Più di 3,8 milioni di persone hanno abbandonato i buoni pasto sotto l’amministrazione Trump

Più di 3,8 milioni di persone sono usciti dal sistema di distribuzione dei buoni pasto dal primo mese di febbraio del 2017, secondo i dati più recenti del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA).

Gli ultimi dati dell’USDA hanno rivelato che le richieste di buoni alimentari sono scese a 38.577.141 nel novembre 2018, in calo di 3.899.257 da quando Trump è diventato Presidente: allora, 42.134.301 americani ricevevano buoni pasto attraverso il Supplemental Nutrition Assistance Program (SNAP).

Anche l’iscrizione ai buoni alimentari è scesa al livello più basso nell’ultimo decennio. L’ultima volta che la partecipazione complessiva al programma di buoni alimentari è stata così bassa era il novembre 2009, quando 38.184.306 persone erano sussidiate dal governo, secondo i dati dell’USDA.

La domanda complessiva di buoni pasto è diminuita costantemente dal 2013, quando l’amministrazione Obama era al governo e l’iscrizione al programma aveva raggiunto i massimi livelli nella storia della Nazione.

Dopo il 2013, l’iscrizione allo SNAP è crollata una volta che le varie legislature succedutesi al Congresso hanno approvato leggi che imponevano ai beneficiari dei buoni pasto di lavorare, frequentare la scuola, fare volontariato o partecipare alla formazione professionale per un determinato numero di ore settimanali.

Ma l’iscrizione ai buoni alimentari ha continuato a calare sotto l’amministrazione di Trump, in parte per gli sforzi dell’amministrazione per riformare programmi di welfare come lo SNAP a livello federale e statale e di un’economia in miglioramento stimolata dal pacchetto di riforma fiscale di Trump.

L’utilizzo di buoni pasto è diminuito, indirettamente, a causa della stretta di Trump sull’ammissibilità al programma dei buoni alimentari tra gli immigrati arrivati più di recente.

Uno studio ha dimostrato che l’utilizzo di buoni alimentari tra le persone che negli ultimi 5 anni sono emigrate negli Stati Uniti è diminuito del 10%.

Lo studio di novembre di Children’s HealthWatch ha rilevato che il calo delle iscrizioni tra i recenti immigrati è avvenuto principalmente a causa della politica amministrativa di Trump, ancora da implementare, che impedirebbe ai nuovi immigrati di ottenere una residenza permanente negli Stati Uniti se usassero buoni alimentari o altro forme di assistenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...