Auto Elettriche e California, Tra Squilibri e Squilibrati

Quando i Golden State Warriors, vincitori di 3 degli ultimi 4 titoli di NBA, hanno ingaggiato la star Demarcus Cousins tutti i giornali sportivi d’America titolavano

“The Rich Just Got Richer”

Lo stesso principio vale per i sussidi alle fonti energetiche “green”

Sebbene gli obiettivi di questi programmi di “sviluppo” possano essere nobili, come ad esempio la riduzione dell’inquinamento, spesso portano ad una situazione per la quale i ricchi vengono agevolati, a discapito delle fasce medio basse della popolazione.

Uno studio del Pacific Research Institute (un think thank) ha sottolineato come, il 99% di questi incentivi all’acquisto finisca a cittadini con un reddito superiore a 50.000 dollari l’anno, di questo 99% il 75% ha un reddito superiore a 100.000$.

Le fasce medio basse della popolazione americana non possono permettersi di accedere al sussidio di 7500 dollari per l’acquisto di un’automobile elettrica, questo significa che contribuiscono a pagare con le loro tasse, un bene di lusso.

A peggiorare la situazione, alcuni fabbricatori di automobili sono costretti a vendere in perdita, per attenersi alle regole a trazione statali.

Come spiega Wayne Winegarden del “Pacific Research Institute” :

La California, insieme ad altri 9 stati ha imposto una quota di vendita di ZEV (Zero-Emission Veichles) sul mercato, attualmente questa percentuale si aggira intorno al 4,5% nel 2018 e arriverà ad essere il 22% nel 2025. Il Governatore democratico Jerry Brown sta addirittura considerando l’eliminazione di tutte le auto con motore a combustione interna da dopo l’anno 2040.

Per rispettare queste regole e la % imposta dal governo locale, molte società si trovano costrette o a vendere le automobili al di sotto del costo di produzione, oppure comprano quote di altre società che sono riuscite a far quadrare i numeri o pagano una multa.

Questa scelta comporta ulteriori squilibri nel mercato perché una società come Tesla, che vende solo veicoli elettrici, riceve di conseguenza sussidi da Sacramento, i quali si sommano ai già numerosi aiuti federali.

È facile dunque comprendere come questi incentivi all’acquisto non favoriscano solo i cittadini più ricchi, ma anche le grandi imprese a discapito di quelle medio-piccole.

Eliminare questi favoritismi nel mercato porterà a grandi benefici sia ai consumatori americani sia a tutti gli imprenditori, senza creare alcuna classe privilegiata.

Resta solo da porsi una domanda : che differenza c’è tra un piano quinquennale dell’URSS e l’obbligo di vendita di auto elettriche in California ?

Facciamo i complimenti a Brown, Stalin sarebbe fiero di lui !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...