I salari dei lavoratori americani sono in continuo aumento da dieci anni a questa parte

I cambiamenti nel mercato del lavoro costringono le compagnie a pagare di più.

Anche i lavoratori americani stanno beneficiando dei risultati di una delle più lunghe espansioni economiche di sempre.

La paga oraria media del dipendente è aumentata in modo repentino a febbraio, ciò ha spinto ad un aumento delle retribuzioni del 3,4% nell’arco degli ultimi dieci anni.

Una crescita tanto veloce dei salari si era vista l’ultima volta nel 2009.

Unknown-2.jpeg

Addirittura il deprezzamento ha visto un rallentamento verso la fine del 2018, dal 2.9% della scorsa estate al 1.6%. Cosa significa in soldoni? Gli americani potranno consumare di più con i soldi extra.

Con l’inflazione sotto al 2% i lavoratori stanno osservando guadagni veri

afferma l’economista Tendayi Kapfidze del Broker Online LendingTree

C’è forse qualche ragione per credere che la crescita dei salari si arresterà?

Nonostante le assunzioni siano nettamente calate a febbraio e si sia generato un altro calo del mercato azionario DJIA, -0.09% SPX, -0.21%, il tasso di disoccupazione è sceso al 3.8%, a febbraio, dal 4%, portandolo vicino ad un minimo storico nell’arco di 50 anni.

Infatti si sono generati circa 21 milioni di nuovi posti di lavoro dal 2010 e ciò ha creato uno dei più saldi mercati del lavoro degli ultimi decenni. Inoltre, tra i fattori che costringono la richiesta di lavoro ci sono anche i rigidi controlli sull’immigrazione e il pensionamento di milioni di baby boomer ogni anno.

Dall’inizio della ripresa economica da metà 2009 sino alla fine del 2014, i salari sono cresciuti del 2% o poco meno ogni anno. La crescita ha iniziato ad accelerare – e comunque lentamente – solo tre anni fa.

La carenza di manodopera qualificata è la ragione fondamentale dell’aumento degli stipendi a standard storici. La paga oraria è aumentata con una media del 3% anno dopo anno negli ultimi 30 anni.

Il sito di ricerca di lavoro ZipRecruiter ha evidenziato le difficoltà dei datori di lavoro sulla sfida che è per loro trovare lavoratori qualificati.

Per risolvere questo problema hanno aumentato i salari, espandendo i loro sforzi e migliorando le condizioni di lavoro

ha dichiarato l’economista del lavoro Julia Pollak di Zip Recruiter.

Ma quanto possono aumentare i salari?

Dalla fine della spirale inflazionistica statunitense degli anni ’70 e dei primi anni ’80, la crescita annuale delle retribuzioni orarie ha superato il 4% più volte. Il più recente nel 2006, durante l’apice dell’ultima espansione economica.

La maggior parte degli economisti ritiene che i salari continueranno ad aumentare gradualmente, persino se le assunzioni calassero dal ritmo attuale di circa 200 mila al mese. Gli esperti affermano che l’economia dovrà solamente aggiungere circa 100 mila nuovi posti di lavoro al mese per mantenere la pressione al ribasso sulla disoccupazione.

Mancando un rallentamento più sostenuto della creazione di posti di lavoro, è plausibile che continui una crescita salariale più decisa.

afferma Jim Baird, responsabile degli investimenti presso Plante Moran Financial Advisors.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...