Wyoming: Analisi di un bastione Repubblicano

Differentemente da quello che in molti – sbagliando – tendono a pensare, facendosi sopraffare da opinioni comuni o da ideologie sociali, il Wyoming è uno stato molto diverso da quelli presenti nel West (e Midwest) che poi forniscono i voti per quelli che saranno i successi (eventuali) del Partito Repubblicano.

“The Cowboy State” (o, se preferite, “The Equality State”) è uno stato ricco, soprattutto da un punto di vista territoriale, e questo va poi a caratterizzare la fisionomia repubblicana qui presente.

Dovete pensare che il Wyoming è tra i primi 10 Stati per Superficie negli USA ma è anche quello meno abitato: soltanto 1/5 dell’1% degli americani vive qui; per intenderci, ha più o meno la popolazione che ha la Basilicata qui in Italia, ma nel suo territorio ci possono stare almeno 25 Basilicate!

Ed è proprio questo un primo punto di partenza per definire il suo carattere politico.

Essendo una Stato così poco abitato non è infatti raro trascorrere delle ore, lasciato un centro abitato, senza incontrare anima viva! Si può andare a cavallo o guidare dall’alba al tramonto persi nella solitudine del Wyoming. Questo fornisce soprattutto un senso di libertà assoluta.

Una libertà, anche, politica

Si potrebbe definire il Wyoming in tre parole: repubblicano, conservatore e indipendente.

E’ uno dei bastioni repubblicani del Paese, ma è diverso da realtà come l’Idaho, lo Utah o, per esempio, i due Stati del Dakota.

E’ uno Stato repubblicano, ed estremamente conservatore in ogni materia – dall’economia, al II Emendamento, alla politica interna e persino estera – tranne in quella sociale, dove si scopre essere liberale, seppur in pochi tendano a riconoscerlo, definendolo nuovamente per ideologie.

Proprio per il carattere conservatore dei suoi abitanti, sarà difficile trovare elettori favorevoli alle unioni o alle adozioni dei gay (esclusa la Teton Valley, in zona Jackson Hole, l’unica area a maggiore densità democratica), ma molti si rifiuteranno di esporsi su questo argomento, dicendosi aperti alle leggi nazionali, rispecchiando le passate decisioni della Corte Suprema.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è l’alta percentuale di produzione di petrolio e carbone che qui avviene, grazie alle enormi riserve naturali sparse in tutto lo Stato. Il Partito Democratico, essendo contrario all’utilizzo di queste risorse, fatica a trovare una forte base di elettori qui, differentemente dal Grand Old Party.

Un’ultima, necessaria analisi, è quella dell’indipendenza. Una qualità che rispecchia il carattere, politico e non solo, di questo Stato. Isolato da praticamente ogni altra grande città americana, uno Stato dai contorni ruvidi e aspri, viene definito in primo luogo dall’utilizzo delle proprie materie prime, dal lavoro agricolo e dall’uso del territorio per il proprio sostentamento. In Wyoming le persone non amano che la politica nazionale definisca la propria, e non pretendono che la propria venga rispecchiata su scala nazionale.

L’indipendenza di essere ciò che si vuole (“Equality State”) senza imporre con autorevolezza le proprie idee al resto del Paese.

Per comprendere dunque l’anima repubblicana e politica del Wyoming, bisogna soprattutto comprendere la libertà che da questo stato deriva. Una libertà dettata dal sudore della terra, dalla solitudine e indipendenza della propria gente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...