ma, differentemente dai college del New England, aveva un’aria meno arrogantemente intellettuale. Bill Munn, un amico di lunga data di W., ha ricordato che qui:

Se non dici, ‘Bene, come stai, buona giornata,’ sei un coglione pomposo.

I primi anni di George W.

La vita qui scorreva al ritmo delle partite di baseball a scuola e delle “Friday Night Lights”, cioè le partite di football liceale del venerdì sera, che qui raggruppa decine di migliaia di tifosi. Spesso, il piccolo W., veniva portato allo stadio da suo padre per assistere alle partite, e gli amici presenti non mancavo di far notare il carattere irriverente del piccolo Bush. Ma il New England non era tanto lontano dal suo futuro…

Frequentò infatti la scuola privata di Andover, e poi Yale, seguendo lo stesso percorso scolastico del vecchio Bush, e prima di lui anche del nonno Prescott. Da lui questo ci si aspettava e, come George W. ha spesso ricordato, adorava così tanto i suoi genitori, in particolare suo padre, che non ha mai fatto nulla per deluderli in modo intenzionale.

Così come il vecchio George, anche W. aveva un talento naturale nel creare e fortificare amicizie. Secondo i suoi ex compagni di scuola, dopo sei mesi al college conosceva già mezzo campus. Di tanto in tanto, inoltre, non mancava di lasciarsi andare all’esuberanza del suo carattere.

Un giorno andò con gli amici a New Heaven, sede di Princeton, per una partita di football contro la squadra della sua università: Yale. Euforico per la vittoria di quest’ultima, Bush andò sul campo e tentò di abbattere i pali della squadra avversaria, tanto da venire arrestato. I suoi amici iniziarono a urlare contro la polizia: “Liberate Bush!” Poche ore dopo W. venne rilasciato, consapevole di non essere più il benvenuto nel Connecticut.

Solamente crescendo, conoscendo Laura Welch Bush, e soprattutto con la nascita delle figlie, George W. imparò a dare un maggiore rigore alla propria vita, senza mai dimenticarsi del posto del suo cuore.

Proprio il Midland venne da lui citato più volte nel corso della sua campagna a presidente, e i successivi otto anni di amministrazione.

Va infatti dato il giusto merito al Texas dell’Ovest per lo sviluppo umano di George W. Bush. Una terra che incentivò la sua visione dell’America. Una terra, come da lui detto, “dove il cielo è l’unico limite”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...